Batteri intestinali modificati e broccoli contro il cancro al colon-retto

Un broccolo al giorno toglie l’oncologo di torno? In futuro potrebbe essere davvero così grazie agli speciali batteri creati nei laboratori della Yong Loo Lin School of Medicine della National University of Singapore.
I ricercatori hanno ingegnerizzato un particolare ceppo di E.coli che abita il nostro intestino dandogli la capacità di riconoscere le cellule del tumore del colon-retto e di convertire alcune sostanze contenute in broccoli, cavoli, verze e rape in agenti antitumorali. Una strategia che nei test di laboratorio ha diminuito del 95% la proliferazione delle cellule tumorali, mentre nei topi ha ridotto il numero complessivo di tumori del 75% e di tre volte le dimensioni dei tumori rimanenti.
Il team di Matthew Chang ha modificato dei batteri E.coli Nissle, un ceppo che fa già parte della nostra flora batterica intestinale, inserendovi un gene che porta le informazioni per riconoscere in modo specifico una molecola (il proteoglicano eparan solfato) espressa dalle cellule dei tumori del colon-retto. E.coli si attacca alle cellule tumorali e comincia a secernere un enzima (la mirosinasi) in grado di trasformare i glucosinolati delle verdure della famiglia delle crucifere (rape, cavoli, verze, broccoli, etc) in sulforanato, una molecola dalle note proprietà anti-cancro.
Nel progetto dei ricercatori, questo sistema localizzato avrebbe consentito di colpire con maggiore efficienza il tessuto neoplastico con l’agente antitumorale, inducendo la morte delle cellule malate e lasciando illese quelle sane.
La somministrazione del probiotico (i batteri ingegnerizzati) insieme all’estratto di broccoli è stata sperimentata sia in test in vitro per verificare la specificità nei confronti delle cellule

Articoli correlati

  • Come sconfiggeremo il cancro con la medicina personalizzataNovember 24, 2017 Come sconfiggeremo il cancro con la medicina personalizzata (foto: Getty Images)BOSTON – È un laboratorio che non guardereste due volte. Stipato da anonimi cassoni bianchi e neri, il cui unico accenno futuribile è una striscia di luce blu che pulsa incessante avanti e indietro, un po’ come sull’elmetto dei cyloni di Battles...
  • Emicrania, presto potrebbero arrivare nuovi farmaciDecember 5, 2017 Emicrania, presto potrebbero arrivare nuovi farmaci Un dolore pulsante, intenso, spesso accompagnato da nausea e intolleranza alla luce e ai rumori. Uno stato che può durare molto tempo, anche giorni interi. Parliamo dell’emicrania, una forma di mal di testa che per le sue caratteristiche è stata inserita dall’Organizzazi...
  • Terapie alternative per smettere di fumare, ancora nessun dato concretoNovember 22, 2017 Terapie alternative per smettere di fumare, ancora nessun dato concreto Chi ci è passato lo sa: smettere di fumare è una delle conquiste più difficili nella vita di una persona. Sarà per questo che, accanto a iter più tradizionali (farmaci, gruppi di supporto, counselling) si ricorre sempre più spesso ai metodi alternativi: d...
  • Il Regno Unito vuole mettere al bando l’omeopatia: “non funziona”December 1, 2017 Il Regno Unito vuole mettere al bando l’omeopatia: “non funziona” La notizia era già nell’aria dallo scorso luglio, ma ora è ufficiale: l’omeopatia, insieme ad altri rimedi alternativi (e non solo), è stata inserita nella lista nera delle prescrizioni rimborsabili dal sistema sanitario nazionale inglese. Così dice il resp...
  • Un nuovo farmaco che potrebbe prevenire il doloreJanuary 17, 2018 Un nuovo farmaco che potrebbe prevenire il dolore Passi in avanti nella ricerca contro il dolore. Zachary Campbell, direttore del Laboratory of Rna Control della University of Texas a Dallas, con il suo team ha sviluppato il primo farmaco a rna che sembra ridurre la risposta al dolore, prevenendone l’insorgenza. “Il dolore è u...
  • Creati linfociti “killer” per combattere l’hivDecember 29, 2017 Creati linfociti “killer” per combattere l’hiv Distruggere le cellule infettate da hiv e allo stesso tempo fornire una protezione duratura dalla malattia sono gli obiettivi della lotta contro l’Aids. E da oggi potremmo avere un’arma in più per raggiungere il traguardo dell’eradicazione della malattia: i ricercatori de...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *