Telefoni (fonte: Pixabay)Almeno 42 centesimi al minuto, 21,5 euro all’ora, oltre 19mila euro in un anno. È questo il salario medio di un lavoratore di un call center fissato dal ministero del Lavoro. Lo scorso 29 dicembre il dicastero ha stabilito in un decreto “il costo del lavoro medio al minuto” per i dipendenti dei call center.
Secondo dati del Politecnico di Milano, in Italia le circa duemila aziende che dichiarano di svolgere l’attività di call center danno lavoro a 22.800 persone, di cui l’80% ha un contratto a termine. Tuttavia il settore è una giungla di subappalti, nei quali la manodopera incide in media per l’80% dei costi.
Di conseguenza per assicurarsi le gare, i call center tagliano i salari. Fino a casi drammatici, come quello del call center di Taranto che pagava i dipendenti 33 centesimi all’ora, denunciato dalla Cgil locale. Di fatto, tanto quanto il costo al minuto fissato dal ministero del Lavoro per il primo livello dei dipendenti del settore.
Il provvedimento ministeriale punta a fare ordine nelle assunzioni da parte dei call center che gestiscono l’attività in appalto per altre aziende. La tabella indica i minimi retributivi, l’incidenza di festività e la tredicesima, i costi per gli oneri previdenziali e l’assistenza integrativa. Ad esempio, un terzo livello, che corrisponde al profilo dell’addetto al call center, riceve un minimo di 11.958,56 euro all’anno, che con edr (123,96 euro), contingenza (6.192,84) e altre integrazione supera i 19mila euro. Al minuto il costo è di 0,4282 euro. L’addetto deve ricevere 1.615,94

Articoli correlati

  • Gig economy, in Danimarca il primo contratto con una piattaformaApril 12, 2018 Gig economy, in Danimarca il primo contratto con una piattaforma Pulizie (Pixabay)Mentre in Italia il primo processo sulla gig economy, quello contro Foodora a Torino, si chiude con una sconfitta dei lavoratori, in Danimarca un sindacato riesce a firmare un contratto collettivo con una app che offre servizi di pulizia. La startup Hilfr, che mette in contatto p...
  • Nel 2017 oltre quota 70 mld euro di m&a in Italia. Lo dicono Kpmg e FineuropApril 11, 2018 Nel 2017 oltre quota 70 mld euro di m&a in Italia. Lo dicono Kpmg e Fineurop Sono già state chiuse 167 operazioni di m&a in Italia per un valore di circa 10 miliardi di euro da inizio anno, il doppio a livello di controvalore rispetto ai 5 miliardi del primo trimestre del 2017, quando in tutto l’anno i deal di m&a erano stati oltre 800 per un totale d...
  • UBI Banca studia cessione di Npl da 3-4 mld euro, con GacsApril 6, 2018 UBI Banca studia cessione di Npl da 3-4 mld euro, con Gacs UBI Banca studia la cessione di un portafoglio di Npl da 3-4 miliardi, tramite cartolarizzazione con Gacs. Lo scrive oggi MF Milano Finanza, precisando che la banca lombarda guidata da Victor Massiah proprio nelle scorse settimane avrebbe dato gli ultimi ritocchi alla Npe strategy richiesta dalla...
  • In edicola il “vecchio” giornale di carta si paga con lo smartphoneMarch 16, 2018 In edicola il “vecchio” giornale di carta si paga con lo smartphone Un’edicola in una foto d’archivio (Silvio Durante / LaPresseArchivio storico)I pagamenti digitali approdano in edicola. Con un tocco sullo smartphone si potranno comprare i “vecchi” quotidiani e settimanali di carta. Tinaba, la app che consente di effettuare pagamenti dall...
  • Wired Next Fest 2018, ecco chi ha vinto l’Hackaton di Huawei e IedMay 27, 2018 Wired Next Fest 2018, ecco chi ha vinto l’Hackaton di Huawei e Ied (Foto: Lorenzo Longhitano)Come si migliora un prodotto che è già considerato tra i migliori della sua categoria? È la mission impossible che Huawei ha affidato agli studenti dello Ied di Milano nel corso dell’hackaton che si è tenuta nella giornata di sabato 26 m...
  • Vivendi “saluta” Mediaset per presidiare Tim: le azioni in un trustApril 12, 2018 Vivendi “saluta” Mediaset per presidiare Tim: le azioni in un trust Vivendi allenta la presa sulle sue attività in Italia. La holding francese, azionista numero uno di Telecom, ha trasferito il 19,19% delle azioni di Mediaset a Simon Fiduciaria, un blind trust. Ovvero un gruppo di imprese affidato a persone differenti dal proprietario o dall’azionist...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *