Monitoriamo praticamente tutto: il numero di passi che facciamo, i chilometri di corsa, le vasche in piscina; gli smartwatch ci dicono se è il momento di alzarci dalla sedia perché siamo seduti da troppo tempo, ci chiedono anche di prendere un bel respiro, ogni tanto. L’idea di fondo dei produttori di tecnologia è di offrire tutto questo per “migliorare” la nostra vita quotidiana, renderla più attiva e consapevole, tra una notifica di WhatsApp e una di Facebook. Ebbene, non funziona. Perché nessuno ci dice se è il momento di spegnere le chat, nessuno ci informa su quante volte abbiamo aperto Facebook, Instagram o magari twitter durante il giorno. Basterebbe guardare un numero per impressionarci, forse.
Tony Fadell ha preso una posizione che qualche tempo fa si sarebbe potuta considerare coraggiosa, e forse lo è ancora nel microscopico ma molto globale e ricchissimo gotha dei top manager della Silicon Valley: «Gli adulti soffrono di dipendenza, non solo i bambini!». Era un commento alla notizia della lettera dei due investitori Apple preoccupati dagli effetti negativi dell’uso degli smartphone. È uno spartiacque. Fadell non è l’ultimo arrivato: è un ex Apple, considerato il padre dell’iPod, poi fondatore di Nest, l’azienda che con un termostato intelligente è riuscita a farsi comprare da Google per 3,2 milioni di dollari quattro anni fa. Il mondo della tecnologia si preoccupa di come fare in modo che gli utenti la usino di meno. Un paradosso, ma che ha un senso: ricorda quando le aziende elettriche hanno iniziato, al netto

Articoli correlati

  • Smartphone: adesso Apple, Google e Facebook consigliano di disintossicarsi un po’July 4, 2018 Smartphone: adesso Apple, Google e Facebook consigliano di disintossicarsi un po’ Passare troppe ore allo smartphone è un problema vero e ricorrente. Tanto che se ne sono accorti anche i protagonisti principali di questa tendenza: i produttori di App e sistemi operativi mobile. Quasi assaliti da un incontenibile senso di colpa, o forse semplicemente preoccupati di un f...
  • Google Fit si rinnova, dal contapassi a tempo di movimento e punti cardioAugust 21, 2018 Google Fit si rinnova, dal contapassi a tempo di movimento e punti cardio Basta contapassi, è superato. Ora il monitoraggio dell’attività via smartphone o smartwatch guarda ai minuti di movimento e ai punti cardio. Almeno secondo Google, che oggi rilascia la nuova versione di Google Fit, solo per utenti Android e web. Il nuovo progetto è sta...
  • Slack, 15 trucchi per sfruttarlo al meglioJuly 11, 2018 Slack, 15 trucchi per sfruttarlo al meglio Quali sono i migliori trucchi per Slack per sfruttare appieno questo performante e universale strumento realizzato per la produttività? Sempre più gruppi di lavoro, uffici, società, studenti e creativi utilizzano la app Slack per la condivisione di idee e di file e in general...
  • Su LinkedIn ora puoi inviare anche messaggi vocaliJuly 31, 2018 Su LinkedIn ora puoi inviare anche messaggi vocali (foto: flickr.com / Open Grid Scheduler – Grid Eingine)Non solo WhatsApp. anche LinkedIn ora prevede i messaggi vocali per permettere agli utenti di comunicare tra loro a voce. Una novità pensata per la comodità di chi fa uso delle app per Android e iOs, facilitando i contatti...
  • A breve compariranno i video pubblicitari nella chat di MessengerJune 21, 2018 A breve compariranno i video pubblicitari nella chat di Messenger Facebook Messenger (Foto: Gaia Berruto/Wired)Come annunciato anche a Wired Italia durante F8, Messenger avrà la sua pubblicità. La data è vicina: Facebook conferma a Quartz che a partire da lunedì si procederà con un rilascio per un ristretto...
  • Dreams, la startup che vuole adattare i canali tv allo schermo verticale dello smartphoneJune 19, 2018 Dreams, la startup che vuole adattare i canali tv allo schermo verticale dello smartphone (Foto: Dreams)Agli albori dell’era degli smartphone, chi utilizzava il proprio dispositivo come videocamera riprendendo soggetti e panorami in verticale veniva additato come un criminale, che costringeva gli spettatori a subire la visione delle proprie clip in un formato percepito come sbag...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *