La famosa app di messaggistica si appresta a lanciare la propria Blockchain e una ICO che punta a raccogliere $500m in pre-vendita e da 3 a 5 miliardi in vendita
 

Telegram, una tra le app di messaggistica criptata più diffuse al mondo, sta considerando la più grande Pre-ICO della storia per finanziare una nuova piattaforma Blockchain e relativa criptovaluta. Come riporta TechCrunch citando “fonti diverse”, Telegram mira a raccogliere fino a 500 milioni di dollari in una pre-vendita riservata. La futura piattaforma Telegram Open Network (TON) utilizzerà i token per i pagamenti interni degli utenti.
Secondo le fonti di TechCrunch, una serie di prevendite private sarebbero in grado da sole di raccogliere “fino a $500 mln”, mentre la successiva fase di distribuzione pubblica è pianificata per portare il valore del token tra $3 e $5 miliardi.
Ovviamente, risultati di questo genere renderebbero l’ICO di Telegram la più grande mai lanciata, e “irrisorie” quelle precedenti inclusa quella di Block.One (un sistema operativo per creare community decentralizzate) che il mese scorso ha raccolto $700 milioni.
Secondo TechCrunch, gli investitori “al di fuori del cerchio interno” del CEO Pavel Durov potrebbero dover affrontare un buy-in minimo da $20m, mentre tutti gli altri potrebbero essere limitati all’acquisto di token TON con fiat, invece che con Bitcoin o Ethereum come nelle normali ICO.
Le società di investimento istituzionali di alto livello hanno espresso interesse, ma Durov si dice diffidente nell’accettare i loro soldi. Telegram ha affrontato polemiche negli ultimi mesi, in particolare in Russia, dopo che si è rifiutata di

Articoli correlati

  • Meltdown e Spectre, il Ceo di Intel ha venduto azioni prima dell’annuncio della fallaJanuary 5, 2018 Meltdown e Spectre, il Ceo di Intel ha venduto azioni prima dell’annuncio della falla (Foto: Getty Images)La notizia è di quelle che fanno rumore. Il Ceo di Intel, Brian Krzanich, avrebbe venduto azioni della società per un valore di oltre 39 milioni di dollari – la quantità massima di azioni che gli è permesso di vendere – nel mese di ...
  • Meno di un nuovo “token” su 10 emessi con ICO è effettivamente utilizzato dopo la raccoltaOctober 25, 2017 Meno di un nuovo “token” su 10 emessi con ICO è effettivamente utilizzato dopo la raccolta Token Report, banca dati tra le più aggiornate sugli ICO, ha pubblicato statistiche in base a cui risulta che solo il 10% delle neo criptovalute è realmente utilizzato   Token Report, una grande banca dati trasparente di informazioni verificate sugli ICO, ha rilasciato i dati ...
  • L’azienda cinese Bytedance compra l’app musicale Musical.ly per 1 miliardo di dollariNovember 10, 2017 L’azienda cinese Bytedance compra l’app musicale Musical.ly per 1 miliardo di dollari (Immagine: musical.ly)L’azienda cinese Bytedance mette le mani su Musical.ly, altra azienda cinese, con un’offerta compresa tra gli 800 milioni e 1 miliardo di dollari (una cifra che oscilla tra i 690 milioni e gli 860 milioni di euro). Musical.ly è un social network usato da 6...
  • Oltre il bitcoin: le altre monete senza Banche centraliJanuary 8, 2018 Oltre il bitcoin: le altre monete senza Banche centrali Potreste mai investire in Einstenium? O forse preferite Primulon o Augur? Cobinhood lascia intuire il suo programma, ma anche AntiBitcoin o CreativeCoin non scherzano. Alcune sembrano uscite direttamente dalle pagine di un fumetto – da Mysterium a Elastica alla classica Cryptonite -,...
  • Perché Apple ha comprato Shazam? Alcune ipotesiDecember 12, 2017 Perché Apple ha comprato Shazam? Alcune ipotesi E così alla fine arrivò la conferma ufficiale: Apple compra Shazam, la popolare app che permette di riconoscere titolo e autore di una canzone attraverso l’ascolto.  Il prezzo pagato da Cupertino non è stato dichiarato – TechCrunch dice che sono 400 milioni d...
  • Un bug su Messenger ti fa scrivere messaggi di sole due paroleJanuary 18, 2018 Un bug su Messenger ti fa scrivere messaggi di sole due parole (Foto: Brian’s Book Blog/Twitter)Ci sono persone che, scrivendo una frase, spezzettano la comunicazione, generando una sequenza isterica di notifiche sui dispositivi di chi li riceve. I destinatari di questo genere di comunicazione, solitamente, palesano un certo fastidio (per usare un eufe...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *