Produrre bitcoin consuma molta energia. Troppa

Il dettaglio di un centro di estrazione di bitcoinNegli ultimi mesi il continuo rimbalzo dei prezzi di bitcoin ha innescato dubbi non solo sulla sostenibilità finanziaria della criptovaluta, ma anche sull’impatto ambientale della blockchain. Una delle conseguenze più interessanti e non intenzionali dell’aumento di prezzo è stata l’impennata del consumo globale di energia. Migliaia di nuovi bitcoin vengono creati ogni giorno attraverso un processo noto come mining. Ciascun token (l’unità di una criptovaluta) richiede la risoluzione di un complesso puzzle matematico attraverso processi crittografici eseguiti da potenti computer. Più bitcoin si creano, più aumenta il tasso di difficoltà dei calcoli, più cresce il fabbisogno di elettricità. Secondo gli esperti dell’università di Cambridge il consumo energetico della rete continuerà a salire nei prossimi mesi destando preoccupazioni sul fronte della sostenibilità ambientale.
Quando i bitcoin aumentano di valore, più macchine vengono collegate per minare criptovalute e il consumo di energia dei sistemi computazionali cresce esponenzialmente. Secondo un rapporto pubblicato qualche settimana fa da Morgan Stanley, la potenza computazionale necessaria per creare ciascun token digitale consumerebbe almeno la stessa quantità di elettricità che la famiglia media americana consuma in due anni. Quest’anno la domanda di energia legata al mining sarebbe destinata a triplicare. Gli analisti prevedono che l’estrazione di bitcoin arriverà a consumare più di 125 terawattora di elettricità entro i prossimi dodici mesi, pari allo 0,6% del consumo mondiale, un livello che i veicoli elettrici non raggiungeranno fino al 2025. Lo scorso anno la blockchain di bitcoin ha consumato 36 terawatt di energia, tanto quanto uno

Articoli correlati

  • Tesla vede ancora rosso: Musk dribbla gli analisti ma scivola in BorsaMay 3, 2018 Tesla vede ancora rosso: Musk dribbla gli analisti ma scivola in Borsa È stata la conference call “più insolita degli ultimi venti anni”, secondo Morgan Stanley. Nell’occhio del ciclone ci sono Elon Musk e la sua Tesla. Sono stati presentati oggi i risultati del primo trimestre del 2018 e non sono mancare le scintille tra gli ana...
  • “Bitcoin come una moneta estera”: il Fisco tassa i guadagni da criptovaluteMay 4, 2018 “Bitcoin come una moneta estera”: il Fisco tassa i guadagni da criptovalute Addio paradisi criptofiscali: anche per i bitcoin è venuto il tempo delle tasse, già dalla prossima dichiarazione dei redditi. A dirlo, dopo il grande “boh!” normativo degli ultimi anni, è stata la direzione regionale dell’Agenzia delle entrate della Lombard...
  • Stablecoin: come funzionano gli “anti-bitcoin” con un prezzo stabileJuly 18, 2018 Stablecoin: come funzionano gli “anti-bitcoin” con un prezzo stabile (Foto: ROSLAN RAHMAN/AFP/Getty Images)Qual è il più grande difetto del bitcoin e delle criptovalute? Chiedete a chiunque e la risposta sarà quasi sempre la stessa: la volatilità. E se consideriamo che sei mesi fa un bitcoin valeva più o meno tre volte quanto val...
  • Cos’è lo spread e che impatto può avere una sua impennata?May 28, 2018 Cos’è lo spread e che impatto può avere una sua impennata? Oggi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha affidato l’incarico di formare un nuovo governo all’economista ed ex commissario alla revisione della spesa pubblica, Carlo Cottarelli. Lo scenario politico italiano è incandescente, con l’incognita di nuove elezion...
  • Fare shopping con bitcoin e criptovalute: ecco chi li accettaJune 27, 2018 Fare shopping con bitcoin e criptovalute: ecco chi li accetta Una delle critiche ricorrenti alle criptovalute è che nessuna di loro è facilmente utilizzabile come moneta di scambio per gli acquisti quotidiani. Ma le cose stanno cambiano e malgrado un oscuro panorama normativo sempre più commercianti accettano valuta digitale. Secondo i ...
  • Perché collezionare figurine via social costa un terzo che in edicolaJuly 9, 2018 Perché collezionare figurine via social costa un terzo che in edicola Il mercato delle figurine, di Serie A o dei Mondiali, è morto? No, è semplicemente evoluto dietro la tecnologia. Console e smartphone sono avversari temibili e massivi – i ragazzi preferiscono i joystick alle stickers – ma i collezionisti di lunga data continuano a prova...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *