I dati croce e delizia. Facebook, colosso da due miliardi di utenti che proprio sui dati poggia le sue fondamenta, è alle prese con una controversia legale che potrebbe scatenare un enorme effetto domino. E i cui potenziali effetti sono incalcolabili. Tutto nasce da una sentenza di un tribunale di Berlino, che di fatto dà un sonoro ceffone alle mosse attuali sui dati personali applicate da Facebook. Un giudice tedesco, dopo le richieste di un’associazione di consumatori (la Vzbv), ha stabilito che sarà possibile iscriversi al social network di Mark Zuckerberg anche senza alcun obbligo di fornire i propri dati personali autentici.
Ergo: chi vorrà iscriversi con un nickname fasullo potrà farlo. E inoltre, non sarà più considerata valida la clausola, contenuta nelle condizioni generali del social network, secondo cui l’azienda con sede a Menlo Park può cedere ad aziende terze i dati personali e l’immagine del profilo. La sentenza del tribunale berlinese ha dichiarato non valide 8 clausole delle condizioni generali e 5 impostazioni predefinite. Attualmente non è ancora passata in giudicato e il colosso del web ha già annunciato di voler ricorrere in appello contro questa decisione. Ma l’impressione è che a Berlino tiri una brutta aria per Facebook.
«Facebook nasconde le preferenze che non favoriscono la tutela della privacy nel suo centro privato, senza dare informazione di questo durante la registrazione in modo sufficiente», ha affermato il referente giuridico dell’Associazione dei consumatori, Heiko Duenkel. Un portavoce dell’azienda di Zuckerberg ha invece ribadito il massimo impegno a rispettare

Articoli correlati

  • Facebook, il caso Boldrini dimostra che la privacy può passare in secondo pianoFebruary 4, 2018 Facebook, il caso Boldrini dimostra che la privacy può passare in secondo piano È un artigiano di Torano Castello, piccolo comune del cosentino disteso sulla valle del Crati, l’autore del fotomontaggio comparso su Facebook che ritraeva Laura Boldrini con la testa insanguinata e la scritta “Sgozzata da un nigeriano inferocito, questa è la fine che d...
  • Zuckerberg studia le criptovalute: Facebook pensa a un suo bitcoin?January 9, 2018 Zuckerberg studia le criptovalute: Facebook pensa a un suo bitcoin? Mark Zuckerberg si mette alla prova ogni anno per imparare qualcosa di nuovo. E il 2018 di Facebook potrebbe essere dedicato alle criptovalute. Stando a quanto sottolinea il fondatore del social network nel suo post di inizio anno in cui delinea le priorità del prossimo futuro, la sfida a...
  • Dal Fisco alle fake news, tutte le volte in cui Zuckerberg è stato costretto a correggersiJanuary 24, 2018 Dal Fisco alle fake news, tutte le volte in cui Zuckerberg è stato costretto a correggersi Correggiti ancora, Mark. Il fondatore di Facebook ha inaugurato l’anno con il buon proposito di migliorare il suo social network, e non solo. L’ultima ammissione di colpa, in ordine di tempo, è quella legata al fisco: «La nostra decisione di pagare le tasse localmente &n...
  • Facebook punta sui gruppi: bando di milioni di dollari per i miglioriFebruary 9, 2018 Facebook punta sui gruppi: bando di milioni di dollari per i migliori Londra – Un milione di dollari a ciascuno dei cinque migliori gruppi Facebook, da usare a proprio piacimento per migliorare la propria comunità online e offline, a cui si aggiunge un momento di formazione a Menlo Park. Altri 50mila dollari saranno assegnati a 100 amministratori,...
  • Le due domande che Facebook farà agli utenti per stabilire l’attendibilità delle fontiJanuary 24, 2018 Le due domande che Facebook farà agli utenti per stabilire l’attendibilità delle fonti (Immagine; pixabay/CC0 Creative Commons)Il sito BuzzFeed News ha reso note le domande che Facebook proporrà ai suoi utenti per stabilire l’attendibilità delle notizie. L’autenticità del sondaggio è stata confermata da un portavoce di Facebook...
  • Facebook fa rottaJanuary 22, 2018 Facebook fa rotta «Se non ci sei non esisti»: era il titolo di una commedia americana di una decina di anni fa; oggi è il motto delle piccole e medie imprese che si affacciano sui social network: scelta obbligata se si vuole “esistere” e crescere. Gli esperti di marketing insegnano ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *