processi

Il sistema boccia solo il 7% di ricorsi – Resta la copia di cortesia

Il primo anno del processo amministrativo telematico si chiude con un progressivo calo degli atti rifiutati dal sistema: a gennaio dello scorso anno, quando il Pat ha debuttato, si era partiti con il 21,5% di ricorsi e documenti collegati che non erano riusciti ad arrivare a destinazione. Cifra che già il mese successivo era scesa al 14% per finire, a dicembre scorso, per assestarsi intorno al 5,8 per cento. Un segnale che il processo elettronico presso Tar e Consiglio di Stato comincia a girare.
«Non ci sono stati grossi problemi né tecnici né organizzativi – commenta Mario Torsello, segretario generale della giustizia amministrativa – e questo grazie alla collaborazione di magistrati, personale amministrativo e avvocati. Anche la giurisprudenza ha fatto la sua parte offrendo interpretazioni antiformalistiche con decisioni consapevoli della novità della riforma».

L’articolo Come è andato il primo anno del processo amministrativo telematico? I numeri sembra essere il primo su Info Data.

Articoli correlati

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *