“Il futuro è già qui, solo che non è equamente distribuito” aveva osservato William Gibson. Purtroppo, a quasi cinquant’anni dalla creazione di internet, l’accesso alla rete è ancora molto scarso per oltre oltre quattro miliari di persone. Se, infatti, in  Islanda ci sono più persone online (98,2%) che case con un apparecchio tv (93%), in Eritrea appena l’1,2% della popolazione è online e, in generale tutta l’Africa e buna parte dell’India, arrancano con connessioni lente e troppo costose.

Non c’è però da sorridere nemmeno in Italia dove nel 2016 il 94% delle abitazioni aveva un apparecchio tv ma appena il 61% della popolazione era online. Un dato marcatamente lontano da quello dei paesi ad alto reddito procapite (99% Tv; 82% online) e della media di Europa e Asia centrale (98% Tv; 74% online).
Non va molto meglio sul fronte delle infrastrutture per l’ecommerce. L’Italia, infatti è 66ima al mondo per numero di server sicuri (quelli indispensabili per banche e transazioni economiche per intenderci) con appena 333 server per milione di persone, una cifra che ci mette dietro alla Spagna e alla maggior parte dei paesi europei.
L’articolo Banca Mondiale, per quattro miliardi di persone la banda larga è ancora un miraggio sembra essere il primo su Info Data.

Articoli correlati

  • Alien 3, la sceneggiatura perduta di William Gibson diventerà un fumettoJuly 13, 2018 Alien 3, la sceneggiatura perduta di William Gibson diventerà un fumetto Nonostante i recenti problemi al botteghino, la saga di Alien sembra godere di una vivacità e di un’attenzione ancora molto forti: dopo che sono stati infatti accantonati i progetti di altri film sequel o prequel, pare ci sarà presto una serie tv. Ma novità giungono anc...
  • Startup, il machine learning vale davvero 5 miliardi       di dollari? August 28, 2018 Startup, il machine learning vale davvero 5 miliardi di dollari?  Dalla prevenzione delle frodi finanziarie al monitoraggio dei consumi energetici domestici o industriali. Dai veicoli autonomi ai robot intelligenti, fino all’oggetto elettronico o alle radiografie hi-tech. E al centro di tutto ci sono i big data con la loro traduzione per cittadini e impr...
  • Startup, il machine learning vale davvero 5 miliardi       di dollari? August 28, 2018 Startup, il machine learning vale davvero 5 miliardi di dollari?  Dalla prevenzione delle frodi finanziarie al monitoraggio dei consumi energetici domestici o industriali. Dai veicoli autonomi ai robot intelligenti, fino all’oggetto elettronico o alle radiografie hi-tech. E al centro di tutto ci sono i big data con la loro traduzione per cittadini e impr...
  • 5G a casa, mettetevi comodi: per la smart home appuntamento al 2025September 4, 2018 5G a casa, mettetevi comodi: per la smart home appuntamento al 2025 Berlino – Ai televisori 8k il 5G farà la differenza. Gli schermi con una risoluzione quattro volte superiore al 4K, una delle novità dell‘Ifa di Berlino, la più grande fiera di elettronica, hanno bisogno di una banda abbastanza potente, come il 5G, per trasmettere...
  • Google progetta il chip «intelligente» per l’internet delle cose. Le novità sul cloudJuly 26, 2018 Google progetta il chip «intelligente» per l’internet delle cose. Le novità sul cloud Su una moneta da cinque centesimi di euro ce ne stanno quattro. È il chip che Google ha progettato e fa realizzare per l’intelligenza artificiale sulle periferiche: telecamere, sensori, automobili, i mille e mille oggetti che compongono la internet delle cose smart. Dice al Sole 24 ...
  • Cosa accadrebbe se i mondiali fossero hackerati?June 24, 2018 Cosa accadrebbe se i mondiali fossero hackerati? I mondiali di calcio che si stanno svolgendo in questi giorni attirano gli sguardi di tutto il mondo. Allo sforzo logistico, organizzativo e “fisico” tipico di queste manifestazioni, da qualche anno è diventato indispensabile pensare anche al risvolto della sicurezza informati...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *