L’etichetta sull’origine degli alimenti? Già a rischio

Siamo alle solite. Tirata da una parte dai consumatori, che pretendono il diritto di sapere cosa mangiano, e dall’altra dai produttori, che preferiscono nella maggior parte dei casi poter lavorare nell’ombra, la Commissione europea deve decidere adesso da che parte stare. Il rischio è che la tanto attesa etichetta sull’origine degli alimenti (arrivata lo scorso aprile per latte e derivati, in arrivo a febbraio per pasta e riso) venga cancellata o almeno resa meno chiara. “La consultazione andrà avanti fino a fine gennaio, con un dibattito acceso tra le lobby dei produttori e i consumatori. Poi ci vorranno parecchi mesi per conoscere il contenuto definitivo del regolamento d’attuazione”, mi spiega Pier Virgilio Dastoli, a lungo direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea e presidente del Comitato italiano del Movimento Europeo (Cime). “Bene che se ne parli, per sollevare comunque attenzione su un tema molto importante”.
Il tema è sicuramente sentito, e a ragione. Le recenti leggi italiane, volute dal ministro Martina e Calenda per introdurre l’obbligo di indicare in etichetta l’origine della pasta, del grano o del latte, sono leggi sacrosante, semplicemente un diritto a cui è ormai impossibile rinunciare. Anche perché oggi la consapevolezza sul tema nutrizione è alta, e sono ben note le differenze che possono esserci, ad esempio, tra una pasta prodotta con grano canadese e una con grano italiano, fosse anche solo nella possibilità di trovare tracce del tanto contestato glifosato.
Succede però che il regolamento 1169/2011, che nella teoria difende questo diritto, sta appunto per arrivare

Articoli correlati

  • A ogni Paese la sua piramide alimentareOctober 19, 2017 A ogni Paese la sua piramide alimentare     La piramide alimentare presentata nel 1992 dall’Usda per tentare di limitare l’obesità  Se pensavate che ciò che fa ufficialmente bene è bene ovunque, nel mondo, ripensateci. Prendiamo le piramidi alimentari: ogni Paese ne ha di diverse, e a cam...
  • Tutti contro la Nutella, che ha modificato la sua ricettaNovember 8, 2017 Tutti contro la Nutella, che ha modificato la sua ricetta Tutto cambia, tutto si trasforma. Anche un prodotto apparentemente intoccabile come sua maestà la Nutella. Disturbare Eraclito, il suo Panta rhei e le concezioni filosofiche che ne derivano per una crema di cacao e nocciole potrebbe sembrare un tantino eccessivo, eppure la revisione della ...
  • Cos’è il World Pasta Day?October 25, 2017 Cos’è il World Pasta Day? Il 25 ottobre è la Giornata mondiale della pasta, celebrata nel corso della 19esima edizione del World Pasta Day, curata dall’International Pasta Organization (Ipo). Quest’anno il ruolo di capitale spetta a San Paolo del Brasile. Si terranno iniziative per tutta la se...
  • Il ministero della Salute chiarisce: “I sacchetti bio si possono portare da casa”January 4, 2018 Il ministero della Salute chiarisce: “I sacchetti bio si possono portare da casa” I sacchetti che dal 1° gennaio sono a pagamento non possono essere riutilizzati, ciò non significa che le persone non possano portarseli da casa, a patto che siano adatti allo scopo e monouso. Questa la conclusione a cui è giunto il ministero della Salute, aggiungendo che i tito...
  • Insetti nel pandoro, la vera magia delle festeDecember 19, 2017 Insetti nel pandoro, la vera magia delle feste Il 2018 sarà, tra le altre cose, l’anno dell’introduzione in italia degli insetti commestibili (solo allevati). Un traguardo che noi italiani siamo stati molto lenti a raggiungere, visto che più o meno tutto il resto d’Europa ha già ammesso l’utilizzo ...
  • Perché la mostra per i 60 anni di Esselunga è semplicemente perfettaJanuary 2, 2018 Perché la mostra per i 60 anni di Esselunga è semplicemente perfetta Spiegare a chi non vive in Italia un fenomeno come quello di Esselunga potrebbe non essere semplicissimo. Perché come possa una catena di supermercati trasformare i propri clienti in fan, con tanto di delirio collettivo per ogni nuova collezione di gadget da ritirare alla cassa e addirittu...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *