Creati linfociti “killer” per combattere l’hiv

Distruggere le cellule infettate da hiv e allo stesso tempo fornire una protezione duratura dalla malattia sono gli obiettivi della lotta contro l’Aids. E da oggi potremmo avere un’arma in più per raggiungere il traguardo dell’eradicazione della malattia: i ricercatori dell’Università della California, infatti, hanno sviluppato un nuovo approccio di terapia genica che sembra promettere molto bene.
Il team ha modificato le cellule staminali emopoietiche (cioè quelle da cui si originano tutti gli elementi del sangue) per ottenere linfociti T (Car-T cells) in grado non solo di riconoscere le cellule infette e eliminarle, ma anche di costituire una popolazione stabile, capace potenzialmente di conferire immunità a lungo termine dall’hiv.
Lotta all’AidsUna delle più grandi conquiste nella battaglia contro la Sindrome da immunodeficienza acquisita (Aids) è stata di certo lo sviluppo di terapie basate su farmaci antiretrovirali, che permettono di bloccare la replicazione del virus e abbassare la carica virale nell’organismo fino a livelli quasi irrintracciabili. Anche se rispetto al passato i pazienti conducono una vita lunga e di buona qualità, al momento dall’Aids non si guarisce, ma una delle strade battute dagli scienziati è quella di indurre una reazione del sistema immunitario così efficiente da sradicare l’infezione dal corpo ed eliminare le cellule infette che possono ricomparire anche a distanza di anni dal trattamento.
È in questo filone di ricerca che si inserisce lo studio di Anjie Zhen e colleghi dell’Università della California, che hanno applicato un approccio di terapia genica per modificare le cellule staminali emopoietiche dei macachi per ottenere linfociti T

Articoli correlati

  • Cancro al seno, con un test il 70% delle donne può evitare la chemioterapiaJune 4, 2018 Cancro al seno, con un test il 70% delle donne può evitare la chemioterapia Finalmente una buona notizia per le donne affette da cancro al seno. Molte pazienti, infatti, che si trovano nella fase precoce della malattia potrebbero evitare la chemioterapia grazie a un test genomico in grado di prevedere il rischio di recidive e individuare, quindi, quali pazienti potrebber...
  • Da cosa dipende la nostra identità di genere?June 8, 2018 Da cosa dipende la nostra identità di genere? (foto: Getty Images)Il prossimo 30 giugno si svolgerà il Milano Pride, la manifestazione dell’orgoglio delle persone gay, lesbiche, bisessuali, transessuali, asessuali, intersessuali e queer. In vista dell’evento, che vede Wired come media partner, abbiamo provato a rispondere ...
  • No, nutrizione preventiva e vita equilibrata non sono alternative ai vacciniMarch 20, 2018 No, nutrizione preventiva e vita equilibrata non sono alternative ai vaccini (Foto: Joe Raedle/Getty Images)Dallo scorso weekend sul web, e in particolare su Twitter, si è tornato a parlare di vaccini. O meglio, di potenziali (ma scientificamente infondate) alternative alla vaccinazione. A sollevare il tema è stato il consigliere regionale del Lazio Dav...
  • Uno studio smonta i benefici di integratori alimentari e multivitaminiciMay 29, 2018 Uno studio smonta i benefici di integratori alimentari e multivitaminici Pillole, d’ogni forma e colore. Vitamine, calcio, sali minerali, antiossidanti. Una routine quotidiana per sempre più persone in Italia e nel mondo, che dovrebbe proteggere l’organismo dallo stress, dallo scorrere del tempo, dall’inquinamento e dai pericoli della vita mod...
  • Tumore alla prostata, il grande enigma del test per il PsaApril 16, 2018 Tumore alla prostata, il grande enigma del test per il Psa Il tumore alla prostata è la neoplasia più diffusa nella popolazione maschile. In Italia rappresenta il 18% delle diagnosi di tumore tra gli uomini, ed è il terzo più letale (8% dei decessi). In cifre, 34.800 nuovi casi (stimati) nel 2017, e 7.174 decessi registrati ne...
  • L’aborto è la prima causa di femminicidio? Decisamente noMay 15, 2018 L’aborto è la prima causa di femminicidio? Decisamente no A pochi giorni dalla Marcia per la vita promossa a Roma dai movimenti pro-life, a una settimana dal 40esimo anniversario dell’introduzione in Italia della legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza e dal referendum irlandese sull’aborto, la nos...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *