(Foto: SEBASTIEN BOZON/AFP/Getty Images)Una nuova speranza per combattere il morbo di Alzheimer arriva dai laboratori della Lancaster University nel Regno Unito. Infatti, in una ricerca appena pubblicata sulle pagine di Brain Research, il team di ricercatori inglesi ha scoperto che un farmaco originariamente sviluppato per il diabete di tipo 2 potrebbe essere un possibile trattamento anche per il morbo di Alzheimer.
Più precisamente, come si legge nello studio, questo farmaco si è dimostrato in grado di “invertire significativamente la perdita di memoria” nei topi attraverso un triplice metodo di azione e potrebbe offrire quindi sostanziali miglioramenti nel trattamento della malattia di Alzheimer.
“In assenza di nuove cure in quasi 15 anni dobbiamo trovare nuovi modi per affrontare l’Alzheimer”, spiega Doug Brown, direttore ricerca e sviluppo della Alzheimer’s Society. “È fondamentale sapere se i farmaci sviluppati per il trattamento di altre condizioni possono essere utili alle persone con Alzheimer e altre forme di demenza. Sebbene i benefici di questi farmaci a triplo agonista siano stati finora trovati solo nei topi, altri studi con farmaci anti-diabetici esistenti, come il liraglutide, hanno mostrato una reale promessa per le persone con l’Alzheimer ed è quindi fondamentale un ulteriore sviluppo di questa ricerca”.
In sostanza, il team di ricercatori inglesi ha scoperto che il farmaco a triplo recettore, o agonista, per il diabete (che è fattore di rischio per l’Alzheimer ed è implicato nella progressione della malattia) agisce in diversi modi per proteggere il cervello dalla degenerazione. Fondamentalmente, connette Glp-1, Gip e Glucagon che sono tutti fattori di crescita

Articoli correlati

  • Scoperto un nuovo tipo di neurone nel cervello umanoAugust 28, 2018 Scoperto un nuovo tipo di neurone nel cervello umano (foto: KTSDESIGN/Science Photo Library/Getty Images)Denso, esteso, aggrovigliato: così si presenta, alla vista, il nuovo neurone del cervello umano appena scoperto da un team di ricerca coordinato dall’Università di Seghedino, in Ungheria. Questa cellula nervosa, rintracciata...
  • Alcuni scienziati vogliono più tempo per la ricerca sugli embrioniAugust 14, 2018 Alcuni scienziati vogliono più tempo per la ricerca sugli embrioni (Immagine: Getty Images)Nei giorni scorsi, sulle pagine di Embo Molecular Medicine, appariva un articolo destinato a riportare d’attualità il tema della ricerca sugli embrioni. Non si trattava, in questo caso, del racconto o del commento di uno dei traguardi raggiunti sul c...
  • Reddito e salute: scopri la correlazione tra il titolo di studio e le malattieAugust 28, 2018 Reddito e salute: scopri la correlazione tra il titolo di studio e le malattie In questi giorni l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato il rapporto PASSI, che periodicamente fa il punto sullo stile di vita degli italiani, cercando di pesare, fra le altre cose, i principali fattori che minano il nostro benessere, esponendoci al rischio di sviluppare malatti...
  • Presto l’insulina contro il diabete si prenderà in pilloleJune 26, 2018 Presto l’insulina contro il diabete si prenderà in pillole (foto: Pixabay)40 milioni di persone al mondo soffrono di diabete di tipo 1, una malattia cronica autoimmune in cui il pancreas non è in grado di produrre l’ormone insulina. Così i pazienti devono spesso ricorrere a più di una iniezione di insulina al giorno, con un im...
  • Il nostro cervello è per natura pigroSeptember 19, 2018 Il nostro cervello è per natura pigro Andare in palestra, prendere la bici o fare un corsetta. Al solo pensiero di attivarsi, molti di noi entrano in una sorta di battaglia interiore tra ciò che si dovrebbe fare per stare in salute, e ciò che invece si preferirebbe fare, come per esempio stare beatamente sdraiati sul pr...
  • Ricchezza: la nuova questione Meridionale. Peggiora il divario con il NordAugust 3, 2018 Ricchezza: la nuova questione Meridionale. Peggiora il divario con il Nord Lo stato dell’unione italiana, a intendere somiglianze e differenze fra parti del paese, difficilmente potrebbe essere più frammentato. Per trovare un indicatore che non presenti variazioni estreme passando da Milano a Palermo bisogna scavare parecchio. Né è un problem...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *