Si tratta, ovviamente, di una generalizzazione. Ma la tendenza che emerge dai numeri è chiara: nei Paesi più ricchi d’Europa la quota di persone che vivono in una casa di proprietà è inferiore rispetto a quella delle economie emergenti.
 
La fonte è Eurostat, che nei giorni scorsi ha reso disponibili i dati relativi alla percentuale di persone proprietarie del tetto sopra la loro testa. InfoData ha provato ad incrociarli con quelli relativi al Prodotto interno lordo pro capite, sempre elaborati dall’istituto europeo di statistica. Una precisazione: in questo caso, il Pil è espresso in Purchasing power standars, un indice che misura il potere d’acquisto. In altre parole, fatto 100 il valore medio europeo, i cittadini delle nazioni con un valore maggiore hanno una maggiore capacità di spesa e viceversa. Il risultato è questo:

 
 
La tendenza appare abbastanza chiara. Meno veloce corre l’economia, maggiore è il numero di persone che possiedono la loro abitazione. Tendenza che, per quanto paradossale, è corroborata dai dati. In centro al grafico c’è l’Europa. Ovviamente il valore del Pil procapite in PPS in questo caso è pari a 100. Mentre la quota di case di proprietà è pari al 69,4%. Non solo: sul 29,6% delle abitazioni grava un mutuo. È importante qui specificare che la percentuale di casa ipotecate fa riferimento al totale delle abitazioni e non solo a quelle di proprietà.
 
Agli estremi opposti del grafico ecco la Svizzera e la Romania. Nella Confederazione il Pil arriva a quota 161, ma appena il 43,4% delle case è abitato

Articoli correlati

  • Migranti, nel 2017 dimezzate le richieste di asilo. Ma non in ItaliaMarch 22, 2018 Migranti, nel 2017 dimezzate le richieste di asilo. Ma non in Italia La nazione che ha assistito al calo più significativo delle domande di asilo in termini assoluti è la Germania, che pure lo scorso anno ha assorbito il 30,5% delle istanze di protezione internazionale presentate alle cancellerie europee. L’Italia, al contrario, è tra i ...
  • Occupazione: più italiani al lavoro in Europa che in patriaMay 31, 2018 Occupazione: più italiani al lavoro in Europa che in patria Per gli italiani meglio andare a lavorare all’estero. È questo ciò che si evince dalla lettura del report di Eurostat (l’ente statistico comunitario), Eu citizens in other Eu Member States (Cittadini europei negli altri Stati membri dell’Ue). Se guardiamo i nu...
  • Da migranti a europei, il 20% dei nuovi cittadini Ue passa dall’ItaliaApril 13, 2018 Da migranti a europei, il 20% dei nuovi cittadini Ue passa dall’Italia L’Italia il paese Ue ad aver rilasciato più cittadinanze nel 2016: oltre 201.500, l’equivalente del 20% su quasi un milione (994.800) di documenti accordati due anni fa in tutta Europa. La Penisola “batte” Spagna (150.900 nuove cittadinanze, il 15% del totale) e Reg...
  • Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8%May 27, 2018 Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8% Da un punto di vista ambientale è un problema, da quello economico non necessariamente. Se è vero, come è vero, che la crisi economica aveva contribuito alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, il fatto che nel 2017 siano aumentate su base tendenzial...
  • Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8%May 23, 2018 Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8% Da un punto di vista ambientale è un problema, da quello economico non necessariamente. Se è vero, come è vero, che la crisi economica aveva contribuito alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, il fatto che nel 2017 siano aumentate su base tendenzial...
  • Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8%June 3, 2018 Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8% Da un punto di vista ambientale è un problema, da quello economico non necessariamente. Se è vero, come è vero, che la crisi economica aveva contribuito alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, il fatto che nel 2017 siano aumentate su base tendenzial...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *