(Immagine: pixabay)Da martedì 9 gennaio, collegandosi al sito del ministero dell’Istruzione, è possibile registrarsi all’anno scolastico 2018/2019. Per l’iscrizione a scuola propriamente detta sarà necessario attendere martedì 16 gennaio e ci sarà modo di farlo fino alle 20 di martedì 6 febbraio 2018.
La domanda di iscrizione online è necessaria per il primo anno scolastico delle elementari, delle medie e delle superiori. Le materne rimangono ancorate all’iscrizione tramite formulario da consegnare all’istituto scolastico.
Non tutte le scuole paritarie si sono allineate, prima di procedere all’iscrizione è quindi necessario sapere se l’istituto scelto esige quella online o meno.
Hanno aderito alla procedura di iscrizione online anche i centri di formazione professionale del Lazio, della Liguria, della Lombardia, del Molise, del Piemonte, della Sicilia, della Toscana e del Veneto.
Cosa fare prima di registrarsiIl primo passo è quello di registrarsi al servizio del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) per ottenere le credenziali di accesso. La registrazione può essere effettuata dal padre, dalla madre o da chi ha la responsabilità dello studente.
Chi possiede l’identità digitale (Spid) può saltare la fase di registrazione e, a partire da martedì 16 gennaio, può procedere direttamente con l’iscrizione all’istituto scolastico.
L’iscrizioneA partire da martedì 16 gennaio e, dopo avere completato la registrazione, sarà sufficiente collegarsi all’apposita pagina del sito del Miur e dichiarare quali scuole si è intenzionati a frequentare (al massimo tre). Gli istituti scolastici sono identificati dal codice Scuola in chiaro che può essere ottenuto digitando il nome della scuola.
Espletato questo passo si può quindi compilare la domanda

Articoli correlati

  • Ogni anno 100 tra tornado e trombe d’aria spazzano l’ItaliaJune 5, 2018 Ogni anno 100 tra tornado e trombe d’aria spazzano l’Italia (foto: Barcroft Media / Getty Images)Forse non saranno di entità paragonabile a quelli americani, ma anche in Italia ci sono i tornado. Ed è ora di cominciare seriamente a studiarli per individuare le zone più a rischio e imparare ad affrontare i fenomeni più violenti....
  • Chi corre e chi resta indietro in Europa. Confronta le province italianeApril 1, 2018 Chi corre e chi resta indietro in Europa. Confronta le province italiane A voler tracciare una rotta dettagliata – provincia per provincia – della crescita economica, scopriamo che gli ultimi dati resi da poco disponibili da Eurostat arrivano fino al 2015. Il numero tondo consente di fare un confronto dal 2000 in avanti – cinque anni per volta &ndash...
  • Chi corre e chi resta indietro in Europa. Provincia per provinciaMarch 28, 2018 Chi corre e chi resta indietro in Europa. Provincia per provincia A voler tracciare una rotta dettagliata – provincia per provincia – della crescita economica, scopriamo che gli ultimi dati resi da poco disponibili da Eurostat arrivano fino al 2015. Il numero tondo consente di fare un confronto dal 2000 in avanti – cinque anni per volta &ndash...
  • Gli emergenti: l’abruzzese Elisa Vaccarini.April 3, 2018 Gli emergenti: l’abruzzese Elisa Vaccarini. Oggi la rubrica di Bebeez per gli artisti emergenti è dedicata a Elisa Vaccarini di Giulianova (Te), luogo dove l’artista nasce, vive e lavora. Ha avuto modo di dire di sé stessa: “Ogni volta che apro la scatola dei colori e dei pennelli per iniziare un quadro, cerc...
  • Artemest, l’e-commerce dell’artigianato di lusso, incassa round da 4 mln euroApril 3, 2018 Artemest, l’e-commerce dell’artigianato di lusso, incassa round da 4 mln euro Artemest, piattaforma italiana di e-commerce dedicata ai prodotti artigianali di design di lusso, ha incassato un round di investimento da 4 milioni di euro da un gruppo di investitori internazionali, guidati da Nuo Capital (holding di investimento della famiglia Pao-Cheng di Hong Kong ...
  • Ryanair dimezza la finestra di tempo per il check-in onlineMay 17, 2018 Ryanair dimezza la finestra di tempo per il check-in online Dopo le polemiche scatenate dall’obbligo di acquistare l’imbarco prioritario (a 5 euro) per poter portare il bagaglio a mano in cabina, Ryanair torna nell’occhio del ciclone per una nuova limitazione dei servizi offerti ai propri passeggeri. A partire dal 13 giugno, infatti, i v...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *