Germania contro Facebook, sì ai nickname per la privacy

Il Tribunale di Berlino ha dato ragione alla Federazione delle organizzazioni di consumatori tedeschi (Vzbv) contro la decisione di Facebook di vietare agli utenti di utilizzare pseudonimi al posto dei loro veri nomi. Una sentenza emessa a gennaio ma resa nota solo oggi che si rifà alla legge sulla privacy.
Facebook ha annunciato ricorso ma anche che terrà conto delle indicazioni relative alla privacy, allineandosi ai dettami imposti dall’Ue che entreranno in vigore il prossimo mese di giugno. Raggiunto da Reuters un portavoce di Menlo Park ha confermato che “stiamo lavorando per garantire che le nostre linee guida siano facili da capire e che i servizi offerti da Facebook siano conformi alle leggi”.
La corte tedesca ha anche sostenuto che Facebook, vietando agli utenti di usare nickname, ha in realtà messo in atto un modo occulto di ottenere il loro consenso di utilizzarne i rispettivi nomi a fini commerciali e di catalogazione. Anche l’assenza di informazioni chiare circa le impostazioni predefinite in materia di privacy, tra le quali la condivisione della posizione geografica degli utenti, ha tratto in inganno i cittadini tedeschi.
Nonostante la doppia vittoria, per quanto in primo grado, la Vzbv ha annunciato ricorso perché il tribunale berlinese ha rigettato la teoria secondo cui Facebook non è gratuito, ma chi ne fa uso paga con i propri dati personali.
Gli scenari possibili giocano complessivamente a svantaggio di Facebook. Non è escluso che nei gradi di giustizia successivi parti della sentenza vengano ribaltate, restano però cruciali le leggi sulla privacy dell’Unione europea che sono

Articoli correlati

  • Facebook punta sui gruppi: bando di milioni di dollari per i miglioriFebruary 9, 2018 Facebook punta sui gruppi: bando di milioni di dollari per i migliori Londra – Un milione di dollari a ciascuno dei cinque migliori gruppi Facebook, da usare a proprio piacimento per migliorare la propria comunità online e offline, a cui si aggiunge un momento di formazione a Menlo Park. Altri 50mila dollari saranno assegnati a 100 amministratori,...
  • Facebook aprirà in Italia un centro per diffondere la cultura digitaleJanuary 22, 2018 Facebook aprirà in Italia un centro per diffondere la cultura digitale Saranno tre i centri europei che Facebook dedicherà alla diffusione della cultura digitale. Uno in Spagna, uno in Polonia e l’altro in Italia. L’obiettivo di Menlo Park è quello di istruire un milione di persone nel corso dei prossimi 2 anni perché, come ha sottol...
  • No, non è così che riuscirai ad hackerare l’algoritmo di FacebookFebruary 6, 2018 No, non è così che riuscirai ad hackerare l’algoritmo di Facebook Più sicuro delle occupazioni (anzi, “okkupazioni”) nelle scuole in autunno c’è solo una cosa: i post da copia-incollare sui social network per informare tutti di cose che puntualmente non sono neanche vere. La new entry si riferisce – o meglio, vorrebbe ...
  • Cos’è questa storia di Facebook che raccoglie i dati dei tuoi smsMarch 26, 2018 Cos’è questa storia di Facebook che raccoglie i dati dei tuoi sms Dopo lo scoppio dello scandalo Cambridge Analytica, non passa giorno che Facebook non debba rispondere a qualche nuova accusa. L’ultima riguarda sempre la protezione dei dati: da un articolo di ArsTechnica è emerso che tra i dati raccolti dal social network &ndash...
  • Come diminuire le notifiche dei Gruppi FacebookFebruary 26, 2018 Come diminuire le notifiche dei Gruppi Facebook Sul fatto che gli utenti possano essere iscritti ai Gruppi da altri, senza previo consenso, nessuna notizia. In compenso, Facebook sembra voler ripulire la sezione notifiche proprio dagli avvisi provenienti dai Gruppi. L’obiettivo, dice un avviso comparso nella versione mobile di Facebook s...
  • Come sapere se i tuoi dati sono stati condivisi da Cambridge AnalyticaApril 10, 2018 Come sapere se i tuoi dati sono stati condivisi da Cambridge Analytica Facebook ha messo ha disposizione una pagina in cui ciascun utente può controllare se le sue informazioni sono state passate a Cambridge Analytica. Secondo le ricostruzioni, infatti, i dati passati all’azienda non erano solo di chi ha materialmente utilizzato un’app (“Thi...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *