Tutti i paesi dell’OCSE hanno visto l’aspettativa di vita alla nascita crescere di oltre 10 anni dal 1970 a una media di 80,6 anni.  sottolinearlo è l’Ocse, l’organismo internazionale per lo sviluppo e la cooperazione economica nel rapporto Panorama della Salute 2017 (“Health at a Glance”) pubblicato questa mattina  Per fare una classifica si vive di più in Giappone (83,9 anni), Spagna e Svizzera (83 anni ciascuno). In fondo c’è Lettonia (74,6) e Messico (75).
Le simulazioni. Ocse ha anche calcolato che  se i tassi di fumo e il consumo di alcol venissero dimezzati, le aspettative di vita aumenterebbero di 13 mesi. E che un aumento del 10% della spesa sanitaria pro capite in termini reali, in media, aumenterebbe la speranza di vita di 3,5 mesi. In realtà come precisa lo studio, la relazione tra spesa sanitaria e speranza di vita è legata a molteplici fattori.
Come si vede dall’infodata che abbiamo realizzato con i dati Ocse negli Stati Uniti, ad esempio, la spesa sanitaria è aumentata molto più di quella di altri paesi dal 1995, ma i guadagni di vita sono stati più bassi.

 
La spesa sanitaria pro capite è cresciuta a circa l’1,4% ogni anno dal 2009, contro il 3,6% nei sei anni fino al 2009. La spesa media pro capite ha raggiunto circa 4 000 dollari all’anno. La spesa è più elevata negli Stati Uniti, pari a 9 892 dollari a persona e pari al 17,2% del Pil. Percentuali superiori all’11 per cento  del Pil anche in Svizzera, Germania, Svezia e

Articoli correlati

  • Perché gli italiani usano i social network? Non siamo un popolo di guardoniApril 5, 2018 Perché gli italiani usano i social network? Non siamo un popolo di guardoni Perché gli italiani usano i social media, quali sono i loro impieghi nella vita di tutti i giorni e soprattutto come mutano gli orientamenti e le opinioni degli utilizzatori, di anno in anno? A questi interrogativi ha provato a rispondere Blogmeter, società italiana attiva nella so...
  • Chi guadagna meno di 10mila euro può permettersi l’auto di lusso?April 20, 2018 Chi guadagna meno di 10mila euro può permettersi l’auto di lusso? Chi guadagna meno di 10mila euro l’anno può permettersi un auto di lusso? Molto probabilmente no, a meno di condurre una vita ascetica sotto ogni altro aspetto. E allora che succede se si incrociano i dati sulla povertà con quelli relativi all’acquisto delle auto di luss...
  • Chi guadagna meno di 10mila euro può permettersi l’auto di lusso?April 22, 2018 Chi guadagna meno di 10mila euro può permettersi l’auto di lusso? Chi guadagna meno di 10mila euro l’anno può permettersi un auto di lusso? Molto probabilmente no, a meno di condurre una vita ascetica sotto ogni altro aspetto. E allora che succede se si incrociano i dati sulla povertà con quelli relativi all’acquisto delle auto di luss...
  • Esiste una correlazione tra il gioco d’azzardo e il reddito?June 2, 2018 Esiste una correlazione tra il gioco d’azzardo e il reddito? Da una parte la raccolta pro capite nel primo semestre del 2017, ovvero tutti i soldi puntati dagli italiani in tutti i giochi gestiti dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e forniti a InfoData24 dallo stesso ente. Dall’altra l’imponibile Irpef pro capite che emerge dalle dic...
  • Gioco d’azzardo e reddito: scopri dove si gioca tanto ma si guadagna pocoMay 30, 2018 Gioco d’azzardo e reddito: scopri dove si gioca tanto ma si guadagna poco Da una parte la raccolta pro capite nel primo semestre del 2017, ovvero tutti i soldi puntati dagli italiani in tutti i giochi gestiti dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e forniti a InfoData24 dallo stesso ente. Dall’altra l’imponibile Irpef pro capite che emerge dalle dic...
  • I disoccupati spendono in gioco d’azzardo? La mappa dell’Italia disperataJune 6, 2018 I disoccupati spendono in gioco d’azzardo? La mappa dell’Italia disperata Combattere la disoccupazione con il gioco d’azzardo. O meglio, considerare quest’ultimo come una modalità per garantirsi un reddito in mancanza di un lavoro. Ci sono delle zone d’Italia nelle quali questo accade. O, per essere più precisi, in cui esiste una correla...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *