Pm10 alle stelle in uno dei mesi di ottobre più secchi della storia. Ma a parte la situazione contingente, ed allargando il discorso oltre i confini nazionali, cosa si sta facendo per ridurre l’inquinamento?
 
Per provare a capirlo, Infodata ha interrogato la banca dati della World Bank, all’interno della quale sono “custoditi” i numeri relativi alle emissioni dal 1990 al 2012. Quantità che vengono misurate in tonnellate di anidride carbonica equivalente, un’unità di misura che consente di misurare l’impatto sul riscaldamento globale di ogni tipo di inquinante. I risultati sono questi:

 
 
 
Intanto, una premessa: i dati si spingono solo fino al 2012. Quindi a protocollo di Kyoto già in vigore, ma con una situazione geopolitica ben diversa da quella attuale. Intanto, ancora non erano stati sottoscritti gli accordi di Parigi. La Cina era agli albori di quella svolta green che l’ha portata, afferma l’IEA, ad essere responsabile del 40% della crescita di produzione di energia rinnovabile tra il 2011 ed il 2016. Mentre alla Casa Bianca era appena iniziato il secondo mandato di Barack Obama. Non c’era ancora, in altre parole, quel Donald Trump che parla di “clean coal” e vuole ritirare la firma americana dagli accordi di Parigi.
 
Infodata ha scelto di visualizzare i dati in modo da mettere a confronto le due superpotenze dell’inquinamento con la situazione europea. Ovviamente, utilizzando i filtri sul lato destro, è possibile selezionare altri continenti e le singole nazioni all’interno di essi. Restando sulla visualizzazione iniziale, si vede come la “vecchia” Europa sia la realtà maggiormente

Articoli correlati

  • Donald Trump contro l’Ue per la multa a GoogleJuly 20, 2018 Donald Trump contro l’Ue per la multa a Google Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump (Photo by Drew Angerer/Getty Images)Il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha criticato aspramente la multa record da 4,3 miliardi di euro (5 miliardi di dollari) che l’Unione europea ha inflitto a Google per la posizione p...
  • I nuovi lavori, i contratti e l’occupazione. Post Jobs ActAugust 23, 2018 I nuovi lavori, i contratti e l’occupazione. Post Jobs Act Tra la fine del 2014 e la seconda metà del 2015, con l’introduzione dei primi decreti legislativi che avrebbero poi costituito nei mesi a seguire il cosiddetto Jobs Act, si è registrato un cambiamento sostanziale nel mondo del lavoro italiano. Promossa e poi attuata dal govern...
  • Chelsea Manning e gli altri ospiti della domenica del Wired Next FestMay 27, 2018 Chelsea Manning e gli altri ospiti della domenica del Wired Next Fest Ultima giornata di eventi al Wired Next Fest, che si conclude oggi ai Giardini Indro Montanelli di Milano. Una giornata straordinariamente ricca di ospiti per continuare a raccontare le contaminazioni, salutare il pubblico e dare appuntamento a Firenze per l’edizione autunnale della festa d...
  • Dazi, quanta Italia c’è nelle automobili che entrano nel mercato Usa?July 29, 2018 Dazi, quanta Italia c’è nelle automobili che entrano nel mercato Usa? Tra l’Europa e gli Stati Uniti non ci sarà una guerra dei dazi. Dall’incontro a Washington tra il presidente Usa Donald Trump e il presidente della Commissione Europea Claude Juncker è arrivata un’intesa. Come Info Data abbiamo calcolato quanto sarebbe stato il va...
  • Dazi, quanta Italia c’è nelle automobili straniere che entrano mercato Usa?July 26, 2018 Dazi, quanta Italia c’è nelle automobili straniere che entrano mercato Usa? Tra l’Europa e gli Stati Uniti non ci sarà una guerra dei dazi. Dall’incontro a Washington tra il presidente Usa Donald Trump e il presidente della Commissione Europea Claude Juncker è arrivata un’intesa. Come Info Data abbiamo calcolato quanto sarebbe stato il val...
  • L’Enciclopedia Britannica vuole migliorare le ricerche su GoogleJune 8, 2018 L’Enciclopedia Britannica vuole migliorare le ricerche su Google (Foto: wikipedia.org)Nel 2014 Google ha introdotto gli snippet, una sorta di breve anteprima che fa risparmiare click. Una formula che ha permesso di velocizzare le ricerche ma che ha aperto una finestra su un mondo di imprecisioni, perché non tutte le fonti restituite sono attendibili. In...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *