Il malcontento cova da tempo: vedere il proprio marchio, soprattutto se si è una multinazionale con presenza di un centinaio di mercati e budget a sette zeri, apparire su siti che alla reputation prediligono il clickbite, fa storcere il naso ai manager. Anche perchè il digitale offre oggi strumenti di individuazione del target sempre più profilante: dalla geolocalizzazione fino all’analisi delle preferenze nei diversi settori merceologici. Centrare in modo sempre più selettivo il pubblico che si intende raggiungere con il proprio messaggio pubblicitario è diventato un mantra che, com’era prevedibile, colossi come Google o Amazon hanno trasformato in pianificazione.
Le potenzialità offerte dai big data a chi le sa cogliere hanno inevitabilmente sedotto le grandi aziende sempre più insofferenti nei confronti dei centri media tradizionali, che finora hanno proposto presenze “a pacchetto” dei brand su più media, sacrificando la qualità sull’altare della quantità. Una tattica che risulta sempre più indigesta. Non arriva per caso la protesta di colossi come Procter & Gamble o Unilever che mal sopportano il posizionamento dei propri marchi in contesti che ritengono poco adeguati. Con riferimento non casuale a Facebook, che con i suoi 16 miliardi di ricavi l’anno si propone come leader di un mercato in via di costruzione
Sono molte le iniziative messe in campo che in vario modo cercano di attrarre le esigenze sempre più raffinate degli inserzionisti. Ma il punto è che il digitale alza sempre più l’asticella della profilazione dell’inserzionista del web. Che sempre più spesso vuole, anzi, pretende di apparire su

Articoli correlati

  • Facebook cambia la privacy per evitare multe UeJanuary 29, 2018 Facebook cambia la privacy per evitare multe Ue In vista dell’entrata in vigore di regole Ue stringenti sulla protezione dei dati, Facebook ha pubblicato per la prima volta i cosiddetti “principi per la privacy”. La mossa da parte del piu’ grande social network al mondo e’ vista come un modo per prepararsi all&rs...
  • Le ultime scommesse dei venture su media, biotech alimentari e retail, secondo U-StartFebruary 13, 2018 Le ultime scommesse dei venture su media, biotech alimentari e retail, secondo U-Start di Andrea Colombo, amministratore delegato di U-Start* Il venture capital è un business complicato e rischioso: pochi sono i fondi che riescono a generare ritorni interessanti. Questa difficoltà nel maturare performance attraenti nel VC è perfettamente riassunta in quest...
  • In Germania entra in vigore la legge contro l’hate speechJanuary 2, 2018 In Germania entra in vigore la legge contro l’hate speech (Immagine: pixabay)In Germania entra in vigore la cosiddetta “legge Facebook”. La legge si rivolge a tutti i social media che hanno più di due milioni di iscritti i quali, come prescritto dalla Netwerkdurchsetzungsgesetz (NetzDG), dovranno rimuovere i contenuti incriminati...
  • Le Marche migliore regione italiana per interazioni socialFebruary 15, 2018 Le Marche migliore regione italiana per interazioni social (Photo: Karolina Szczur/ Unsplash)Più di 61mila post e 14 milioni di interazioni generate complessivamente: sono i numeri della promozione turistica delle Regioni italiane sui canali social ufficiali, all’interno di un report che ha incoronato le Marche per il miglior ...
  • Anche Facebook sta per produrre una cassa intelligenteFebruary 15, 2018 Anche Facebook sta per produrre una cassa intelligente Mark Zuckerberg, al timone di FacebookOrmai è quasi certo: dopo le proposte, nell’ordine, di Amazon, Google, Microsoft e Apple, anche Facebook ha un altoparlante intelligente in pronto a vedere la luce. Anzi, due: le prime voci erano emerse ad agosto dell’anno scorso ma ora, st...
  • Il futuro delle Telco , il declino dei servizi tradizionali e i numeriNovember 23, 2017 Il futuro delle Telco , il declino dei servizi tradizionali e i numeri media Dal 2011 Amazon, Facebook, Google e Netflix hanno messo agli atti una crescita dei ricavi in percentuali fra il 20 e il 37%, ogni anno. Gli operatori di telefonia mobile nel mondo quelle percentuali però se le sognano. Al massimo si parla del 6% di crescita dei ricavi, ma nel 2011. ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *