Facebook dice addio a M, il suo assistente di Intelligenza Artificiale

L’assistente digitale di Facebook, M, ha rassegnato le dimissioni. A partire dal 19 gennaio l’azienda metterà fine al progetto sul sistema di Intelligenza Artificiale nel quale aveva investito tre anni fa, ricollocando le risorse che ci lavoravano in altri settori.
I suggerimenti di contesto (cioè quelli evinti in base ai temi delle conversazioni) continueranno vivranno all’interno delle chat di Messenger (dove erano attive), ma l’idea di partenza di un assistente personale basato sull’intelligenza artificiale, capace di eseguire azioni per conto terzi, sembra essere naufragata. O meglio, sembra aver finito il suo lavoro: “Abbiamo lanciato questo progetto per imparare ciò di cui le persone avevano bisogno e si aspettavano da un assistente, e abbiamo imparato molto”, ha detto Facebook in una nota a BuzzFeed News, che ha dato per primo la notizia.
Ciò che è stato imparato, prosegue l’azienda, finirà per alimentare altri progetti di intelligenza artificiale su Facebook. Solo ad aprile dello scorso anno si parlava di una nuova serie di capacità legate al futuro di M e di scalabilità parlò David Marcus, a capo di Messenger, al momento del lancio, nel 2015. È anche vero però che proprio in aprile si iniziò a parlare dell’apertura della tecnologia agli sviluppatori: quello fu il segnale, secondo alcuni, dell’intenzione di abbandonare progressivamente l’idea del concierge tutto fare capace di parlare con gli umani. 
Probabilmente il piano di avere una propria Alexa è risultato per Facebook un investimento vano: ci sono già migliaia di sviluppatori che lavorano per migliorare i propri bot, proprio su Messenger (ed è la stessa azienda ad averli invitati

Articoli correlati

  • Facebook sblocca utenti indesiderati: il bug coinvolge 800mila personeJuly 4, 2018 Facebook sblocca utenti indesiderati: il bug coinvolge 800mila persone Qualcuno avrà creduto nella clemenza divina, quando invece si trattava solamente di un altro bug di Facebook. Per un errore, utenti che erano stati bloccati sono risultati temporaneamente sbloccati. Questo quello che spiega il post ufficiale dell’azienda, che parla di ...
  • 12 cose che dovresti cancellare subito dal tuo profilo FacebookJuly 27, 2018 12 cose che dovresti cancellare subito dal tuo profilo Facebook Quali sono le cose da cancellare subito dal tuo profilo di Facebook? Spesso si utilizza la propria pagina personale sul social network più popolato al mondo con un po’ troppa leggerezza. Ci si dimentica che si ha davanti una platea potenzialmente miliardaria e che ciò che si p...
  • Perché Facebook sta chiedendo ad alcuni utenti di controllare i postJune 12, 2018 Perché Facebook sta chiedendo ad alcuni utenti di controllare i post Qualcuno potrebbe aver ricevuto questa notifica da Facebook nelle ultime ore: “Di recente abbiamo rilevato un errore tecnico che si è verificato tra il 18 e il 27 maggio e ti ha suggerito automaticamente di mostrare i tuoi post a tutti durante la loro creazione”. Di cosa s...
  • Su Facebook gli amministratori di Gruppi potranno prevedere pagamentiJune 21, 2018 Su Facebook gli amministratori di Gruppi potranno prevedere pagamenti Contenuti esclusivi in abbonamento: Facebook ci prova con i Gruppi (a patto che siano privati). Con un annuncio ufficiale il social network ha presentato il test per cui alcuni amministratori possono chiedere dai 4,99 ai 29,99 dollari al mese per la sottoscrizione di “sotto-gruppi&rdqu...
  • No, non è vero che Facebook ti fa vedere soltanto i post di 25 amiciAugust 20, 2018 No, non è vero che Facebook ti fa vedere soltanto i post di 25 amici (Foto: Luca Cerabona/Flickr)In questi giorni sta girando per l’ennesima volta la bufala della selettività con cui i “nuovi” algoritmi di Facebook darebbero visibilità solo a una cerchia ristretta di amici, il cui testo – con qualche variante qua e là &...
  • Facebook dice addio al suo drone per internetJune 27, 2018 Facebook dice addio al suo drone per internet Dopo quattro anni di sviluppo e numerose prove, Facebook dice addio al progetto di un drone per portare internet nelle aree più remote del mondo che non dispongono di infrastrutture di rete. In un post di questa settimana, Facebook ha raccontato che da quando ha iniziato a lavora...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *