(Foto: Lintao Zhang/Getty Images)È passato ormai un anno da quando il modulo della stazione spaziale cinese Tiangong-1 è stato dichiarato fuori controllo. E, dato che secondo le ultime previsioni il suo rientro (del tutto incontrollato) in atmosfera avverrà in questi primi mesi del 2018, il lavoro da parte degli esperti di tutto il mondo scientifico si fa sempre più fervente: capire e individuare il punto di caduta della pioggia di detriti che potrebbe derivarne. Secondo le ultime stime, la maggior parte dei componenti brucerà disintegrandosi durante la caduta nell’atmosfera terrestre, mentre quei pochi frammenti che sopravviveranno all’impatto, cadranno in una zona compresa fra il 43° parallelo Nord e il 43° parallelo Sud, un’area comprendente anche parte dell’Italia, da Firenze in giù.
A riferirlo è il gruppo di studio S5 Lab, guidato da Fabrizio Piergentili e Fabio Santoni dei dipartimenti di Ingegneria meccanica e aero-spaziale e Ingegneria astronautica, elettrica ed energetica dell’università Sapienza di Roma. “Di prassi, il rientro dei satelliti dovrebbe avvenire in maniera controllata, imponendo da Terra una traiettoria che porti eventuali residui, ad impattare in zone disabitate, per lo più nell’area del Pacifico”, spiega Piergentili. “Ma in questo caso partiamo da condizioni differenti, perché non è possibile intervenire e modificare la rotta del modulo fuori controllo e la comunità scientifica internazionale sta lavorando per affrontare la nuova problematica”.
Tiangong-1, anche nota come Heavenly Palace (Palazzo celeste), è lunga 10,5 metri per oltre 8 tonnellate di peso ed è la stazione spaziale made in China lanciata nel settembre del 2011, come

Articoli correlati

  • Maltempo, pioggia e neve portano disagi in tutta ItaliaDecember 28, 2017 Maltempo, pioggia e neve portano disagi in tutta Italia Il maltempo non ha dato tregua ai disagi in queste ultime ore. In Trentino sono caduti fino a 80 centimetri di neve e la viabilità, benché generalmente buona, diventa problematica mano a mano che ci si avvicina ai passi del Pordoi e del Sella. A Madonna di Campiglio qualche problema...
  • Bicarbonato di sodio contro il cancro, perché la “terapia Simoncini” è una bufalaJanuary 16, 2018 Bicarbonato di sodio contro il cancro, perché la “terapia Simoncini” è una bufala (foto: Julia Ewan/Getty Images)L’ultima notizia è la condanna di Tullio Simoncini, ex medico già radiato dall’ordine professionale in Italia, a cinque anni e mezzo con l’accusa di omicidio colposo ed esercizio abusivo della professione. Nel 2012 Simoncini...
  • Lo spettacolo della SuperlunaJanuary 2, 2018 Lo spettacolo della Superluna La sera del primo gennaio in cielo è stato possibile vedere una Superluna: intorno alle 23 il nostro satellite era infatti a una distanza di 356.565 km dalla Terra (la distanza media durante l’orbita è di 384mila km). Risultato: una sfera piena più grande e luminos...
  • Logigram, il giradischi minimal Made in ItalyJanuary 9, 2018 Logigram, il giradischi minimal Made in Italy Continua il trend delle campagne di raccolta fondi destinate a finanziare la produzione di giradischi per i vinili; oggi presentiamo il crowdfunding di Logigram, un giradischi tradizionale nella funzione ma progettato utilizzando le soluzioni tecnologiche più moderne. Logigram &e...
  • La Cina è l’ago della bilancia su un attacco alla Corea (ma non lo vuole)December 1, 2017 La Cina è l’ago della bilancia su un attacco alla Corea (ma non lo vuole) La foto della Korean Central News Agency ritrae Kim Jong-un insieme a quella che dovrebbe essere per il regime una bomba all’idrogeno (Foto: Korean Central News Agency)L’ago della bilancia è Xi Jinping. Al presidente cinese tocca la prossima mossa sull’escalation militare...
  • Davos, il mondo è spaccato fra (pochi) ricchi e (troppi) poveri e l’Italia non fa eccezioneJanuary 22, 2018 Davos, il mondo è spaccato fra (pochi) ricchi e (troppi) poveri e l’Italia non fa eccezione (Foto: Roma 2017/Simone Cosimi)In occasione del Forum economico mondiale in corso a Davos Oxfam torna a denunciare un mondo fuori controllo. Mentre centinaia di milioni di persone lottano per la sopravvivenza, non solo nei Paesi storicamente in via di sviluppo, le élite vanno sem...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *