(Foto: Justin Sullivan/Getty Images)Il colosso editoriale olandese Elsevier consentirà l’accesso gratuito alle sue riviste a pagamento per i ricercatori di circa 200 università e istituti di ricerca tedeschi che si erano rifiutati di rinnovare i loro abbonamenti individuali alla fine del 2017.
Come vi avevamo raccontato, infatti, lo scorso ottobre, cinque importanti scienziati tedeschi avevano rassegnato le dimissioni dalla carica di responsabili editoriali per Elsevier. Una decisione in risposta alle politiche che il colosso sta portando avanti contro Projekt Deal, un consorzio di quasi 200 biblioteche, università e istituti di ricerca tedeschi che da tempo si batte per promuovere l’open access agli articoli scientifici. La richiesta, in pratica, era quella di accettare un nuovo modello di pagamento: il cosiddetto publish and read, che renderebbe gratuiti, a livello nazionale, tutti gli studi scientifici condotti dagli scienziati tedeschi, previo pagamento di una somma forfettaria e omnicomprensiva. Si è cercato, così, di raggiungere un accordo che avrebbe dato alla maggior parte degli scienziati tedeschi pieno accesso online a circa 2.500 riviste a circa la metà del prezzo che le singole istituzioni avevano pagato in passato. Ma poco dopo i negoziati si erano interrotti e, alla fine del 2017, non si era arrivati ad alcun accordo.
Ben altro discorso deve invece essere fatto per Sci-Hub, il famoso sito di pirateria che fornisce l’accesso gratuito (e illegale) a decine di milioni di ricerche coperte da copyright e che sta cambiando il volto dell’accessibilità alle pubblicazioni scientifiche. Infatti, lo scorso 21 giugno il tribunale distrettuale di New York

Articoli correlati

  • Che cosa possiamo aspettarci dalle prossime elezioni politiche?January 10, 2018 Che cosa possiamo aspettarci dalle prossime elezioni politiche? (foto: flickr/ilquotidianodellapepa)Alle prossime elezioni politiche mancano ormai meno di due mesi, e per capire quali sono gli scenari politici più plausibili abbiamo pensato di realizzare una serie di articoli dedicati al tema. Nel primo, a cominciare da oggi, proveremo a descrivere qua...
  • Gli psicopatici? Amano più Justin Bieber che BachNovember 13, 2017 Gli psicopatici? Amano più Justin Bieber che Bach (Foto: Phil Bray/MGM Pictures/Universal Pictures/Dino DeLaurentiis/Getty Images)Vi ricordate quando Hannibal Lecter de Il silenzio degli innocenti ascoltava Mozart e Alex DeLarge di Arancia meccanica Beethoven? Per deduzione, quindi, se i vostri amici ascoltassero musica classica ci sar...
  • Social network, l’”illusione storica” che potrebbe cambiarci il cervelloNovember 10, 2017 Social network, l’”illusione storica” che potrebbe cambiarci il cervello “Facebook sfrutta la psicologia umana”. Non è l’ultimo ricercatore allarmista a scagliarsi contro la piattaforma di Mark Zuckerberg ma uno che su quel fronte ci ha scommesso, investito e che ne ha pure fatto parte. Niente meno che Sean Parker, fondatore di Napster e membr...
  • Niente più WhatsApp su BlackBerry e Windows PhoneDecember 28, 2017 Niente più WhatsApp su BlackBerry e Windows Phone (Photo illustration by Justin Sullivan/Getty Images)WhatsApp ha le ore contate sulle vecchie versioni di Windows Phone (dalla 8.0 in giù) e sugli ormai obsoleti BlackBerry OS e BlackBerry 10. Lo ricorda la pagina delle faq del sistema di messaggistica istantanea, sulla quale è scrit...
  • Google si prepara a dividere gli introiti con gli editoriOctober 23, 2017 Google si prepara a dividere gli introiti con gli editori (Foto: Getty Images)Facebook ha già iniziato il rilascio degli articoli a pagamento  e ora tocca a Google venire a patti con l’editoria per dividere gli introiti. Secondo quanto riportato dal Financial Times, nei piani dell’azienda c’è di combin...
  • Ora solare 2017, stanotte si dorme un’ora in piùOctober 28, 2017 Ora solare 2017, stanotte si dorme un’ora in più (Foto via Pixabay)Questa notte diremo addio all’ora legale, che ci ha garantito luce nell’arco della giornata e meno consumi in bolletta sul fronte dell’energia: nella notte fra sabato 28 e domenica 29 ottobre, alle 3:00, torna infatti l’ora solare e dovremo riportare indi...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *