Photo by Fairfax Media via Getty ImagesDi questi tempi non ci si può più fidare neanche del proprio browser. Lo ha dimostrato uno studio dell’università di Princeton, nel quale si evidenzia il comportamento scorretto da parte di alcuni sistemi di distribuzione di annunci pubblicitari che prende di mira una componente utile e apprezzata di Chrome, Firefox, Safari, Edge e compagnia. Queste soggetti (tra le società citate ci sono AdThink e OnAudience) sono stati colti a tracciare gli utenti da una pagina all’altra della loro navigazione sfruttando il gestore delle password.
Il gestore delle password e la relativa funzione di autocompletamento nascono per facilitare la vita dei naviganti online e lo fanno da tempo con successo: memorizza in modo protetto le credenziali degli account per riproporle automaticamente quando una pagina web le richiede. Proprio questo automatismo però viene sfruttato da AdThink, OnAudience e altre società per scopi tutt’altro che nobili.
I siti che per la raccolta pubblicitaria si affidano a questi soggetti probabilmente non ne conoscono i metodi, ma si trovano a ospitare nelle proprie pagine web un particolare script; si tratta di poche linee di codice che contengono una finta casella per il login, invisibile all’utente ma comunque presente. Il browser, in buona fede, vede la casella, pensa che ci sia bisogno del suo aiuto per la compilazione e vi inserisce in automatico il nome utente. Lo script a questo punto ha quel che gli serve, associa il nome utente appena sbirciato a un codice univoco e invia il pacchetto di informazioni

Articoli correlati

  • Rivoluzione Progressive Web Apps: le app si trasformano  in un microsito interattivoApril 16, 2018 Rivoluzione Progressive Web Apps: le app si trasformano in un microsito interattivo L’ultima diga è stata rotta silenziosamente da Apple: a partire da iOS 11.3, il sistema operativo degli iPhone e iPad, sono ammesse le Progressive Web Apps (PWA). Una rivoluzione silenziosa che potrebbe scardinare il paradigma dell’app store, inventato proprio da Apple dieci a...
  • Cambridge Analytica, stanco di essere manipolato? Ecco come manipolare i manipolatoriMarch 21, 2018 Cambridge Analytica, stanco di essere manipolato? Ecco come manipolare i manipolatori Sei stato manipolato dal tuo social network di riferimento? Ti sembra di leggere solo post che ti danno ragione? Ritieni che qualcuno si stia approfittando di te? Se l’algoritmo di Facebook o di Twitter sa troppo su di te e lo ha spifferato a tutti c’è solo un modo per reagire...
  • iOS 11, 20 trucchi per iPhone per facilitarti la vitaMarch 23, 2018 iOS 11, 20 trucchi per iPhone per facilitarti la vita Quali sono i migliori trucchi iPhone che sono a tua disposizione dopo l’aggiornamento al sistema operativo iOS 11? Ne abbiamo selezionati venti che spaziano dalla produttività allo svago, dalla multimedialità alle utilità della vita di tutti i giorni. Accorgimenti ...
  • Londra spinge i microbrandMarch 13, 2018 Londra spinge i microbrand «I consumatori sono più informati rispetto al passato e più interessati su dove e come sono realizzati i prodotti che consumano». Non ha dubbi Fairfax Hall, un passato come manager nei colossi globali delle bevande e oggi a capo di Sipsmith, distilleria artigianale nel c...
  • Anche Google dice no alle pubblicità delle criptovaluteMarch 14, 2018 Anche Google dice no alle pubblicità delle criptovalute (Immagine: pixabay)Google ha annunciato che vieterà gli annunci pubblicitari che promuovono le criptovalute e le Initial Coin Offering (Ico) a partire da giugno. Le nuove policy vieteranno anche altri prodotti finanziari rischiosi. Big G si allinea a quanto deciso da Fa...
  • Facebook: i profili ceduti a Cambridge Analytica sono 87 milioni, 214mila italianiApril 5, 2018 Facebook: i profili ceduti a Cambridge Analytica sono 87 milioni, 214mila italiani Ora si fa sul serio. Dopo gli annunci dei giorni scorsi, Facebook è chiamata alla prova dei fatti. E con la pubblicazione di due comunicati ufficiali nel lasso di poche ore, arrivano dettagli importanti sulla storia di Cambridge Analytica e novità importanti circa le misure per il ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *