Il ministero della Salute chiarisce: “I sacchetti bio si possono portare da casa”

I sacchetti che dal 1° gennaio sono a pagamento non possono essere riutilizzati, ciò non significa che le persone non possano portarseli da casa, a patto che siano adatti allo scopo e monouso.
Questa la conclusione a cui è giunto il ministero della Salute, aggiungendo che i titolare dell’esercizio commerciale hanno il diritto di controllare che i sacchetti siano idonei. Il segretario generale Giuseppe Ruocco spiega che “il riutilizzo dei sacchetti determinerebbe il rischio di contaminazioni batteriche con situazioni problematiche” .
Il direttore generale di Legambiente, Stefano Ciafani, in un’intervista al Corriere della Sera prova a sua volta a rassicurare i consumatori, consigliando i ministeri competenti a fare una circolare che spieghi meglio come comportarsi. E permettere, ad esempio, di portarsi da casa un retina “igienica, ecologica e si può usare quante volte si vuole“.
La polemica sui sacchetti bio a pagamento, divampata a cavallo tra la fine del 2017 e l’inizio del nuovo anno, non accenna a placarsi, tra associazioni dei consumatori in allerta, strambe foto apparse online e ipotesi di complotto.
Come riporta La Stampa, secondo i dati forniti da Assobioplastica, in Italia si consumano tra i 9 miliardi e i 10 miliardi di sacchetti ogni anno, circa 150 a testa.
The post Il ministero della Salute chiarisce: “I sacchetti bio si possono portare da casa” appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • Insetti nel pandoro, la vera magia delle festeDecember 19, 2017 Insetti nel pandoro, la vera magia delle feste Il 2018 sarà, tra le altre cose, l’anno dell’introduzione in italia degli insetti commestibili (solo allevati). Un traguardo che noi italiani siamo stati molto lenti a raggiungere, visto che più o meno tutto il resto d’Europa ha già ammesso l’utilizzo ...
  • L’etichetta sull’origine degli alimenti? Già a rischioJanuary 12, 2018 L’etichetta sull’origine degli alimenti? Già a rischio Siamo alle solite. Tirata da una parte dai consumatori, che pretendono il diritto di sapere cosa mangiano, e dall’altra dai produttori, che preferiscono nella maggior parte dei casi poter lavorare nell’ombra, la Commissione europea deve decidere adesso da che parte stare. Il rischio &...
  • Perché la mostra per i 60 anni di Esselunga è semplicemente perfettaJanuary 2, 2018 Perché la mostra per i 60 anni di Esselunga è semplicemente perfetta Spiegare a chi non vive in Italia un fenomeno come quello di Esselunga potrebbe non essere semplicissimo. Perché come possa una catena di supermercati trasformare i propri clienti in fan, con tanto di delirio collettivo per ogni nuova collezione di gadget da ritirare alla cassa e addirittu...
  • Beery Christmas, il calendario dell’avvento che ti offre una birra al giornoNovember 10, 2017 Beery Christmas, il calendario dell’avvento che ti offre una birra al giorno Halloween è passato da pochissimo, ma le città già si vestono a festa per Natale. Insieme ad alberi, vischio e palline colorate, ecco arrivare anche la carica dei calendari dell’avvento. Quello che ti proponiamo però è diverso dagli altri e infatti ar...
  • Parte il round di equity crowdfunding di Biorfarm, startup che invia frutta direttamente dagli agricoltoriDecember 14, 2017 Parte il round di equity crowdfunding di Biorfarm, startup che invia frutta direttamente dagli agricoltori Partecipata da H-Farm, Biorfarm consente di adottare e coltivare il proprio albero e riceverne i frutti. L’obiettivo è raccogliere €80k dal crowd su Crowdfundme   E’ online sul portale CrowFundMe la campagna di equity crowdfunding di Biorfarm, startup che consente di...
  • A ogni Paese la sua piramide alimentareOctober 19, 2017 A ogni Paese la sua piramide alimentare     La piramide alimentare presentata nel 1992 dall’Usda per tentare di limitare l’obesità  Se pensavate che ciò che fa ufficialmente bene è bene ovunque, nel mondo, ripensateci. Prendiamo le piramidi alimentari: ogni Paese ne ha di diverse, e a cam...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *