L’auto del futuro potrebbe essere firmata Byton, marchio sconosciuto fino allo scorso settembre che al CES di Las Vegas ha presentato il primo concept di un suv elettrico diverso da quanto proposto finora dalle aziende attive nel settore.
Non è solo questione di numeri, che sono comunque interessanti perché per il modello standard si parla di 402 chilometri di autonomia con una singola carica (a bordo ci sarà una batteria da 71 kWh), in grado di ricaricarsi per l’80% in mezzora. La versione più potente, invece, arriverà in seguito e, oltre alle quattro ruote motrici, potrà percorrere più di 520 chilometri con una singola carica.
Byton è per ora solo un prototipoLa novità più evidente di Byton si trova a bordo e sono i due display touchscreen: il primo è da 49 pollici e si estende lungo tutto il cruscotto, il secondo si trova invece al centro del volante (ma potrebbe scomparire nella versione definitiva per la mancanza di spazio per la presenza dell’airbag).
Qui è racchiusa l’essenza del progetto, che sfruttando la guida autonoma consentirà ai passeggeri di interagire con l’auto tramite gesti e comandi vocali. Si inizierà con livello 3, che nella classificazione stabilita dalla SAE International Automotive corrisponde all’automazione condizionata, con l’auto che gestisce accelerazione, frenate e direzione e l’essere umano pronto a intervenire in caso di potenziale pericolo o laddove non sia ammessa la guida autonoma, per passare poi al livello 4, alta automazione, con il pilota che è spettatore ma pronto su richiesta a prendere il controllo dell’auto.
Grazie a un’integrazione personalizzata

Articoli correlati

  • Il referendum lombardo-veneto e la distanza fra Nord e Sud: ecco i numeriOctober 23, 2017 Il referendum lombardo-veneto e la distanza fra Nord e Sud: ecco i numeri di Fedele De Novellis e Sara Signorini, rispettivamente partner e economista senior e ricercatrice di REF Ricerche  Nonostante gli ampi divari di capacità fiscale nel nostro paese, la redistribuzione di risorse effettuata dal sistema di welfare consente di garantire livelli di...
  • Il referendum Lombardo-Veneto e la distanza fra Nord e Sud: ecco i numeriOctober 17, 2017 Il referendum Lombardo-Veneto e la distanza fra Nord e Sud: ecco i numeri di Fedele De Novellis e Sara Signorini, rispettivamente partner e economista senior e ricercatrice di REF Ricerche  Nonostante gli ampi divari di capacità fiscale nel nostro paese, la redistribuzione di risorse effettuata dal sistema di welfare consente di garantire livelli di...
  • Il referendum lombardo-veneto e la distanza fra Nord e Sud: ecco i numeriOctober 21, 2017 Il referendum lombardo-veneto e la distanza fra Nord e Sud: ecco i numeri di Fedele De Novellis e Sara Signorini, rispettivamente partner e economista senior e ricercatrice di REF Ricerche  Nonostante gli ampi divari di capacità fiscale nel nostro paese, la redistribuzione di risorse effettuata dal sistema di welfare consente di garantire livelli di...
  • Il mercato auto rallenta la crescita a ottobreNovember 3, 2017 Il mercato auto rallenta la crescita a ottobre auto Il mercato italiano dell’auto continua a crescere, con le immatricolazioni aumentate a ottobre del 7,1%. Certo, rallenta rispetto al mese scorso (+8,1%) e resta al di sotto della media dell’intero periodo, da gennaio a ottobre (+8,85%), ma resta in terreno decisamente positivo, ...
  • Sky Q, la rivoluzione della tv secondo SkyNovember 22, 2017 Sky Q, la rivoluzione della tv secondo Sky Oggi Sky ha presentato Sky Q, un nuovo sistema che rappresenta il futuro prossimo del colosso della tv via cavo. A dirla tutta, si tratta di un ecosistema, perché unisce alcune soluzioni hardware di nuova generazione ad applicazioni interamente riprogettate per offrire nuovi serv...
  • Anche con il Rosatellum l’Italia rischia di essere ingovernabileOctober 27, 2017 Anche con il Rosatellum l’Italia rischia di essere ingovernabile (Foto: LaPresse)Alle prossime elezioni in Italia si voterà con un nuovo sistema. Il Rosatellum bis. Tuttavia, stando alle simulazioni, non garantirebbe la governabilità. Nonostante gli sforzi fatti per evitare uno stallo, con tre forze politiche praticamente alla pari. Se si votasse...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *