Saranno le opportunità di lavoro, saranno lo stile e la qualità della vita. Fatto sta che i laureati preferiscono vivere in città. In Europa un terzo di chi abita in un contesto urbano è in possesso di un titolo accademico, contro il 24,3% di chi vive in zone periferiche e il 19,5% di chi abita in aree rurali. Lo afferma Eurostat, che ha diffuso i dati relativi al titolo di studio delle persone che vivono in diversi contesti. L’anno è il 2016 e la situazione è questa:

 
 
 
Per ogni Paese sono rappresentati tre punti: il rosso indica la percentuale di chi ha una laurea tra coloro che vivono in città, il blu tra chi abita in periferia, il verde tra chi risiede in campagna. Ovviamente, più un punto è in alto, maggiore è la percentuale di residenti in una determinata area in possesso di una laurea.
 
Come si può facilmente vedere, la tendenza generale registra le percentuali maggiori di laureati tra coloro che vivono all’interno di contesti urbani. Unica eccezione Malta, dove invece la quota maggiore ha scelto di vivere in periferia. Interessanti, invece, i casi di Regno Unito e Belgio. Qui i laureati sono distribuiti in maniera uniforme su tutto il territorio. Mentre Lussemburgo, Romania e Bulgaria sono le realtà che vedono la distanza maggiore tra la quota di residenti in città che sono laureati e quella di chi vive in altri contesti urbani e possiede lo stesso titolo di studio.
 
È l’Italia? Il nostro Paese risente innanzitutto del fatto che la

Articoli correlati

  • Che fine ha fatto il Pd? i numeri della crisi delle socialdemocrazie dal 1990 ad oggiJuly 10, 2018 Che fine ha fatto il Pd? i numeri della crisi delle socialdemocrazie dal 1990 ad oggi Il voto italiano del 4 marzo si aggiunge al complicato puzzle europeo, lasciandoci in eredità la conferma di una tendenza che è andata rivelandosi elezione per elezione. I partiti socialisti e socialdemocratici europei stanno vivendo un lento declino. La sinistra italiana, o quel ch...
  • Che fine ha fatto il Pd? i numeri della crisi della sinistra europeaJuly 15, 2018 Che fine ha fatto il Pd? i numeri della crisi della sinistra europea Il voto italiano del 4 marzo si aggiunge al complicato puzzle europeo, lasciandoci in eredità la conferma di una tendenza che è andata rivelandosi elezione per elezione. I partiti socialisti e socialdemocratici europei stanno vivendo un lento declino. La sinistra italiana, o quel ch...
  • Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8%August 31, 2018 Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8% Da un punto di vista ambientale è un problema, da quello economico non necessariamente. Se è vero, come è vero, che la crisi economica aveva contribuito alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, il fatto che nel 2017 siano aumentate su base tendenzial...
  • Europa, 10,3 morti ogni mille abitanti nel 2017. Sai quanti sono in Italia?July 23, 2018 Europa, 10,3 morti ogni mille abitanti nel 2017. Sai quanti sono in Italia? L’argomento, qui a Infodata ce ne rendiamo pienamente conto, è più da primi di novembre che da fine di luglio. Le statistiche, però, sono come il Natale. Che, diceva il poeta, quando arriva, arriva. E così eccoci in piena estate a dar conto dei numeri dei decessi...
  • Europa, in quale nazione si muore di più? Il quiz del saldo demograficoJuly 28, 2018 Europa, in quale nazione si muore di più? Il quiz del saldo demografico L’argomento, qui a Infodata ce ne rendiamo pienamente conto, è più da primi di novembre che da fine di luglio. Le statistiche, però, sono come il Natale. Che, diceva il poeta, quando arriva, arriva. E così eccoci in piena estate a dar conto dei numeri dei decessi...
  • La pesca (nel senso del frutto) è in crisi. Il Global Peach IndexAugust 15, 2018 La pesca (nel senso del frutto) è in crisi. Il Global Peach Index C’è un dato che riguarda uno dei protagonisti della stagione estiva che nel corso degli ultimi 50 anni ha davvero invertito una tendenza storica. Nel dettaglio, si parla della pesca, o più precisamente, sia di pesca sia di nettarine. Secondo uno studio pubblicato dalla FAO (Fo...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *