Negli Stati Uniti c’è una causa contro Spotify da 1,6 miliardi di dollari

Richieste danni in shuffle: la Wixen Music Publishing, il 29 dicembre, ha depositato una causa contro Spotify chiedendo un risarcimento di almeno 1,6 miliardi di dollari.
L’editore, che rappresenta artisti come Tom Petty, Missy Elliot, Stevie Nicks e Neil Young, ritiene che l’azienda svedese non abbia le licenze adeguate per riprodurre alcuni brani, come spiega The Hollywood Reporter: “Free Fallin” di Petty, “Light My Fire” dei Doors e decine di migliaia di altre canzoni sarebbero in riproduzione senza i giusti permessi.
Secondo la causa – “Wixen Music Publishing, Inc. v Spotify USA” – il servizio di streaming sarebbe colpevole di aver “costruito un’attività da un miliardo di dollari sulle spalle di cantautori ed editori in molti casi senza aver ottenuto o pagato le licenze necessarie”. 
Déjà vu: lo scorso maggio, Spotify aveva proposto un accordo da 43 milioni di dollari per risolvere una class action di cantautori capitanati da David Lowery e Melissa Ferrick: in quel caso, l’azienda era accusata di non essere in possesso delle licenze adeguate la riproduzione, chiamate “mechanical lisense”. Il giudice si deve ancora esprimere, ma non tutti gli attori erano soddisfatti della proposta.
Prima che Spotify venisse lanciato negli Stati Uniti, secondo la causa attuale, la società ha stipulato accordi con le principali case discografiche per ottenere i diritti appropriati sui diritti di registrazione dei suoni nelle canzoni, ma non avrebbe ottenuto “i diritti equivalenti per le composizioni”.
Restano due tipi di diritti d’autore separati: quello del “lavoro musicale”, lo spartito (talvolta diviso in testo/composizione) e quello della registrazione del suono (“phonorecord”, che indica qualsiasi mezzo in grado

Articoli correlati

  • Amazon sospende centinaia di account Prime senza dare troppe spiegazioniApril 6, 2018 Amazon sospende centinaia di account Prime senza dare troppe spiegazioni Nel bel mezzo dell’ira funesta del presidente Donal Trump contro i danni che Amazon arrecherebbe all’economia statunitense, arriva un’altra tempesta. In questo caso si tratta degli utenti, che con l’hashtag #amazonclosed discutono della chiusura – inaspettata, dicono...
  • Dal salva password alla sicurezza, 5 estensioni utili per ChromeMay 2, 2018 Dal salva password alla sicurezza, 5 estensioni utili per Chrome Riempire il proprio browser di estensioni inutili, scaricate in preda alla foga, non è mai una buona idea. Potrebbero rallentare le prestazioni, oltre che occupare spazio inutile. Quindi, a ognuno la sua, in base alle proprie esigenze, e ricordando di tenere d’occhio l’aspetto ...
  • I giganti della tecnologia lottano ancora per la net neutrality?May 28, 2018 I giganti della tecnologia lottano ancora per la net neutrality? La battaglia per ottenere nuovamente le norme a favore della Net Neutrality (la neutralità di internet), spazzate dalla Federal Communications Commission (Fcc) a guida repubblicana, è ancora in piedi. E se sembra meno partecipata dai giganti della tecnologia è solo perch...
  • Dal copia-incolla alla privacy, cinque estensioni utili per FirefoxMay 3, 2018 Dal copia-incolla alla privacy, cinque estensioni utili per Firefox La nuova creatura di Mozilla, Quantum, è stata definita la rivincita di Firefox su Chrome. E visto che ogni browser chiama estensioni, eccone cinque per migliorarne le prestazioni, oppure semplicemente personalizzarlo in base alle proprie esigenze. Zuckerberg non deve sapereFacebook C...
  • Net neutrality, gli Stati Uniti la cancellano: cosa succede ora?June 11, 2018 Net neutrality, gli Stati Uniti la cancellano: cosa succede ora? (foto: Getty Images)Le norme sulla net neutrality negli Stati Uniti sono ufficialmente abrogate da oggi, lunedì 11 giugno. A niente sono ancora valsi gli sforzi di alcuni membri del Congresso degli Stati Uniti, né delle aziende tech, che continuano a sostenere la causa con più...
  • Gmail cambierà faccia nelle prossime settimaneApril 12, 2018 Gmail cambierà faccia nelle prossime settimane Una mail rivolta agli amministratori di G Suite fa trapelare un nuovo design di Gmail. Ancora difficile capire con esattezza cosa attenderà gli utenti, ma oltre alle anticipazione trapelate, Google ha confermato quando rivelato da The Verge: “Stiamo lavorando a importanti aggiornamen...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *