Le novità dei mezzi pubblici a Milano, tra carta di credito, wifi e biglietto a 2 euro

Il 2018 è appena iniziato, ma a Milano si parla già del primo gennaio del 2019. Il sindaco Beppe Sala, nel corso dell’ultima riunione della giunta meneghina, ha infatti annunciato ufficialmente che se non dovessero arrivare nuovi stanziamenti da parte della Regione a partire dal prossimo anno il biglietto Atm per autobus, tram e metro sarà destinato a salire dagli attuali 1,50 euro a 2 euro.
Ciò renderebbe il capoluogo lombardo la città italiana con i mezzi pubblici più costosi d’Italia, anche se – ha sottolineato lo stesso Sala – perfettamente in linea con la maggior parte delle grandi metropoli europee. L’aumento del biglietto sarebbe dovuto ai nuovi costi di gestione della M5, la linea lilla inaugurata nel 2013, e soprattutto ai lavori per la realizzazione dell’M4, la cui ultimazione è attualmente prevista per il 2022.
Nel frattempo Atm ha annunciato alcune importanti novità tecnologiche. Come già anticipato durante l’estate, a breve i tornelli delle stazioni della metropolitana saranno dotati di pos, che consentiranno ai viaggiatori di accedere ai binari utilizzando direttamente la propria carta di credito, senza il passaggio intermedio dell’acquisto del biglietto cartaceo. Passando la carta in entrata e in uscita, inoltre, sarà detratto l’importo esatto per il viaggio effettuato: ciò permetterà di raggiungere aree urbane o extraurbane con il corretto titolo di viaggio, senza più il rischio di incorrere in sanzioni dovute al possesso di un biglietto non idoneo.
I controllori, dal canto loro, saranno dotati di nuovi macchinari in grado di rilevare anche i ticket virtuali acquistati con carta

Articoli correlati

  • Taxi, la decisione dell’Antitrust e quella riforma che non arriverà maiJuly 10, 2018 Taxi, la decisione dell’Antitrust e quella riforma che non arriverà mai Il trasporto pubblico non di linea continua a essere regolato a suon di sentenze e giudizi. C’è poco da fare. D’altronde ogni ambizione di regolamentarlo davvero e aprirlo alla concorrenza è andato malissimo, perfino Renzi il rottamatore si è scontrato più ...
  • Perché lo sciopero dei controllori di volo a Marsiglia interessa l’ItaliaJune 29, 2018 Perché lo sciopero dei controllori di volo a Marsiglia interessa l’Italia Sabato 30 giugno e domenica primo luglio gli addetti al controllo dei voli a Marsiglia hanno indetto uno sciopero, supportato dall’Unsa-Icna, la maggiore sigla sindacale della categoria che ha però chiesto alle compagnie di volo di escludere la rotta ma di non cancellare i voli. Una ...
  • Ryanair, tutto sugli scioperi di luglioJuly 6, 2018 Ryanair, tutto sugli scioperi di luglio Il mese di luglio potrebbe rivelarsi tutt’altro che semplice per Ryanair e per i suoi passeggeri. In questi giorni è infatti stata annunciata una serie di scioperi che andrà inevitabilmente a impattare sul regolare servizio della compagnia aerea low cost, creando inevitabili d...
  • I problemi del bike sharing in EuropaAugust 22, 2018 I problemi del bike sharing in Europa Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale, Thomas Bach, mentre guida una bicicletta Vélib al Champ de Mars, Parigi, ottobre 2016 (Foto: THOMAS SAMSON/AFP/Getty Images)Fortune alterne per il bike sharing nel mondo, lo dimostra il programma pubblico di noleggio francese Vélib...
  • Bye bye biglietto: a Milano basta la carta di credito per la metropolitanaJune 28, 2018 Bye bye biglietto: a Milano basta la carta di credito per la metropolitana In metropolitana senza biglietto, ma provvisti soltanto della propria carta di credito contactless. Come promesso Atm, l’azienda che gestisce i trasporti pubblici di Milano, procede a passi spediti sul fronte delle nuove modalità di ticketing. Così, dopo l’introduzione d...
  • Altro che utilitarie, negli Stati Uniti Porsche si butta nel car sharingSeptember 14, 2018 Altro che utilitarie, negli Stati Uniti Porsche si butta nel car sharing Non più soltanto utilitarie per farsi largo tra le strade delle grandi città, o furgoncini per facilitare il trasporto di mobili e affini. Il car sharing è ormai pronto a diventare grande e a puntare a un mondo che per il momento non era ancora stato in grado di raggiung...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *