Consumi alimentari, le diete e i buoni propositi del 2018

Primi giorni del 2018, tempo di bilanci e buoni propositi anche in fatto di consumi alimentari. E non stupisce che, dopo i pranzi e i cenoni del periodo natalizio, la parola d’ordine in fatto di cibo sia “detox”. Il nuovo anno si aprirà quindi con una marcata attenzione da parte dei consumatori statunitensi per la salute e il benessere che, nella maggior parte dei casi, si declinerà in una cura particolare per l’alimentazione. Un fenomeno destinato a protrarsi anche oltre questi primi mesi e che – a ben guardare – si inscrive all’interno dei nuovi trend di consumo affermatisi nell’ultimo periodo.
 
Innanzitutto, la maggiore consapevolezza acquisita dai consumatori, sempre più sensibili alla qualità dei prodotti acquistati, ma anche alle etichette presenti sulle confezioni. Una sfida estremamente rilevante per i brand, perché un consumatore consapevole è un soggetto che si informa e che valuta i propri acquisti con maggiore attenzione. A confermare tutto questo, una ricerca condotta da Nielsen mostra che il 39% degli statunitensi è disposto a sostituire la marca di fiducia con un brand che realizzi etichette più chiare e accurate.

Acquisisce quindi sempre più importanza quello che è stato definito il “why behind the buy”, cioè informazioni che spieghino il perché si dovrebbe preferire uno specifico prodotto rispetto a un altro.
 
A questo si collega un secondo trend, quello del salutismo e dell’alimentazione a base di prodotti “free-from” (letteralmente “liberi da”). Perché, se è importante indicare chiaramente quali ingredienti sono presenti, sempre di più l’attenzione dei consumatori (nel 53% dei casi)

Articoli correlati

  • Immigrazione: quale è il rapporto con gli stranieri nelle città italiane e europee?July 24, 2018 Immigrazione: quale è il rapporto con gli stranieri nelle città italiane e europee? L’immigrazione resta uno dei temi su cui il governo sta basando buona parte delle sue attività, anche se finora nelle dichiarazioni più che nei fatti. Ci sono pochi dubbi che questo comportamento, riflette l’atteggiamento di una parte non proprio piccolissima di italiani...
  • Come è vissuta l’immigrazione nelle città europee? Il caso ItaliaAugust 31, 2018 Come è vissuta l’immigrazione nelle città europee? Il caso Italia L’immigrazione resta uno dei temi su cui il governo sta basando buona parte delle sue attività, anche se finora nelle dichiarazioni più che nei fatti. Ci sono pochi dubbi che questo comportamento, riflette l’atteggiamento di una parte non proprio piccolissima di italiani...
  • Come è vissuta l’immigrazione nelle città europee? Il caso ItaliaJuly 29, 2018 Come è vissuta l’immigrazione nelle città europee? Il caso Italia L’immigrazione resta uno dei temi su cui il governo sta basando buona parte delle sue attività, anche se finora nelle dichiarazioni più che nei fatti. Ci sono pochi dubbi che questo comportamento, riflette l’atteggiamento di una parte non proprio piccolissima di italiani...
  • Inquinamento, rumore e pulizia. In quali città europee si vive meglioJuly 27, 2018 Inquinamento, rumore e pulizia. In quali città europee si vive meglio Napoli, e soprattutto Roma e Palermo, sono fra i comuni europei quelli dove più abitanti lamentano lo stato della pulizia cittadina. Secondo uno studio condotto da Eurostat su circa 120 città europee e reso noto dallo European Data Journalism Network già nella local...
  • C’era bisogno di un generatore di mappe fantasy?August 9, 2018 C’era bisogno di un generatore di mappe fantasy? Avete presente le mappe medioevali, quelle che trovate nelle illustrazione dei libri di storia, gialle, con le scritte verticali e le montagne appena abbozzate? Nei libri fantasy, di solito alla fine e prima dei ringraziamenti, ci sono delle tavole ispirate a quelle antiche. Quello che trova...
  • La maggior parte degli atenei italiani si trova nel Nord. Ecco dove studiareJuly 13, 2018 La maggior parte degli atenei italiani si trova nel Nord. Ecco dove studiare Certo non è l’unico aspetto che conta, ma sarebbe strano far finta che la laurea non serva anche a renderci la vita più facile nella ricerca di un lavoro. Già di base averla aiuta molto, perché chi ha questo titolo lavora più spesso  e in generale con...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *