Se avete brindato al nuovo anno all’estero stappando una bottiglia prodotta all’interno dell’Unione Europa, c’è un 45% di possibilità che abbiate sorseggiato un vino italiano. Sì, nel 2016 i produttori italiani di vini bianchi frizzanti hanno rappresentato il 45% delle esportazioni UE di bollicine. In numeri assoluti, secondo Eurostat, si è trattato di 335 milioni di litri.
 
Una quota che fa dell’Italia il primo esportatore europeo di sparkling wines, appunto bianchi frizzanti, per quantità. Ma non per fatturato. In questo caso, infatti, “vincono” i francesi. I produttori transalpini hanno fatturato qualcosa come 2,9 miliardi di euro, contro gli 1,2 dei colleghi italiani. Pronunciare la parola ‘champagne’, pare di capire, fa impennare il prezzo. Ma tant’è. Ecco la situazione complessiva:

 
 
 
Le dimensioni dei rettangoli sulla treemap rappresentano l’export di bianchi frizzanti in termini di litri. Il colore, invece, rappresenta il fatturato. Per questo, appunto, l’area che rappresenta la Francia ha una tonalità più scura di quella dedicata al nostro Paese.
 
Terza potenza europea per quanto riguarda la produzione di bollicine è la Spagna. Dalle cantine iberiche nel 2016 sono partiti 168 milioni di litri, per un fatturato di 430 milioni di euro. Da notare, sottolinea Eurostat, che le prime tre nazioni esportatrici di vini bianchi frizzanti rappresentano una quota di mercato pari al 91% del totale.
 
Quarto posto, con 32 milioni di litri e 113 milioni di fatturato, per la Germania. Che, evidentemente, non si dedica solo alla birra. Detto che l’Italia è la prima esportatrice di spumanti, resta da capire dove vengano vendute tutte

Articoli correlati

  • Part-time, chi lo usa meno non lo fa per sceltaJuly 4, 2018 Part-time, chi lo usa meno non lo fa per scelta   La sintesi del titolo probabilmente non aiuta. Così, però, magari è più chiaro: in quei Paesi europei nei quali il ricorso al part-time è meno diffuso, è più alta la percentuale di chi lavora con un contratto di questo tipo e lo faccia non p...
  • In Italia un giovane su 4 è un Neet: non lavora e non studiaJune 15, 2018 In Italia un giovane su 4 è un Neet: non lavora e non studia Circa un giovane su quattro in Italia non studia né lavora. È il fenomeno dei cosiddetti neet. L’acronimo inglese sta per “not (engaged) in education, employment or training”, una fascia di persone che non sono occupate né seguono percorsi di istruzione o fo...
  • Produzione, consumo e aree coltivate. Tutti i numeri del vinoAugust 23, 2018 Produzione, consumo e aree coltivate. Tutti i numeri del vino Si è aperta la settimana del Vinitaly, la più grande manifestazione legata al mondo del vino, dove si ritrovano produttori, importatori, ristoratori tecnici e giornalisti. Il Salone Internazionale del vino e dei distillati si tiene a Verona fin dal 1967. Tra il 15 e il 18 aprile ha ...
  • Europa, 10,3 morti ogni mille abitanti nel 2017. Sai quanti sono in Italia?July 23, 2018 Europa, 10,3 morti ogni mille abitanti nel 2017. Sai quanti sono in Italia? L’argomento, qui a Infodata ce ne rendiamo pienamente conto, è più da primi di novembre che da fine di luglio. Le statistiche, però, sono come il Natale. Che, diceva il poeta, quando arriva, arriva. E così eccoci in piena estate a dar conto dei numeri dei decessi...
  • No, le zanzare non pungono a caso. Ecco come scelgono la “preda”August 25, 2018 No, le zanzare non pungono a caso. Ecco come scelgono la “preda” (Foto: Unsplash)Taluni sono letteralmente presi d’assalto. Talaltri – fortemente invidiati dai primi – del tutto ignorati. Capire le ragioni alla base delle preferenze per cui le zanzare pungono una persona anziché un’altra non è cosa da poco. E ha ricadute m...
  • Oscar, più donne e minoranze fra i nuovi membri dell’AcademyJune 26, 2018 Oscar, più donne e minoranze fra i nuovi membri dell’Academy Gli Oscar So White sembrano essere un ricordo ancora forte nella memoria dell’Academy of Motion Pictures Arts and Science, ricordo a cui si cerca però in tutti i modi di rimediare. L’associazione che raccoglie gli artisti e i professionisti più in vista dell’indust...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *