In attesa della chiusura del 2017, stando ai dati pubblicati da Eurostat, la produzione agricola complessiva europea per il 2016 è risultata in flessione rispetto ai numeri registrati nel 2015.
I 405 miliardi di euro dello scorso anno provenienti sia da raccolti, sia dall’allevamento, così come dai prodotti e i servizi che ruotano attorno alla produzione agricola, sono stati inferiori del 2,8% paragonati se paragonati ai dodici mesi precedenti.
Nel grafico che segue, oltre ai riferimenti complessivi su tutta l’Unione Europea (in alto), sono riportati i valori per ogni nazione in termini di produzione agricola complessiva (Agricultural Output) rappresentata con l’immagine di una fattoria più o meno a grande a seconda del volume di euro generati e, nella seconda colonna, colorata dal rosso al verde sulla base della variazione percentuale rispetto al 2015.
Analogamente, nelle altre due colonne, per ogni paese sono indicati i valori dello scostamento percentuale di produzione per i raccolti (Crop Output) e produzione derivata da animali (Animal Output), rispettivamente rappresentati con immagini di pomodori e mucche, colorati in funzione delle relative variazioni per il 2016.

 
In cima alla classifica 2016 dei paesi con la produzione maggiore, guida la Francia in prima posizione (70,3 miliardi) seguita dalla coppia formata dall’Italia (53,4) che la spunta di un soffio sulla Germania (52,9).
È interessante notare come tutte e tre le nazioni, seppur in misura diversa, pur risultando al top in termini di volumi, risultano però in flessione rispetto al 2015 con il -6,5% francese che figura tra i peggiori valori europei (solo Estonia con

Articoli correlati

  • Dopo la crisi del 2008, in Europa non si investe più come primaMay 21, 2018 Dopo la crisi del 2008, in Europa non si investe più come prima Dopo la crisi economica verificatasi nel 2008, in Europa non si investe più come prima. O almeno questo è quanto emerge dai numeri pubblicati in uno studio di Eurostat per il 2017 se messi in relazione con quelli dell’ultimo decennio considerando sia gli investimenti nel setto...
  • Chrome cambia prospettiva: da ottobre saranno segnalati i siti non sicuriMay 20, 2018 Chrome cambia prospettiva: da ottobre saranno segnalati i siti non sicuri Inutile girarci intorno, riducendo la sicurezza allo scarto di una lettera. Un sito o è sicuro, o non lo è. Chrome vuole fare in modo che questo sia chiaro, per cui, annuncia l’azienda, in autunno cambierà il modo in cui sarà indicato agli utenti quando un s...
  • Urbanizzazione, quanto è verde l’Europa? Il caso del MoliseJune 12, 2018 Urbanizzazione, quanto è verde l’Europa? Il caso del Molise   Il 4,4% del suolo europeo è stato urbanizzato. O, come dice Eurostat, la sua superficie è di origine artificiale. Si tratta di un’area grosso modo delle dimensioni dell’Ungheria. O del Portogallo, se si preferisce. Detto altrimenti, per ogni europeo ci sono 370 me...
  • Cresce l’occupazione in Europa ma non dappertutto. Il caso ItaliaApril 26, 2018 Cresce l’occupazione in Europa ma non dappertutto. Il caso Italia Anche se lentamente, sembra che gli effetti sull’economia dovuti al periodo di crisi che ha colpito il Mondo a partire dal 2008 si stiano attenuando, e l’occupazione in Europa pare non fare eccezione. Stando ai dati pubblicati da Eurostat, dopo diversi anni di calo, la lenta risalita ...
  • Cresce l’occupazione in Europa ma non dappertutto. Il caso ItaliaApril 29, 2018 Cresce l’occupazione in Europa ma non dappertutto. Il caso Italia Anche se lentamente, sembra che gli effetti sull’economia dovuti al periodo di crisi che ha colpito il Mondo a partire dal 2008 si stiano attenuando, e l’occupazione in Europa pare non fare eccezione. Stando ai dati pubblicati da Eurostat, dopo diversi anni di calo, la lenta risalita ...
  • Droga, gli italiani ai primi posti in Europa. Ecco chi consuma cosaApril 8, 2018 Droga, gli italiani ai primi posti in Europa. Ecco chi consuma cosa Quanto a consumo di droghe il nostro paese è fra i peggiori in Europa, con il 22% degli adulti fra i 15 e i 64 anni che nel 2017 ha fatto uso di una qualche sostanza. La stessa percentuale dell’Olanda. Se consideriamo la percentuale di persone dai 15 ai 64 anni che nell’ultimo ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *