Metà della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi sanitari di base, e ogni anno 100 milioni di persone sono spinte verso la poverta’ estrema a causa delle spese sostenute per la salute.
Lo scrive un nuovo rapporto della Banca Mondiale e dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Secondo il documento quasi 800 milioni di persone nel mondo spendono piu’ del 10% delle proprie entrate per la salute, e tra queste per 180 milioni la percentuale supera il 25%.

Secondo lo studio ogni giorno più di 800 donne muoiono per cause legate alla gravidanza e al parto. E quasi 20 milioni di bambini non ricevono le vaccinazioni di cui hanno bisogno, correndo quindi il rischio di morire di malattie come la difterite, il tetano, la pertosse e il morbillo. Anche quando i servizi sanitari sono disponibili, utilizzarli può significare andare in rovina da un punto di vista finanziario. Ogni anno 100 milioni di persone sono spinte alla povertà a causa della spesa sanitaria e 179 milioni di persone spendono più di un quarto del proprio bilancio familiare per l’assistenza sanitaria – un livello che consideriamo essere “spesa sanitaria catastrofica”.
Cliccando alla voce Uhc serive coverage index si può accedere alla mappa interattiva che mostro dove la copertura sanitaria non c’è o è troppo costosa. I paesi più chiari sono i più poveri. I dati sono del 2015. 

 

 
 

Follow @lucatremolada
L’articolo Metà della popolazione non ha accesso a cure sanitarie di base. Analisi sembra essere il primo su Info Data.

Articoli correlati

  • Metà della popolazione non ha accesso a cure sanitarie di base. Quanto vale la salute?December 15, 2017 Metà della popolazione non ha accesso a cure sanitarie di base. Quanto vale la salute? http://apps.who.int/gho/cabinet/uhc-service-coverage.jsp Metà della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi sanitari di base, e ogni anno 100 milioni di persone sono spinte verso la poverta’ estrema a causa delle spese sostenute per la salute. Lo scrive un nuovo rapporto della...
  • Credito alle famiglie: i prestiti regione per regioneJanuary 15, 2018 Credito alle famiglie: i prestiti regione per regione risparmio Tassi d’interesse ai minimi e la fiducia ritrovata invitano le famiglie a chiedere più credito al consumo. L’importo medio richiesto nel 2017 per l’aggregato di prestiti personali più finalizzati supera di poco i 9mila euro, attestandosi a quota 9.050. I...
  • Il triste caso della violenza su Anna MazzamauroDecember 20, 2017 Il triste caso della violenza su Anna Mazzamauro Ma c’è un po’ di dignità in certa gente e in un certo mondo? Perché l’autore della violenza sull’attrice Anna Mazzamauro, l’indimenticabile signorina Silvani di Fantozzi, non esce allo scoperto e, così facendo, imprime una svolta al modo p...
  • I figli dei genitori che lavorano più bravi a scuola: lo dice il Test InvalsiOctober 20, 2017 I figli dei genitori che lavorano più bravi a scuola: lo dice il Test Invalsi Tra le molte cose che un genitore lavoratore deve riuscire a gestire – gli orari, i ritardi, le ferie, le malattie, la baby sitter, l’asilo nido, le visite dal pediatra, i turni – la più complicata di tutte è quel malessere sottile chiamato senso di colpa.Quando il...
  • Lo strano caso dei dati sanitari degli italiani alle multinazionaliDecember 6, 2017 Lo strano caso dei dati sanitari degli italiani alle multinazionali La legge europea 2017 pubblicata la scorsa settimana in Gazzetta Ufficiale, il provvedimento annuale con cui il Parlamento recepisce le numerose norme approvate su scala continentale armonizzandole col nostro ordinamento, entrerà in vigore il 12 dicembre prossimo. Questa legge inseris...
  • Violenza di genere: la mappa delle denunce #HoDettoNoNovember 25, 2017 Violenza di genere: la mappa delle denunce #HoDettoNo #HoDettoNo è l’ebook che parte dai numeri per descrivere, non solo il grande costo umano, ma anche quello economico e sociale della violenza contro le donne. Il volume raccoglie inchieste, numeri, analisi e storie sul dramma della violenza contro le donne. è scaricabile g...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *