(Foto: RICHARD BOUHET/AFP/Getty Images)Nelle profondità al di sotto dell’Appennino meridionale, esattamente nell’area del Sannio-Matese ci sarebbe una sorgente di magma in grado di generare terremoti di magnitudo più forte rispetto a quelli registrati in questa zona fino ad oggi. A raccontarlo sulle pagine di Science Advances è stato un team di ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) e del dipartimento di Fisica e geologia dell’università di Perugia, che con il loro studio compiono un importante passo in avanti sulle conoscenze della struttura, composizione e sismicità delle catene montuose, sui meccanismi di risalita dei magmi e dei gas e su come monitorarli.
Come precisa Francesca Di Luccio, geofisica dell’Ingv e coautrice della ricerca, le catene montuose sono solitamente caratterizzate da terremoti riconducibili all’attivazione di faglie che si muovono in risposta a sforzi tettonici. Ma, concentrandosi su una sequenza sismica anomala, avvenuta tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014 nell’area del Sannio-Matese con sismi di magnitudo massima 5, il team di ricercatori ha scoperto che questi terremoti sono stati innescati da una risalita di magma nella crosta tra i 15 e i 25 chilometri di profondità. “Un’anomalia – precisa l’esperta – legata non solo alla profondità dei terremoti di questa sequenza (tra 10 e 25 chilometri), rispetto a quella più superficiale dell’area (< 10-15 chilometri), ma anche alle forme d’onda degli eventi più importanti, simili a quelle dei terremoti in aree vulcaniche”.
I terremoti della sequenza sismica del Sannio-Matese del 2013-2014 rivelano la presenza di magma in profondità che può essere

Articoli correlati

  • Car sharing, di quanti veicoli ha bisogno una città?May 24, 2018 Car sharing, di quanti veicoli ha bisogno una città? (foto: Getty Images)Una delle prospettive future per gli spostamenti in città guarda alla sharing mobility, ovvero i servizi di car sharing che mirano a ridurre il traffico e le emissioni di gas serra nelle aree urbane. Come i taxi di oggi, in futuro ci saranno veicoli a guida autonoma di ...
  • Perché non mettiamo foto forti sulle etichette delle bibite zuccherate?June 19, 2018 Perché non mettiamo foto forti sulle etichette delle bibite zuccherate? (foto: weiXx/iStock/Getty Images Plus).Si sa, bibite gassate molto dolci o altre bevande zuccherate possono portare a sovrappeso, obesità, diabete di tipo due e carie. Questi drink rappresentano una delle più principali fonti di zuccheri aggiunti all’interno dell’alimen...
  • L’Universo finirà come è l’iniziato, con un altro Big BangApril 5, 2018 L’Universo finirà come è l’iniziato, con un altro Big Bang (Foto: Pixabay)Una fine col botto. Il nostro universo potrebbe morire così come è nato, in un grande scoppio, simile a un altro Big Bang, l’esplosione che ha dato origine a tutto. Ma non c’è da preoccuparsi, questo secondo bang avverrà fra q...
  • Perché alcune persone sono resistenti all’hiv?June 9, 2018 Perché alcune persone sono resistenti all’hiv? (immagine: Nih)Gli antiretrovirali hanno cambiato la storia dell’hiv: prima del loro avvento la stragrande maggioranza delle persone infette era destinata inesorabilmente a sviluppare l’Aids, la forma conclamata della malattia, e poi a morire per le sue complicanze. Per una ristretta ...
  • Un test del sangue sperimentale consente di prevedere i parti prematuriJune 8, 2018 Un test del sangue sperimentale consente di prevedere i parti prematuri Quindici milioni. È il numero di bambini prematuri che nascono ogni anno in tutto il mondo. Una cifra alta e in continua crescita, che descrive un fenomeno estremamente pericoloso: i parti pretermine rappresentano infatti la prima causa di morte neonatale. Un nuovo studio coordinato dall&r...
  • Qualche mito da sfatare sulle emoticonApril 7, 2018 Qualche mito da sfatare sulle emoticon (foto: EmojiWorks)Con buona probabilità potremmo dire che tutti noi oggi abbiamo utilizzato un’emoticon (o emoj o faccina) almeno una volta. Queste (spesso) simpatiche faccine ci piacciono assai e le vediamo ovunque. Sui social network, ma anche sui prodotti di marchi globali. Alcuni...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *