2013, Oprah premiata da Obama con la medaglia presidenziale della libertà (foto: Win McNamee/Getty Images)Oprah Winfrey l’otto gennaio ha ritirato il Golden Globe alla carriera. Prima ancora di essere brava attrice Oprah (il cognome è superfluo) è conduttrice, imprenditrice e produttrice: una delle personalità più influenti dello star system americano, e come tale è praticamente un’istituzione.
Quando ha concluso il suo evocativo discorso di accettazione del premio prevedendo un “nuovo giorno all’orizzonte”, con nuovi leader grazie ai quali “nessuno dovrà dire ancora me too“, in rete si trovavano già hashtag come #Oprah2020 e nei giorni seguenti la possibilità di una sua candidatura alla presidenza è stata seriamente discussa.
L’idea di Oprah come candidato alla presidenza, naturalmente con il Partito Democratico, non è nuova. Per esempio, come ha notato il giornalista Alfonso Lucifredi, Michael Moore ne parlava provocatoriamente in un suo libro già nel lontano 2003, e ha rincarato la dose nel 2016 proponendo anche, in alternativa, Tom Hanks.
Insomma, se i repubblicani vincono candidando delle celebrità come l’attore Ronald Reagan o il golfista l’imprenditore Donald Trump, perché non lo dovrebbero fare i democratici? Ovunque è ora possibile leggere discussioni i pro e (soprattutto) i contro di quello che viene presentato come un gioco al ribasso, ma tra i più accesi critici della proposta ci sono anche scienziati, scettici e cacciatori di bufale in genere. Come mai?
La ragione è che Oprah sarà anche un idolo liberal, un megafono per campagne dei diritti civili e un esempio di donna di successo, ma di quel successo hanno goduto anche i ciarlatani che sono entrati nelle case degli

Articoli correlati

  • Non solo Oprah, se Maria de Filippi fosse Presidente del ConsiglioJanuary 9, 2018 Non solo Oprah, se Maria de Filippi fosse Presidente del Consiglio Un sogno a occhi aperti, o forse un incubo: mentre negli Stati Uniti si parla con sempre maggiore insistenze della possibile candidatura di Oprah Winfrey alle elezioni presidenziali del 2020, una domanda ha iniziato ad attanagliare le nostre menti (malate): cosa accadrebbe in Italia se l’Op...
  • Messico e farfalle, intervista a Peter Kuper, autore della graphic novel RovineOctober 31, 2017 Messico e farfalle, intervista a Peter Kuper, autore della graphic novel Rovine Il viaggio di una farfalla monarca per andare a svernare e quello di una coppia newyorchese in cerca di un nuovo inizio. Su questi due percorsi si snoda Rovine, la graphic novel con cui l’artista e illustratore americano Peter Kuper ha vinto l’Eisner Award nel 2016. Pubblicato in Ital...
  • Stati Uniti, addio net neutralityDecember 14, 2017 Stati Uniti, addio net neutrality La Federal Communication Commission (Fcc) ha approvato un nuovo regolamento che, di fatto, sposta la sorveglianza degli internet provider dalla Fcc stessa alla Federal Trade Commission (Ftc), l’agenzia governativa che si occupa di commercio e concorrenza. L’Internet Freedom Order, il ...
  • Perché Philip K. Dick’s Electric Dreams è interessante, ma non lascia il segnoJanuary 10, 2018 Perché Philip K. Dick’s Electric Dreams è interessante, ma non lascia il segno Una serie antologica tratta dai racconti di Philip K. Dick, uno degli scrittori più cari al cinema e alla tv degli ultimi quarant’anni, non può che suonare come una grande idea; almeno sulla carta. Aggiungiamo che ad aver sviluppato e prodotto lo show sia stato – oltre a...
  • L’Inter piazza il bond da 300 mln. Paga il 4,875% e rifinanzia il prestito di GoldmanDecember 15, 2017 L’Inter piazza il bond da 300 mln. Paga il 4,875% e rifinanzia il prestito di Goldman Inter Media and Communication spa, unico amministratore e gestore dei settori media, broadcasting e delle sponsorizzazioni di FC Internazionale Milano ha collocato ieri alla pari 300 milioni di euro di bond senior secured a scadenza 2022 e cedola 4,875%, raccogliendo ordini pari al...
  • Net Neutrality: e ora? La guerra prosegue in tribunaleDecember 15, 2017 Net Neutrality: e ora? La guerra prosegue in tribunale Anche se, incollati davanti allo streaming dell’agenzia governativa, la speranza di un utopistico colpo di scena (con la stessa probabilità di veder cambiare il finale di “Narcos”) c’è stata: la Federal Communications Commission ha votato come ci si aspettava...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *