(Foto: Afp/Getty Images)Riprodurre la fotosintesi delle piante, per rendere più pulito il nostro pianeta assorbendo l’anidride carbonica emessa nell’atmosfera, uno dei principali responsabili dell’effetto serra e dei cambiamenti climatici in atto. È quanto sta provando a fare un’équipe di scienziati del Max-Planck Institute for Terrestrial Microbiology di Marburg, in Germania, che è riuscita a identificare un meccanismo di biosintesi per convertire l’anidride carbonica in sostanze organiche innocue usando un enzima che si è rivelato 20 volte più efficiente di quello sfruttato, per l’appunto, nel processo di fotosintesi delle piante. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati sulla rivista Science.
“Abbiamo notato”, spiega Tobias Erb, primo autore dello studio, “che gli sforzi fatti finora dalla comunità scientifica per ricreare un meccanismo di sintesi dell’anidride carbonica in un organismo vivente non hanno avuto grandi successi. Abbiamo scelto, quindi, un approccio completamente diverso, mettendo insieme i componenti chimici di sintesi in una semplice provetta”. In particolare, gli scienziati hanno selezionato 17 composti enzimatici da 9 diversi organismi viventi e li hanno mescolati e analizzati in vitro per isolare i processi biochimici più efficienti nella riduzione di anidride carbonica, sia in termini di ingredienti che di condizioni termodinamiche. “Abbiamo anzitutto ricostruito la sequenza di riduzione dell’anidride carbonica”, spiega ancora Erb, “ottenuta tramite diversi ingredienti che catalizzassero la reazione. In seguito, abbiamo individuato i punti deboli della reazione stessa, che ne diminuiscono l’efficienza”.
Il responsabile, secondo l’analisi degli scienziati, è un enzima chiamato metilsuccinil-CoA deidrogenasi (Mcd), coinvolto nella respirazione cellulare, ovvero il processo di metabolismo con cui

Articoli correlati

  • Chi era Stefano Rodotà, primo garante italiano della privacyJune 23, 2017 Chi era Stefano Rodotà, primo garante italiano della privacy (foto: Fabio Cimaglia / LaPresse)Stefano Rodotà, primo garante della privacy italiano, giurista e più volte eletto alla Camera dei deputati, è scomparso all’età di 84 anni. Nato a Cosenza nel 1933, Rodotà ha insegnato diritto civile dal 1966 ed è st...
  • Immigrati, quanto ci stanno aiutando a casa nostra?July 13, 2017 Immigrati, quanto ci stanno aiutando a casa nostra? L’immigrazione non è un tema da 140 caratteri. Non è nemmeno liquidabile come opportunità per gli italiani se non si tiene conto delle difficoltà e degli ostacoli che l’integrazione comporta per il nostro paese. Senza retorica. Cosa guadagniamo o cosa perdi...
  • Tutto quello che c’è da sapere sull’allattamento al senoJuly 25, 2017 Tutto quello che c’è da sapere sull’allattamento al seno (foto: Getty Images)Qualcuno dice faccia bene e sia addirittura indispensabile. Altri sostengono, invece, che sia inutile e talvolta dannoso. Nonostante in tema di allattamento al seno si sentano i pareri più disparati, il verdetto della scienza è piuttosto deciso. Fatto qualche ind...
  • Incendi, ecco la mappa dell’Italia che bruciaJuly 13, 2017 Incendi, ecco la mappa dell’Italia che brucia Il Vesuvio in fiamme. Foto LaPresse – Gerardo CafaroPiù di 26mila ettari di boschi bruciati. E solo nell’ultimo mese. Una cifra pari al 98,3% della superficie distrutta dalle fiamme nell’intero 2016. Sono numeri drammatici quelli resi noti da Legambiente nel suo Dossier i...
  • Crearsi gli euro da soli? Banca d’Italia smonta la bufalaJune 15, 2017 Crearsi gli euro da soli? Banca d’Italia smonta la bufala (Foto: Banca d’Italia)Hai il mutuo da pagare? Che ci vuole. Ti stampi 2-300mila euro e via, estingui subito il debito. Chi non ha mai sognato, in effetti, di poter stamparsi la propria moneta? Ecco, in tempo di recessione (e di bufale) c’è chi assicura che sia possibile crearsi...
  • È cominciata la sesta grande estinzione delle specieJuly 12, 2017 È cominciata la sesta grande estinzione delle specie (Foto: Getty Images)Per cinque volte, nella sua esistenza, il nostro pianeta ha attraversato periodi di grandi estinzioni. In cui fauna e flora, in termini sia di numero di specie che di numero di individui, sono state decimate. E ora la storia si ripete: stando a uno studio pubblicato sui Procee...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *