(Foto: RICHARD BOUHET/AFP/Getty Images)Nelle profondità al di sotto dell’Appennino meridionale, esattamente nell’area del Sannio-Matese ci sarebbe una sorgente di magma in grado di generare terremoti di magnitudo più forte rispetto a quelli registrati in questa zona fino ad oggi. A raccontarlo sulle pagine di Science Advances è stato un team di ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) e del dipartimento di Fisica e geologia dell’università di Perugia, che con il loro studio compiono un importante passo in avanti sulle conoscenze della struttura, composizione e sismicità delle catene montuose, sui meccanismi di risalita dei magmi e dei gas e su come monitorarli.
Come precisa Francesca Di Luccio, geofisica dell’Ingv e coautrice della ricerca, le catene montuose sono solitamente caratterizzate da terremoti riconducibili all’attivazione di faglie che si muovono in risposta a sforzi tettonici. Ma, concentrandosi su una sequenza sismica anomala, avvenuta tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014 nell’area del Sannio-Matese con sismi di magnitudo massima 5, il team di ricercatori ha scoperto che questi terremoti sono stati innescati da una risalita di magma nella crosta tra i 15 e i 25 chilometri di profondità. “Un’anomalia – precisa l’esperta – legata non solo alla profondità dei terremoti di questa sequenza (tra 10 e 25 chilometri), rispetto a quella più superficiale dell’area (< 10-15 chilometri), ma anche alle forme d’onda degli eventi più importanti, simili a quelle dei terremoti in aree vulcaniche”.
I terremoti della sequenza sismica del Sannio-Matese del 2013-2014 rivelano la presenza di magma in profondità che può essere

Articoli correlati

  • Crispr, l’editing genetico spiegato in un cartoonNovember 7, 2017 Crispr, l’editing genetico spiegato in un cartoon Correggere un tratto specifico di dna grazie a un paio di “forbici molecolari” estremamente selettive, con applicazioni che vanno dalla cura del cancro allo studio delle malattie genetiche. È questa Crispr, la più moderna e promettente tecnica di editing (o modifica) del...
  • Genitori-nonni, qualunque cosa decida la Cassazione, la bambina resterà segnataDecember 1, 2017 Genitori-nonni, qualunque cosa decida la Cassazione, la bambina resterà segnata Senza dubbio una vicenda come quella dei (tristemente) ribattezzati genitori-nonni di Mirabello Monferrato appare di una severità inaudita. Direi raggelante. L’avevamo scritto ma tocca tornarci sopra: quella bambina, che oggi ha sette anni, sembrerebbe figlia del labirinto legal...
  • Il caldo aumenta? Cresceranno anche i flussi migratori verso l’EuropaDecember 22, 2017 Il caldo aumenta? Cresceranno anche i flussi migratori verso l’Europa (Foto: Dan Kitwood/Getty Images)Cambiamento climatico e migrazione sembrano andare di pari passo. Infatti, con il riscaldamento globale, che sta accelerando significativamente, aumentano anche le richieste di coloro che sperano di entrare nell’Unione europea. A lanciare l’allarme sull...
  • Anche i batteri hanno il senso del tattoOctober 27, 2017 Anche i batteri hanno il senso del tatto (Foto: Sean Gallup/Getty Images)Sebbene i batteri non abbiano dei veri e propri organi sensoriali, sono imbattibili nel percepire in che ambiente si trovano. Non solo perché interpretano i segnali chimici, ma anche perché hanno uno spiccato senso del tatto. A scoprirlo sono stati i ...
  • Con gli sbarchi dei richiedenti asilo il crimine non è aumentato, anziNovember 15, 2017 Con gli sbarchi dei richiedenti asilo il crimine non è aumentato, anzi (foto: Mario Mancuso/flickr)Secondo un sondaggio realizzato da Euromedia Research qualche mese fa, poco più di un italiano su tre ritiene di vivere in una zona poco o per nulla sicura. Questa percezione di insicurezza viene spesso attribuita – in qualche misura – alla presenza ...
  • Marte è più ricca di ghiaccio di quanto pensassimoJanuary 12, 2018 Marte è più ricca di ghiaccio di quanto pensassimo (Foto: Nasa)Sotto la superficie di Marte ci sarebbe molto più ghiaccio di quanto pensiamo. A raccontarlo sulle pagine di Science è stato un team di ricercatori, guidati da Colin M. Dundas della Us Geological Survey a Flagstaff (Stati Uniti), che, servendosi delle osservazioni del Ma...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *