Nuove trovate pseudo-scientifiche: negli Usa si beve acqua non filtrata

Bere acqua non filtrata, che viene direttamente dal terreno. È questa l’ultima trovata pseudo-scientifica, chiamata “raw water”, che sta dilagando negli Stati Uniti. Secondo quanto riporta il New York Times, infatti, alcuni cittadini della Bay Area di San Francisco avrebbero cominciato a bere la “raw water”, credendo che i benefici per la salute di questa acqua grezza includano minerali e microbi presenti in natura, non considerando la moltitudine di sostanze chimiche e contaminanti potenzialmente presenti in un’acqua non trattata.
La nuova mania, come sottolinea il New York Times, è fondamentalmente alimentata dalla diffidenza degli americani nei confronti dei rifornimenti idrici pubblici, compresi i processi di disinfezione a cui viene sottoposta l’acqua, fondamentali per prevenire la diffusione di virus, batteri e parassiti pericolosi.
Ma la realtà, per ogni acqua inadeguatamente trattata, è solamente una: a volte può contenere sostanze tossiche, come l’arsenico, metalli come l’uranio o contaminanti provenienti dalle attività agricole come i nitrati, e quei microbi che possono essere pericolosi per la nostra salute, se non mortali. Tanto per chiarirci, fin dall’antichità, le civiltà hanno cercato di pulire le loro riserve d’acqua: gli antichi egizi, per esempio, depuravano l’acqua torbida usando tecniche come il filtraggio attraverso il carbone, l’esposizione alla luce solare e l’ebollizione. Nel lontano 1908, le aziende pubbliche statunitensi iniziarono a concentrarsi sulla rimozione di microbi pericolosi dall’acqua contaminata, rivolgendosi per la prima volta alla disinfezione di cloro e riuscendo così a ridurre drasticamente i casi di malattie mortali da tifo e colera.
Va sottolineato, tuttavia, che ultimamente ci sono stati

Articoli correlati

  • Come bloccare la zanzara tigre senza pesticidiJuly 27, 2018 Come bloccare la zanzara tigre senza pesticidi Per prevenire il rischio di epidemie associate a Zika, Dengue e Chikungunya, bisogna concentrarsi sui vettori di questi virus, ossia sulla zanzara tigre (Aedes albopictus). È quello che hanno provato a fare i ricercatori dell’Enea, che hanno appena messo a punto un nuovo metodo biote...
  • La scienza del ghiaccio nei cocktailJuly 30, 2018 La scienza del ghiaccio nei cocktail Pubblichiamo di seguito un estratto del libro Miscelare, manuale di miscelazione classica, moderna e contemporanea (319 pgg, 29,90 euro), di Federico Mastellari e Giovanni Ceccarelli. Tutti i diritti riservati a Hoepli.   Il ghiaccio È necessario raffreddare e diluire un drink pe...
  • Un “naso” artificiale comunica allo smartphone se il cibo è avariatoJune 28, 2018 Un “naso” artificiale comunica allo smartphone se il cibo è avariato Quando si tratta di olfatto, non sempre il naso può aiutarci. Soprattutto quando dobbiamo capire se il cibo è ancora commestibile oppure no. Ora a venirci in soccorso è un nuovo dispositivo messo a punto dai ricercatori dell’Università di Nanchino, in Cina, che s...
  • Lo strato di ozono di nuovo in pericolo. Scoperto almeno un colpevoleJune 26, 2018 Lo strato di ozono di nuovo in pericolo. Scoperto almeno un colpevole Lo strato di ozono è nuovamente in pericolo per una misteriosa fonte di emissioni di clorofluorocarburi (Cfc), sostanze chimiche illegali responsabili, appunto, dell’assottigliamento dello strato di ozono. Poco più di un mese fa Wired aveva riferito che i ricercatori statunite...
  • La morte avanza a una velocità di 30 micrometri al minutoAugust 13, 2018 La morte avanza a una velocità di 30 micrometri al minuto Per la prima volta siamo riusciti a misurare la velocità con la quale la morte avanza. A raccontarlo sulle pagine di Science sono stati i ricercatori della Stanford University in California, secondo cui la morte in una cellula si diffonderebbe molto velocemente, a un ritmo di 30 micrometri...
  • È stato sequenziato per la prima volta il genoma del frumentoAugust 17, 2018 È stato sequenziato per la prima volta il genoma del frumento 13 anni di ricerche. 200 scienziati, 20 nazioni e 73 istituti di ricerca. Un impegno non da poco, ma oggi i protagonisti di questo immenso sforzo scientifico assicurano che ne valeva la pena. Grazie a loro, infatti, la comunità scientifica ha a disposizione, per la prima volta, il sequenzi...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *