Mark Zuckerberg si mette alla prova ogni anno per imparare qualcosa di nuovo. E il 2018 di Facebook potrebbe essere dedicato alle criptovalute. Stando a quanto sottolinea il fondatore del social network nel suo post di inizio anno in cui delinea le priorità del prossimo futuro, la sfida attuale si incentra sulla rivalutazione del ruolo della tecnologia per «ridare potere alle persone».
«Una delle questioni più interessanti di questo momento è legata al confronto tra centralizzazione e decentralizzazione: molti di noi hanno scommesso sulla tecnologia credendo che avrebbe rappresentato una forza decentralizzante che avrebbe dato più potere nelle mani delle persone», scrive Zuckerberg. Il quale poi si lascia andare a una critica che sembra riguardare la stessa sua creatura, lamentando come questo potenziale sembra essere stato rovinato da alcune big tech e dai governi, che hanno invece sfruttato la tecnologia per monitorare le persone e i loro comportamenti.
In questo senso la crittografia e le criptovalute rappresentano rilevanti fenomeni in controtendenza che «sottraggono il potere ai sistemi centralizzati e lo restituiscono alle persone». «Ma il rischio è che sono più complesse da controllare – prosegue il fondatore di Facebook -. Mi interessa approfondire gli aspetti positivi e negativi di queste tecnologie e come sfruttarle al meglio nell’ambito dei nostri servizi».
L’accenno alle criptovalute sembra indicare un nuovo interesse, tanto da aver fatto ipotizzare che il social network stia valutando la creazione di una propria criptovaluta. Un portavoce di Facebook ha precisato a Futurism che la società non può commentare in questo momento

Articoli correlati

  • Bitcoin, Facebook torna sui suoi passi: riammessa (in parte) la pubblicitàJune 27, 2018 Bitcoin, Facebook torna sui suoi passi: riammessa (in parte) la pubblicità Facebook torna sui suoi passi e ritira il bando totale alla pubblicità per i bitcoin e le altre criptovalute. Continueranno a non essere accettati gli annunci per le Offerte iniziali di valuta, le Ico, e le opzioni binarie, ritenute entrambe ancora troppo pericolose per il grande pubblico...
  • In Italia una persona su tre usa Facebook per trovare lavoroJune 26, 2018 In Italia una persona su tre usa Facebook per trovare lavoro I social network sono sempre più utilizzati in Italia come strumento per la ricerca di lavoro. Non solo Linkedin, che rimane ancora oggi il punto di riferimento principale. A quanto pare infatti, cresce costantemente il numero di utenti italiani che cercano lavoro tramite Facebook. Lo rive...
  • Facebook ha chiesto alle banche di condividere i dati dei loro clientiAugust 6, 2018 Facebook ha chiesto alle banche di condividere i dati dei loro clienti I tuoi soldi o i tuoi dati. Il concetto chiave che tiene in piedi molti servizi offerti dai big californiani della tecnologia è diventato, negli anni, un mantra assai diffuso a certe latitudini. Se di mezzo c’è Facebook, poi, il disegno sembra sempre molto chiaro. E le ultime...
  • Facebook chiude Tbh, l’app per fare complimenti e sondaggi anonimiJuly 3, 2018 Facebook chiude Tbh, l’app per fare complimenti e sondaggi anonimi (Foto: Midnight Labs)Sulla carta (si fa per dire), avrebbe dovuto essere un successo. E invece niente: dopo l’acquisto in pompa magna, Facebook chiude Tbh. Prima di essere acquistata, l’app era finita sotto l’occhio di bue negli Stati Uniti per milioni di download raggiunti, tan...
  • Facebook rimuove 652 profili in vista del voto Usa di midtermAugust 22, 2018 Facebook rimuove 652 profili in vista del voto Usa di midterm Facebook ha individuato e rimosso centinaia di nuovi profili considerati falsi e implicati in comportamenti considerati di ‘disturbo’ in vista delle elezioni di midterm negli Stati Uniti il prossimo novembre. Sono in tutto 652 fra pagine, gruppi e profili, ha fatto sapere il social n...
  • L’ex Mr News Feed di Facebook: “Il rapporto tra social e informazione è complicato”May 30, 2018 L’ex Mr News Feed di Facebook: “Il rapporto tra social e informazione è complicato” (Foto: Facebook)Nell’incontro davanti al Parlamento Europeo, Mark Zuckerberg, parlando di fake news e profili fasulli, ha snocciolato il mezzo miliardo di account falsi rimossi e la volontà di usare “fact-checker esterni e indipendenti”. Il rapporto con i m...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *