Metà della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi sanitari di base, e ogni anno 100 milioni di persone sono spinte verso la poverta’ estrema a causa delle spese sostenute per la salute.
Lo scrive un nuovo rapporto della Banca Mondiale e dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Secondo il documento quasi 800 milioni di persone nel mondo spendono piu’ del 10% delle proprie entrate per la salute, e tra queste per 180 milioni la percentuale supera il 25%.

Secondo lo studio ogni giorno più di 800 donne muoiono per cause legate alla gravidanza e al parto. E quasi 20 milioni di bambini non ricevono le vaccinazioni di cui hanno bisogno, correndo quindi il rischio di morire di malattie come la difterite, il tetano, la pertosse e il morbillo. Anche quando i servizi sanitari sono disponibili, utilizzarli può significare andare in rovina da un punto di vista finanziario. Ogni anno 100 milioni di persone sono spinte alla povertà a causa della spesa sanitaria e 179 milioni di persone spendono più di un quarto del proprio bilancio familiare per l’assistenza sanitaria – un livello che consideriamo essere “spesa sanitaria catastrofica”.
Cliccando alla voce Uhc serive coverage index si può accedere alla mappa interattiva che mostro dove la copertura sanitaria non c’è o è troppo costosa. I paesi più chiari sono i più poveri. I dati sono del 2015. 

 

 
 

Follow @lucatremolada
L’articolo Metà della popolazione non ha accesso a cure sanitarie di base. Analisi sembra essere il primo su Info Data.

Articoli correlati

  • In Italia  e nel mondo usiamo troppi antibioticiMarch 28, 2018 In Italia e nel mondo usiamo troppi antibiotici Se anche i batteri che causano le più comuni infezioni diventassero resistenti ai nostri antibiotici sarebbe un vero disastro. Le autorità sanitarie e i ricercatori di tutto il mondo lo ripetono ormai da tempo, eppure le iniziative per mettere un freno all’uso spropositato e i...
  • Calcola i tempi di attesa e i costi della sanità italianaMarch 23, 2018 Calcola i tempi di attesa e i costi della sanità italiana Il record spetta al Lazio, dove per una colonscopia in regime di Servizio sanitario nazionale occorre attendere in media 175,7 giorni. Anche se basta scegliere l’intramoenia, cioè pagare per effettuare l’esame con lo stesso medico e nella stessa struttura, e l’appuntament...
  • Scegli la patologia e scopri di tempi di attesa nella sanità pubblicaMarch 25, 2018 Scegli la patologia e scopri di tempi di attesa nella sanità pubblica Il record spetta al Lazio, dove per una colonscopia in regime di Servizio sanitario nazionale occorre attendere in media 175,7 giorni. Anche se basta scegliere l’intramoenia, cioè pagare per effettuare l’esame con lo stesso medico e nella stessa struttura, e l’appuntament...
  • I sette motivi per cui i Millennials sono diversi dai loro nonniMarch 24, 2018 I sette motivi per cui i Millennials sono diversi dai loro nonni Partiamo dalle definizioni: i Millennials sono quelle persone che nel 2017 hanno una età compresa da 21 a 36 anni.  Per dirla in altro modo sono nati tra il 1981 e il 1996. Pew Interactive, centro di studi statuinitense, ha realizzato un nuovo grafico interattivo confrontand...
  • I cinesi vivranno più a lungo degli americani. Il mondo è cambiato?June 6, 2018 I cinesi vivranno più a lungo degli americani. Il mondo è cambiato? In questi giorni i media di stato cinesi hanno annunciato in pompa magna di aver superato per la prima volta nel 2016 gli Stati Uniti quanto ad aspettativa di vita in salute: 68,7 anni per i cinesi e 68,5 per gli americani . Questo a fronte di un’aspettativa di vita nel complesso, quindi co...
  • Tutela del know-how: il governo approva il decreto di attuazione della direttiva europea.May 15, 2018 Tutela del know-how: il governo approva il decreto di attuazione della direttiva europea. Martedì 8 maggio 2018 il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto di attuazione della direttiva (UE) 2016/943 sulla protezione del know-how riservato e delle informazioni commerciali riservate (segreti commerciali) contro l’acquisizione, l’utilizzo e la divulgazione illec...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *