(Foto: Neonbrand/Unsplash)Altro che meter dell’Auditel. Alcune app hanno reso la faccenda più semplice: chiedono accesso al microfono dello smartphone in maniera del tutto ingiustificata, per poi restare in ascolto dei gusti tv degli utenti. Riconoscere l’audio di programmi e pubblicità, per poi indirizzare meglio gli annunci.
App che andavano dai giochi di bowling al “beer pong”, includevano un particolare tipo di software adatto a capirne le abitudini di visione, progettato da Alphonso e, ovviamente, non sempre chiaramente dichiarato.
Secondo il New York Times, che ha individuato almeno 250 giochi di questo tipo, in maggioranza su Play Store, molte app nascondevano i loro intenti nell’opzione “leggi di più”: non facendo attenzione a quell’annuncio, si perdeva la possibilità di capire cosa stesse realmente accadendo. Alcune di esse, peraltro, restavano in azione anche quando chiuse.
The Verge ha installato una delle applicazioni, chiamata Endless 9*9 puzzle di Imobile Game Studios: ha chiesto immediatamente accesso al microfono e alla localizzazione, senza fornire nessuna notizia aggiuntiva. Per scoprire che l’app stava monitorando “i dettagli delle visualizzazioni TV” al fine di “mostrare contenuti e annunci relativi alla TV”, era necessario entrare impostazioni del gioco. Quindi, nessuna richiesta di consenso proattiva. 
Un comportamento, questo, che negli Stati Uniti la Federal Trade Commission ha già condannato in passato. Nel 2016, ha avvisato una dozzina di sviluppatori di app Android che utilizzavano un software simile, SilverPush, sul fatto che gli utenti dovessero essere informati del tipo di informazioni che le loro app raccolgono, e del relativo motivo. In quel caso, tuttavia, le informazioni mancavano del tutto, non erano nemmeno nascoste.
Anche

Articoli correlati

  • La realtà aumentata per le pubblicità arriva nel News Feed di FacebookJuly 11, 2018 La realtà aumentata per le pubblicità arriva nel News Feed di Facebook La realtà aumentata negli annunci del News feed (Foto: Facebook)Nell’ambito della conferenza F8 di maggio Facebook aveva annunciato di essere al lavoro con le aziende per far loro utilizzare la realtà aumentata su Messenger, come funzione capace di far provare nuovi prodotti a...
  • Il riconoscimento facciale di Amazon scambia politici con criminaliJuly 27, 2018 Il riconoscimento facciale di Amazon scambia politici con criminali Foto: AcluChe l’Intelligenza Artificiale abbia ancora molto da imparare e ampi margini di perfezionamento era cosa nota: Microsoft si è recentemente impegnata a rendere la sua un po’ meno razzista e già da quel trambusto era passata Google. Della fallibilità di si...
  • Una startup proietta pubblicità sui finestrini delle autoAugust 23, 2018 Una startup proietta pubblicità sui finestrini delle auto (Foto: Grabb-it)Ora la pubblicità arriva anche sui finestrini delle auto. L’idea è di una startup statunitense di nome Grabb-it che ha sviluppato una tecnologia per proiettare inserzioni digitali, pensata per le auto utilizzate dai servizi di ride sharing. Il lunotto laterale ...
  • Settimana enigmistica in digitale: il bando per startup dei giochiSeptember 10, 2018 Settimana enigmistica in digitale: il bando per startup dei giochi Cruciverba (Pixabay)Quale sarà la startup che inventerà il prossimo quesito con la Susi o la pagina della Sfinge? La cercano Digital Magics, incubatore di startup digitali, e l’editore de La Settimana Enigmistica, che hanno lanciato un bando per il casual gaming. L’o...
  • Honor 10 mette il turbo con un aggiornamento specialeJune 29, 2018 Honor 10 mette il turbo con un aggiornamento speciale (Foto: Honor)Dopo un’attesa breve ma febbrile, finalmente Honor è pronta a mettere a disposizione degli utenti dei suoi smartphone la sua tecnologia Gpu Turbo, anticipata con orgolio ormai diverse settimane fa. Gpu Turbo è un nuovo sisema di gestione delle risorse di calcolo i...
  • La blockchain più vecchia? È nel New York Times dal 1995August 30, 2018 La blockchain più vecchia? È nel New York Times dal 1995 Che la blockchain di bitcoin e delle altre criptovalute non fosse una scoperta del tutto nuova, ma che si trattasse dell’evoluzione di una serie di tecnologie concorrenti a creare un sistema decentralizzato e senza intermediari era ben noto. Ma sorprende senz’altro che la prima &ldqu...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *