(Foto: Courtesy Yerkes National Primate Research Center, Emory University)Nella storia della lotta all’hiv si ricorda il caso del paziente di Berlino, una persona con hiv guarita dall’infezione in seguito a un trapianto di staminali per trattare la sua leucemia. Una guarigione eccezionale, imputabile alla resistenza delle cellule del donatore all’infezione da hiv. Un caso che, sotto alcuni aspetti sottolinea, come nella lotta all’hiv, studiare i bersagli del virus, i suoi ospiti, è fondamentale tanto quanto la caratterizzazione del virus. E un nuovo tassello nello studio dei bersagli del virus dell’Aids arriva oggi da una ricerca pubblicata su Nature.
Lo studio in questione però non riguarda l’hiv e la resistenza al virus, ma il simian immunodeficiency virus (Siv), un virus simile all’hiv, un suo parente, che infetta diversi primati, causando Aids. Con alcune eccezioni: nel cercocebo moro (Cercocebus atys), una scimmia del vecchio mondo, l’infezione da Siv non sviluppa Aids. Il virus c’è ma non causa immunodeficienza. Lo stesso non accade però nei macachi, in cui l’infezione da Siv evolve in una malattia simile all’Aids. In che modo questa scimmia riesce a convivere con il Siv, anche con elevati livelli del virus?
Per capirlo, un team di ricercatori guidati da Guido Silvestri dello Yerkes Research Center della Emory University di Atlanta ha deciso di analizzare il genoma del cercocebo moro e ha quindi confrontato i risultati con il dna di altre specie suscettibili all’Aids, come sono gli esseri umani e i macachi (modello di malattia per l’uomo).
Scopo: identificare delle tracce, dei possibili geni

Articoli correlati

  • Hiv, risultati promettenti per il nuovo vaccino “mosaico”July 9, 2018 Hiv, risultati promettenti per il nuovo vaccino “mosaico” Un passo in avanti nella lotta all’Aids. In un nuovo studio pubblicato su Lancet, un team internazionale afferma di aver ottenuto risultati molto promettenti per un vaccino anti-hiv a mosaico che dovrebbe conferire protezione nei confronti di diversi ceppi virali. Dai test negli esseri...
  • Un test del sangue per scoprire qual è il nostro orario internoSeptember 11, 2018 Un test del sangue per scoprire qual è il nostro orario interno (foto: Francesco Carta fotografo/Getty Images) Un nuovo test basato sul prelievo del sangue rileva qual è il nostro orario biologico interno, che può non coincidere con quello esterno, una misura del ritmo circadiano, l’alternanza sonno-veglia che regola vari processi fisiolog...
  • Quanti microbi volano assieme a noi su un aereo?June 26, 2018 Quanti microbi volano assieme a noi su un aereo? Cinture di sicurezza, braccioli, tavolini: sono molte le superfici con cui veniamo a contatto durante un viaggio aereo. Il tutto mentre condividiamo l’aria con decine, centinaia di altri passeggeri. Non siamo però gli unici a popolare la cabina: assieme noi volano miliardi di microrg...
  • Ricercatori del Mit: senza nucleare non si riuscirà a ridurre i gas serraSeptember 5, 2018 Ricercatori del Mit: senza nucleare non si riuscirà a ridurre i gas serra (foto: Vcg /Getty Images)Senza includere nei piani per il clima un maggiore apporto di energia nucleare, la sfida al cambiamento climatico sarà molto più difficile e costosa. È la conclusione a cui giungono i ricercatori del Mit di Boston nel loro ultimo report The Future of ...
  • Come bloccare la zanzara tigre senza pesticidiJuly 27, 2018 Come bloccare la zanzara tigre senza pesticidi Per prevenire il rischio di epidemie associate a Zika, Dengue e Chikungunya, bisogna concentrarsi sui vettori di questi virus, ossia sulla zanzara tigre (Aedes albopictus). È quello che hanno provato a fare i ricercatori dell’Enea, che hanno appena messo a punto un nuovo metodo biote...
  • La navigazione in modalità privata non è così privata quanto crediamoJuly 17, 2018 La navigazione in modalità privata non è così privata quanto crediamo (foto: LaPresse)Se siete tra coloro che scelgono la modalità in incognito per le ricerche online, dovreste farvi una domanda: siete davvero irrintracciabili quanto pensate? Secondo uno studio dell’Università Leibniz di Hannover in Germania, molti di noi hanno convinzioni ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *