Saranno le opportunità di lavoro, saranno lo stile e la qualità della vita. Fatto sta che i laureati preferiscono vivere in città. In Europa un terzo di chi abita in un contesto urbano è in possesso di un titolo accademico, contro il 24,3% di chi vive in zone periferiche e il 19,5% di chi abita in aree rurali. Lo afferma Eurostat, che ha diffuso i dati relativi al titolo di studio delle persone che vivono in diversi contesti. L’anno è il 2016 e la situazione è questa:

 
 
 
Per ogni Paese sono rappresentati tre punti: il rosso indica la percentuale di chi ha una laurea tra coloro che vivono in città, il blu tra chi abita in periferia, il verde tra chi risiede in campagna. Ovviamente, più un punto è in alto, maggiore è la percentuale di residenti in una determinata area in possesso di una laurea.
 
Come si può facilmente vedere, la tendenza generale registra le percentuali maggiori di laureati tra coloro che vivono all’interno di contesti urbani. Unica eccezione Malta, dove invece la quota maggiore ha scelto di vivere in periferia. Interessanti, invece, i casi di Regno Unito e Belgio. Qui i laureati sono distribuiti in maniera uniforme su tutto il territorio. Mentre Lussemburgo, Romania e Bulgaria sono le realtà che vedono la distanza maggiore tra la quota di residenti in città che sono laureati e quella di chi vive in altri contesti urbani e possiede lo stesso titolo di studio.
 
È l’Italia? Il nostro Paese risente innanzitutto del fatto che la

Articoli correlati

  • Dopo la crisi del 2008, in Europa non si investe più come primaMay 21, 2018 Dopo la crisi del 2008, in Europa non si investe più come prima Dopo la crisi economica verificatasi nel 2008, in Europa non si investe più come prima. O almeno questo è quanto emerge dai numeri pubblicati in uno studio di Eurostat per il 2017 se messi in relazione con quelli dell’ultimo decennio considerando sia gli investimenti nel setto...
  • Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8%May 23, 2018 Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8% Da un punto di vista ambientale è un problema, da quello economico non necessariamente. Se è vero, come è vero, che la crisi economica aveva contribuito alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, il fatto che nel 2017 siano aumentate su base tendenzial...
  • Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8%June 3, 2018 Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8% Da un punto di vista ambientale è un problema, da quello economico non necessariamente. Se è vero, come è vero, che la crisi economica aveva contribuito alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, il fatto che nel 2017 siano aumentate su base tendenzial...
  • Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8%May 27, 2018 Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8% Da un punto di vista ambientale è un problema, da quello economico non necessariamente. Se è vero, come è vero, che la crisi economica aveva contribuito alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, il fatto che nel 2017 siano aumentate su base tendenzial...
  • Frigo-valley romana, il ministro Costa intervenga subitoJune 8, 2018 Frigo-valley romana, il ministro Costa intervenga subito Foto: Il Fatto QuotidianoLo schizofrenico dibattito di questi giorni di neonato governo gialloblu – la Lega ormai è blu, blu, non verde – si sta accartocciando su due o tre temi. Sempre gli stessi: la stretta sui migranti, le tasse e il fisco fra cui Iva e redditometri vari che...
  • Analisi post-voto: il caso LombardiaMarch 15, 2018 Analisi post-voto: il caso Lombardia Dopo esserci addentrati nel post-Elezioni 2018 analizzando i risultati su tutta la penisola, l’approssimativa analisi di una spaccatura nord e sud ha mostrato delle crepe. La situazione è molto più variegata, soprattutto al nord. Uno dei casi più interessanti di questa ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *