Diciamo subito che la sostanza è questa: i dati sull’andamento globale delle temperature registrate nel corso del 2017 sono ancora da record. Secondo la NASA, il 2017 è stato il secondo anno più caldo di sempre ed il più caldo tra quelli senza El Nino.  Secondo la NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), che fa i conti in modo leggermente diverso, il 2017 si piazza terzo, poco sotto il 2015. Per essere democristiani potremmo dire che siamo di fronte al triennio più caldo di sempre.
Entrando più nel dettaglio scopriamo che il grafico della Nasa riporta la differenza tra la temperatura registrata ogni anno, ottenuta mediando i valori raccolti nel corso dell’anno in tutto il mondo, con la media calcolata per il ventennio 1880-1899 che viene usato come punto di riferimento. L’anno più caldo di sempre è stato il 2016 con una temperature media globale superiore di 0.99°, poi secondo la Nasa viene il 2017, mentre secondo il Noaa il 2015.

 
Questo grafico illustra la variazione della temperatura superficiale globale relativa alle temperature medie del 1951-1980. Sedici dei 17 anni più caldi del record di 136 anni sono tutti avvenuti dal 2001, ad eccezione del 1998. Il 2016 è considerato il più caldo mai registrato. (Fonte:  NASA / GISS ). Questa ricerca è sostanzialmente coerente con costruzioni simili preparate dall’Unità di  ricerca climatica  e  dall’Amministrazione oceanica e atmosferica nazionale .
Le serie temporali qui sotto mostrano la variazione media quinquennale delle temperature superficiali globali. Il blu scuro indica le aree più fredde della media. Il rosso scuro indica le aree più calde della media.

tempviz_large
Follow @lucatremolada
Articolo

Articoli correlati

  • L’era dei muri che dividono il mondo. I confini della globalizzazioneJuly 1, 2018 L’era dei muri che dividono il mondo. I confini della globalizzazione Secondo uno studio pubblicato nel 2016 dagli esperti della University of Quebec, Elizabeth Vallet, Zoe Barry e Josselyn Guillarmou, quando il Muro di Berlino venne abbattuto, un quarto di secolo fa, erano 16 le recinzioni in tutto il mondo. Oggi sono addirittura 63, che interessano 67 stati, comp...
  • L’era dei muri che dividono il mondo. Le nuove frontiere della globalizzazioneJune 26, 2018 L’era dei muri che dividono il mondo. Le nuove frontiere della globalizzazione Secondo uno studio pubblicato nel 2016 dagli esperti della University of Quebec, Elizabeth Vallet, Zoe Barry e Josselyn Guillarmou, quando il Muro di Berlino venne abbattuto, un quarto di secolo fa, erano 16 le recinzioni in tutto il mondo. Oggi sono addirittura 63, che interessano 67 stati, comp...
  • Il buco dell’ozono è di nuovo in pericolo. Ma non sappiamo ancora perchéMay 17, 2018 Il buco dell’ozono è di nuovo in pericolo. Ma non sappiamo ancora perché (foto: Nasa)La caccia è ufficialmente aperta: una misteriosa fonte di emissioni di clorofluorocarburi sta provocando nuovamente danni allo strato dell’ozono. A lanciare l’allarme sulle pagine di Nature sono stati i ricercatori statunitensi della National Oceanic and Atmospheric...
  • La famiglia Recordati conferma le trattative con CVC sulla cessione del controllo. Il titolo volaJune 21, 2018 La famiglia Recordati conferma le trattative con CVC sulla cessione del controllo. Il titolo vola Il titolo Recordati a Piazza Affari Alberto Recordati, presidente e azionista del gruppo Recordati, ha confermato ieri le voci di stampa che si rincorrono da qualche mese su trattative in corso con CVC Capital Partners per la cessione di una quota del gruppo farmaceutico quotato a Piazza Affari (...
  • Sorgenia, triplica l’utile: “Nel 2018 cresceremo del 40%”May 7, 2018 Sorgenia, triplica l’utile: “Nel 2018 cresceremo del 40%” In Sorgenia lo vivono come il giorno della ripartenza. La compagnia elettrica ha presentato oggi i dati di bilancio del 2017, che segnano il definitivo riscatto dal passato. I numeri sono buoni: ebitda al +30% sul 2016, utile netto triplicato che arriva a 44 milioni (erano 15 nel 2016). E sopratt...
  • Come hanno fatto gli algoritmi a diventare i “lupi” di Wall StreetJuly 16, 2018 Come hanno fatto gli algoritmi a diventare i “lupi” di Wall Street Leonardo DiCaprio, The Wolf of Wall StreetDecine e decine di uomini che compulsano i computer e osservano con ansia l’andamento delle azioni, che urlano al telefono e si sbracciano forsennatamente, facendo gesti incomprensibili, o che si disperano con le mani tra i capelli durante le varie ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *