“Il sale sopra l’insalata”: così Elon Musk ha descritto il litio, uno dei fattori necessari per la produzione delle sue Tesla. Come dire che è fondamentale per dare sapore al piatto, ma, alla fin fine, non proprio del tutto necessario: l’insalata si può anche mangiare senza sale, anche se è una cosa diversa. Le sue Tesla senza litio, invece, non potrebbero funzionare: il metallo è a oggi – e ancora per i prossimi anni – il componente primario per le batterie al momento più efficienti. Che si tratti degli accumulatori per cellulari e device portatili o di quelli indispensabili per caricare i motori dei veicoli elettrici.
E’ vero che il costo del parco batterie – pari più o meno a 7mila batterie di quelle usate per il telecomando della televisione per una Model S – è ininfluente rispetto al costo complessivo della vetture di punta della Tesla: anche se il prezzo del litio lievitasse del 300%, la quantità è talmente ridotta che i costi del pack di batterie potranno crescere al massimo del 2%. Ma senza quelle batterie ricaricabili l’auto elettrica non avrebbe ragione di esistere.E la produzione di automobili elettriche è destinata a lievitare di almeno trenta volte entro il 2030, stando alle previsioni del Bloomberg New Energy Finance.
In questo senso il litio diventa uno delle materie prime cruciali per l’economia del futuro: Musk potrà non essere preoccupato perché di metallo ce n’è a sufficienza, ma senz’altro deve garantirsi rifornimenti stabili. Il rischio è un’impennata dei prezzi di fronte alle

Articoli correlati

  • Tesla in difficoltà: Model 3 rallenta e i conti non tornanoNovember 2, 2017 Tesla in difficoltà: Model 3 rallenta e i conti non tornano (Foto: Getty Images)Ancora problemi per Tesla e la sua Model 3. Dopo i ritardi annunciati il mese scorso e le assicurazioni fornite dalla società, secondo la quale i recenti licenziamenti non avrebbero influito sulla produzione del nuovo modello di auto elettrica, arriva ora un nuovo stop....
  • Tesla perde 8000 dollari al minuto, secondo gli esperti non arriverà al 2019November 24, 2017 Tesla perde 8000 dollari al minuto, secondo gli esperti non arriverà al 2019 (Foto: Bloomberg)Stando a quanto riportato da Bloomberg, Elon Musk e la sua Tesla non se la stanno passando benissimo. Anzi. Dopo i ritardi nella produzione della Model 3, i licenziamenti e le voci ricorrenti di problemi economici infatti, ora arrivano anche le previsioni nefaste degli analisti d...
  • E se i bitcoin li avesse inventati Elon Musk?November 28, 2017 E se i bitcoin li avesse inventati Elon Musk? (Foto: Justin Sullivan/Getty Images)Idea che sta facendo il giro del mondo, quella secondo cui Elon Musk sarebbe l’inventore dei bitcoin. La rivelazione è partita da un ex stagista di SpaceX di nome Sahil Gupta su Medium ed è stata poi ripresa dall’accreditato e calibrat...
  • Tesla annuncia anche un pick-up: arriverà tra il 2019 e il 2020December 28, 2017 Tesla annuncia anche un pick-up: arriverà tra il 2019 e il 2020 Dopo le auto e i camion, Tesla pensa anche ai pickup. Era naturale che il marchio elettrico statunitense guardasse anche a questo tipo di vettura, il più americano di tutti, e infatti eccolo qui. Era da tempo che se ne parlava ma finalmente Tesla ha dato un’idea dell’uscita. Il...
  • Problemi per Tesla: deludono le vendite di Model 3January 4, 2018 Problemi per Tesla: deludono le vendite di Model 3 Ci risiamo. Ci sono ancora problemi per Tesla e la sua Model 3. Nel quarto trimestre del 2017 la casa automobilistica di Elon Musk ha annunciato la consegna di sole 1500 unità. Dopo le ultime vicissitudini, alcuni analisti si aspettavano una stima realistica di poco più di 850 esemp...
  • Le mappe del 2017: quanti antibiotici consumiamo al giorno?December 28, 2017 Le mappe del 2017: quanti antibiotici consumiamo al giorno? Batteri sempre più resistenti agli antibiotici: di qualche giorno fa l’allarme lanciato dal commissario europeo alla Salute Vytenis Andriukaitis, commentando  i dati diffusi  dallo European center for disease control. E una delle cause di questo fenomeno è da imputar...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *