(Foto: Lintao Zhang/Getty Images)È passato ormai un anno da quando il modulo della stazione spaziale cinese Tiangong-1 è stato dichiarato fuori controllo. E, dato che secondo le ultime previsioni il suo rientro (del tutto incontrollato) in atmosfera avverrà in questi primi mesi del 2018, il lavoro da parte degli esperti di tutto il mondo scientifico si fa sempre più fervente: capire e individuare il punto di caduta della pioggia di detriti che potrebbe derivarne. Secondo le ultime stime, la maggior parte dei componenti brucerà disintegrandosi durante la caduta nell’atmosfera terrestre, mentre quei pochi frammenti che sopravviveranno all’impatto, cadranno in una zona compresa fra il 43° parallelo Nord e il 43° parallelo Sud, un’area comprendente anche parte dell’Italia, da Firenze in giù.
A riferirlo è il gruppo di studio S5 Lab, guidato da Fabrizio Piergentili e Fabio Santoni dei dipartimenti di Ingegneria meccanica e aero-spaziale e Ingegneria astronautica, elettrica ed energetica dell’università Sapienza di Roma. “Di prassi, il rientro dei satelliti dovrebbe avvenire in maniera controllata, imponendo da Terra una traiettoria che porti eventuali residui, ad impattare in zone disabitate, per lo più nell’area del Pacifico”, spiega Piergentili. “Ma in questo caso partiamo da condizioni differenti, perché non è possibile intervenire e modificare la rotta del modulo fuori controllo e la comunità scientifica internazionale sta lavorando per affrontare la nuova problematica”.
Tiangong-1, anche nota come Heavenly Palace (Palazzo celeste), è lunga 10,5 metri per oltre 8 tonnellate di peso ed è la stazione spaziale made in China lanciata nel settembre del 2011, come

Articoli correlati

  • Tiangong-1, come seguire la Stazione spaziale che sta per cadere sulla TerraMarch 23, 2018 Tiangong-1, come seguire la Stazione spaziale che sta per cadere sulla Terra Tiangong-1 in caduta libera: secondo gli ultimi aggiornamenti la stazione spaziale cinese sta precipitando verso la Terra. Il suo ingresso nell’atmosfera terrestre, per la precisione, è previsto fra il 30 marzo e il 6 aprile: nei giorni di Pasqua potrebbe anche capitare che qualche f...
  • Per la prima volta, il più ampio albero genealogico digitale dell’umanitàMarch 2, 2018 Per la prima volta, il più ampio albero genealogico digitale dell’umanità Foto: PixabayIl più grande albero genealogico digitale è stato realizzato oggi da un gruppo di ricercatori statunitensi, che ha analizzato i profili pubblici di milioni di utenti registrati su una piattaforma dedicata, ricostruendone le linee familiari attraverso varie gen...
  • Festa della mamma: oggi è la festa delle equilibristeMay 13, 2018 Festa della mamma: oggi è la festa delle equilibriste Domenica è la festa delle equilibriste. Così ha infatti definito le mamme italiane Save the Children, che ieri (giovedì 10) ha diffuso il suo rapporto sulla maternità in Italia. Uno studio che mette insieme diverse fonti statistiche per elaborare il Mother’s...
  • Festa della mamma: la misura di quanto è difficile essere madre in ItaliaMay 11, 2018 Festa della mamma: la misura di quanto è difficile essere madre in Italia Domenica è la festa delle equilibriste. Così ha infatti definito le mamme italiane Save the Children, che ieri (giovedì 10) ha diffuso il suo rapporto sulla maternità in Italia. Uno studio che mette insieme diverse fonti statistiche per elaborare il Mother’s...
  • Cos’è il buran, il vento che sta gelando l’ItaliaFebruary 23, 2018 Cos’è il buran, il vento che sta gelando l’Italia (Immagine: jill111/pixabay)Tempo gelido sulla Penisola, come ampiamente riportato da molti media. Il responsabile di questo inverno atipico è il buran, un vento gelido tipico dell’ovest degli Urali che, di norma, prosegue il suo viaggio verso est fino all’Asia. Con minore frequ...
  • Una mappa interattiva per il climate changeMarch 25, 2018 Una mappa interattiva per il climate change Cos’hanno in comune Cincinnati e Vicenza. Molto più di quello che potrebbe sembrare, almeno per quanto riguarda il clima. Utilizzando la nuova mappa interattiva messa a punto dalla University of Cincinnati per comparare le diverse condizioni climatiche in tutto il globo si può...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *