(Foto: Afp/Getty Images)Riprodurre la fotosintesi delle piante, per rendere più pulito il nostro pianeta assorbendo l’anidride carbonica emessa nell’atmosfera, uno dei principali responsabili dell’effetto serra e dei cambiamenti climatici in atto. È quanto sta provando a fare un’équipe di scienziati del Max-Planck Institute for Terrestrial Microbiology di Marburg, in Germania, che è riuscita a identificare un meccanismo di biosintesi per convertire l’anidride carbonica in sostanze organiche innocue usando un enzima che si è rivelato 20 volte più efficiente di quello sfruttato, per l’appunto, nel processo di fotosintesi delle piante. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati sulla rivista Science.
“Abbiamo notato”, spiega Tobias Erb, primo autore dello studio, “che gli sforzi fatti finora dalla comunità scientifica per ricreare un meccanismo di sintesi dell’anidride carbonica in un organismo vivente non hanno avuto grandi successi. Abbiamo scelto, quindi, un approccio completamente diverso, mettendo insieme i componenti chimici di sintesi in una semplice provetta”. In particolare, gli scienziati hanno selezionato 17 composti enzimatici da 9 diversi organismi viventi e li hanno mescolati e analizzati in vitro per isolare i processi biochimici più efficienti nella riduzione di anidride carbonica, sia in termini di ingredienti che di condizioni termodinamiche. “Abbiamo anzitutto ricostruito la sequenza di riduzione dell’anidride carbonica”, spiega ancora Erb, “ottenuta tramite diversi ingredienti che catalizzassero la reazione. In seguito, abbiamo individuato i punti deboli della reazione stessa, che ne diminuiscono l’efficienza”.
Il responsabile, secondo l’analisi degli scienziati, è un enzima chiamato metilsuccinil-CoA deidrogenasi (Mcd), coinvolto nella respirazione cellulare, ovvero il processo di metabolismo con cui

Articoli correlati

  • Scienza, cosa accadrà nel 2018January 1, 2018 Scienza, cosa accadrà nel 2018 Indubbiamentil 2017 è stato un annus mirabilis per la scienza. Abbiamo rilevato il primo segnale sperimentale di onde gravitazionali da stelle di neutroni, affinato le potenzialità dell’ingegneria genetica, messo a punto terapie altamente innovative contro molti tipi di malatt...
  • L’internet delle stradeFebruary 4, 2018 L’internet delle strade L’auto intelligente ha bisogno di strade intelligenti. Entrambe hanno bisogno di un’infrastruttura capace di raccogliere ed elaborare i “big data” della mobilità, per poi scaricarli sull’asfalto traducendoli in più sicurezza per automobilisti e migliore...
  • Gli oceani e le navi. Ecco le rotte in tempo realeDecember 8, 2017 Gli oceani e le navi. Ecco le rotte in tempo reale L’oceano è grande. Copre il 70% della superficie terrestre, è la casa di milioni di specie marine ed è costantemente attraversata da imbarcazioni. Milioni di persone, proprio in questo istante, sono per mare. In questa mappa attraverso 250 millioni di data points v...
  • 12 fotografie che svelano il mondo sott’acquaFebruary 17, 2018 12 fotografie che svelano il mondo sott’acqua Sott’acqua c’è un mondo, che raramente vediamo, dove trionfa il regno animale ma dove è anche possibile imbattersi in relitti della storia. Lo dimostrano anche le foto vincitrici dell’Underwater photographer of the year, un concorso annuale promosso nel Regno Unito...
  • Rumeni, albanesi, ma anche spagnoli e americani: ecco le comunità di stranieri che crescono e quelle che calanoDecember 20, 2017 Rumeni, albanesi, ma anche spagnoli e americani: ecco le comunità di stranieri che crescono e quelle che calano (foto: Alexey Matveichev/flickr)Quando si parla di immigrati, anche per istinto è facile mettere un po’ tutti nello stesso calderone. Un conto però è parlare di queste persone in termini generali, un altro invece è cercare di capire chi sono e da dove vengono. Gi...
  • Windows Hello si può ingannare con una foto (a infrarossi)December 22, 2017 Windows Hello si può ingannare con una foto (a infrarossi) Tempi duri per la reputazione delle soluzioni di riconoscimento facciale più diffuse. Dopo le critiche piovute recentemente su Face ID, anche il più datato Windows Hello è finito nell’occhio del ciclone in questi giorni per via di una ricerca realizzata e diffusa dalla...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *