I dati croce e delizia. Facebook, colosso da due miliardi di utenti che proprio sui dati poggia le sue fondamenta, è alle prese con una controversia legale che potrebbe scatenare un enorme effetto domino. E i cui potenziali effetti sono incalcolabili. Tutto nasce da una sentenza di un tribunale di Berlino, che di fatto dà un sonoro ceffone alle mosse attuali sui dati personali applicate da Facebook. Un giudice tedesco, dopo le richieste di un’associazione di consumatori (la Vzbv), ha stabilito che sarà possibile iscriversi al social network di Mark Zuckerberg anche senza alcun obbligo di fornire i propri dati personali autentici.
Ergo: chi vorrà iscriversi con un nickname fasullo potrà farlo. E inoltre, non sarà più considerata valida la clausola, contenuta nelle condizioni generali del social network, secondo cui l’azienda con sede a Menlo Park può cedere ad aziende terze i dati personali e l’immagine del profilo. La sentenza del tribunale berlinese ha dichiarato non valide 8 clausole delle condizioni generali e 5 impostazioni predefinite. Attualmente non è ancora passata in giudicato e il colosso del web ha già annunciato di voler ricorrere in appello contro questa decisione. Ma l’impressione è che a Berlino tiri una brutta aria per Facebook.
«Facebook nasconde le preferenze che non favoriscono la tutela della privacy nel suo centro privato, senza dare informazione di questo durante la registrazione in modo sufficiente», ha affermato il referente giuridico dell’Associazione dei consumatori, Heiko Duenkel. Un portavoce dell’azienda di Zuckerberg ha invece ribadito il massimo impegno a rispettare

Articoli correlati

  • Da Vero a Diaspora, storia dei non concorrenti di ZuckerbergMarch 1, 2018 Da Vero a Diaspora, storia dei non concorrenti di Zuckerberg Vero, il nuovo social network anti Facebook (Foto: Alexa Suter/ Unsplash)L’ultima in ordine cronologico è Vero: la piattaforma che si accredita come l’anti–Instagram per raccogliere le iscrizioni di chi contesta le novità dell’app di Zuckerberg, fra time...
  • Com’è cambiato il modo di cancellare i dati delle app su FacebookApril 18, 2018 Com’è cambiato il modo di cancellare i dati delle app su Facebook Effetto Cambridge Analytica: pervenuto. Mentre Mark Zuckerberg veniva interrogato dal Congresso degli Stati Uniti – in quello che è sembrato un processo sommario, specie al Senato –  a Menlo Park si adoperavano per snellire le procedure con le quali cancellare i dati delle...
  • Come cancellarsi da Facebook e dagli altri social networkMarch 20, 2018 Come cancellarsi da Facebook e dagli altri social network Chi è stanco di stare appresso a notifiche, commenti, cuoricini e qualsivoglia contenuto sui propri profili social, al netto delle “diete digitali” (come non bastassero quelle alimentari), può sempre scegliere di cancellarsi da Facebook o dalle altre ...
  • Facebook oltre le stime degli analisti: utili per 4,99 miliardi di dollariApril 25, 2018 Facebook oltre le stime degli analisti: utili per 4,99 miliardi di dollari I profitti del primo trimestre di Facebook hanno superato le stime degli analisti, grazie soprattutto alla spinta dai contenuti video. L’utile netto attribuibile agli azionisti del social network di Mark Zuckerberg è salito a 4,99 miliardi di dollari, pari a 1,69 dollari per azione,...
  • Perché Facebook ci segue anche fuori da Facebook?April 17, 2018 Perché Facebook ci segue anche fuori da Facebook? (Immagini: geralt/pixabay/CC)Cosa è in grado di conoscere Facebook sui suoi utenti quando sono sul social network e anche quando non ci sono? Nel corso della seconda audizione al Congresso degli Stati Uniti, Mark Zuckerberg era stato incalzato da almeno due deputati in merito ai dati che i...
  • Un italiano su tre non distingue la pubblicità su Facebook e InstagramApril 5, 2018 Un italiano su tre non distingue la pubblicità su Facebook e Instagram (Photo credit should read LOIC VENANCE/AFP/Getty Images)Dopo la prima edizione dell’anno scorso, anche nel 2018 torna la ricerca della società di analisi Blogmeter che indaga i comportamenti degli italiani su social network e piattaforme di messaggistica istantanea. Come l’anno...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *