Meno incassi e spettatori, 2017 da dimenticare per il cinema italiano

Meno spettatori nelle sale e meno soldi in cassa: i cinema italiani hanno chiuso il 2017 con uno dei risultati peggiori degli ultimi cinque anni. E questo per effetto soprattutto del calo dei film made in Italy. Secondo i dati dell’Associazione nazionale industrie cinematografiche, audiovisive e multimediali (Anica), l’anno scorso le pellicole italiane hanno perso il 46,35% del box office e il 44,21% dei biglietti rispetto al 2016.
Anno da incorniciare, quest’ultimo, e difficile da replicare, perché nelle sale si proiettava Quo vado di Checco Zalone. La pellicola del comico barese ha sbancato il botteghino. Ha incassato 65,3 milioni di euro, il 9,9% dei ricavi complessivi di tutto il box office nazionale. E il film è stato visto dall’8,9% degli spettatori in sala. A dare manforte ai risultati del cinema nostrano hanno concorso i 17,3 milioni di incassi di Perfetti sconosciuti. La somma dei risultati dei due film quasi eguaglia il totale del box office del cinema italiano del 2017: 103, 1 milioni di euro. In totale nel 2017 l’industria del grande schermo ha incassato 584,8 milioni di euro con 92,3 milioni di presenze in sala.
Incassi e presenze 2013-2017Infogram
L’anno scorso il film più visto in Italia è stato il live action de La bella e la bestia di Walt Disney, ma con un risultato tra i più bassi per i primi posti: 20,5 milioni di euro. Seguono Cattivissimo me 3, Cinquanta sfumature di nero, Fast & furious 8, It, Star Wars: Gli ultimi Jedi, Assassinio sull’Orient Express e Pirati dei Caraibi

Articoli correlati

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *