Facebook dice addio a M, il suo assistente di Intelligenza Artificiale

L’assistente digitale di Facebook, M, ha rassegnato le dimissioni. A partire dal 19 gennaio l’azienda metterà fine al progetto sul sistema di Intelligenza Artificiale nel quale aveva investito tre anni fa, ricollocando le risorse che ci lavoravano in altri settori.
I suggerimenti di contesto (cioè quelli evinti in base ai temi delle conversazioni) continueranno vivranno all’interno delle chat di Messenger (dove erano attive), ma l’idea di partenza di un assistente personale basato sull’intelligenza artificiale, capace di eseguire azioni per conto terzi, sembra essere naufragata. O meglio, sembra aver finito il suo lavoro: “Abbiamo lanciato questo progetto per imparare ciò di cui le persone avevano bisogno e si aspettavano da un assistente, e abbiamo imparato molto”, ha detto Facebook in una nota a BuzzFeed News, che ha dato per primo la notizia.
Ciò che è stato imparato, prosegue l’azienda, finirà per alimentare altri progetti di intelligenza artificiale su Facebook. Solo ad aprile dello scorso anno si parlava di una nuova serie di capacità legate al futuro di M e di scalabilità parlò David Marcus, a capo di Messenger, al momento del lancio, nel 2015. È anche vero però che proprio in aprile si iniziò a parlare dell’apertura della tecnologia agli sviluppatori: quello fu il segnale, secondo alcuni, dell’intenzione di abbandonare progressivamente l’idea del concierge tutto fare capace di parlare con gli umani. 
Probabilmente il piano di avere una propria Alexa è risultato per Facebook un investimento vano: ci sono già migliaia di sviluppatori che lavorano per migliorare i propri bot, proprio su Messenger (ed è la stessa azienda ad averli invitati

Articoli correlati

  • Cos’è questa storia di Facebook che raccoglie i dati dei tuoi smsMarch 26, 2018 Cos’è questa storia di Facebook che raccoglie i dati dei tuoi sms Dopo lo scoppio dello scandalo Cambridge Analytica, non passa giorno che Facebook non debba rispondere a qualche nuova accusa. L’ultima riguarda sempre la protezione dei dati: da un articolo di ArsTechnica è emerso che tra i dati raccolti dal social network &ndash...
  • WhatsApp sarà vietato agli utenti con meno di 16 anni: chi ci rimette?April 26, 2018 WhatsApp sarà vietato agli utenti con meno di 16 anni: chi ci rimette? I nuovi termini di servizio in adeguamento al nuovo Regolamento europeo per la protezione dei dati personali arrivano uno via l’altro e questa volta tocca a WhatsApp. Le nuove condizioni d’accesso all’app più usata in Italia prevedono che gli utenti abbiano più...
  • Con strano tempismo Snapchat vuole integrare app esterneMarch 28, 2018 Con strano tempismo Snapchat vuole integrare app esterne Azzardo, o coraggio: dipende dai punti di vista. La versione beta di Snapchat ha appena inaugurato una nuova scheda chiamata “App connesse”, nelle Impostazioni. “Queste applicazioni sono connesse al tuo account di Snapchat. Scegli un’app per controllare a cosa accede&rdquo...
  • Perché Facebook sta chiedendo ad alcuni utenti di controllare i postJune 12, 2018 Perché Facebook sta chiedendo ad alcuni utenti di controllare i post Qualcuno potrebbe aver ricevuto questa notifica da Facebook nelle ultime ore: “Di recente abbiamo rilevato un errore tecnico che si è verificato tra il 18 e il 27 maggio e ti ha suggerito automaticamente di mostrare i tuoi post a tutti durante la loro creazione”. Di cosa s...
  • LinkedIn introduce anche le gif, ma era proprio necessario?April 12, 2018 LinkedIn introduce anche le gif, ma era proprio necessario? LinkedIn era forse l’ultimo fortino senza l’ombra di una gif. Era. Trovare un servizio che non abbia integrato le immagini animate – in effetti e per fortuna – è difficile quanto immaginare un qualsiasi social network senza le Storie. Eppure non ...
  • Come funziona Facebook, spiegato da FacebookApril 23, 2018 Come funziona Facebook, spiegato da Facebook Dopo aver spiegato come e perché gli utenti vengono tracciati anche al di là della loro iscrizione o meno al social network, e quali informazioni siano in possesso degli inserzionisti, ora Facebook rilascia un’infografica in cui spiega Facebook. Come fosse stato fondato ieri, ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *