Dickens: L’uomo che inventò il Natale è solo un altro Canto di Natale

C’è una mitologia propria del cinema secondo la quale quando si racconta di un grande scrittore nel momento in cui sta per scrivere la sua opera più importante, lo si deve fare fingendo che la sua vita in quel momento abbia seguito il medesimo andamento di quella storia lì, che fosse piena dei medesimi personaggi che si troveranno nel libro e che in buona sostanza tutto intorno alla sua vita riflettesse la sua arte. È un luogo comune del cinema, una sua sclerosi ripetuta dai film più svogliati e meno vogliosi di inventarsi qualcosa.
La descrizione calza bene Dickens: L’uomo che inventò il Natale, film corretto e impeccabile tanto quanto prevedibile e scontato sul momento in cui Charles Dickens ha scritto il suo Canto di Natale. Lo scrittore era diventato famosissimo grazie ad Oliver Twist, era ricco dopo un’infanzia passata a lavorare, ma i suoi romanzi successivi non avevano avuto un successo nemmeno paragonabile, almeno fino a che non ha deciso di lavorare a qualcosa di natalizio, che non lo fosse solo nella storia ma anche nella confezione e chiaramente nell’uscita. Nasce così la madre di tutte le storie natalizie.

Intorno a questa parte più interessante, sulla genesi di un successo, il film di Bharat Nalluri (già regista di Il Corvo 3) imbastisce una serie di trame parallele molto confuse. Una ovviamente ha a che vedere con Charles Dickens, tempestato da visioni dei personaggi di cui sta scrivendo, come se loro stessi gli dessero indicazioni, e che viene trascinato a vedere i

Articoli correlati

  • Borg-McEnroe, vince alla Festa del cinema di RomaNovember 6, 2017 Borg-McEnroe, vince alla Festa del cinema di Roma «It’s no accident, I think, that tennis uses the language of life. Advantage, service, fault, break, love, the basic elements of tennis are those of everyday existence, because every match is a life in miniature.» Che tradotto è: «Non è un caso, credo, che il...
  • Addio Fottuti Musi Verdi, i TheJackaL hanno girato un vero film per ragazzi italianoNovember 9, 2017 Addio Fottuti Musi Verdi, i TheJackaL hanno girato un vero film per ragazzi italiano Si avverte quasi un certo senso del dovere nell’aver messo al centro della propria trama la storia di un grafico che non trova lavoro e che, quando lo trova, finisce in situazioni infernali, alle dipendenze di datori senza senso (Fortunato Cerlino e Salvatore Esposito, già Savastano ...
  • Ecco chi interpreterà Mulan (insieme ad altre eroine Disney al cinema)November 30, 2017 Ecco chi interpreterà Mulan (insieme ad altre eroine Disney al cinema) Il film Mulan, live action ispirato al celebre cartone Disney, avrà per protagonista una attrice cinese, Liu Yifei. La scelta di Disney, annunciata anche via Twitter, ha riscosso interesse: molti aspettano il film e non ci saranno le solite polemiche sul whitewashing perché l&r...
  • Star Wars, Episodio IX ha come titolo di lavoro Black DiamondDecember 18, 2017 Star Wars, Episodio IX ha come titolo di lavoro Black Diamond Una delle sage più amate del cinema continua a confermare che la Forza scorre potente in lei: Star Wars: Gli Ultimi Jedi ha debuttato lo scorso weekend nelle sale di tutto il mondo e ha già messo insieme 220 milioni di dollari solo negli Stati Uniti (e in Italia ha superato i 4...
  • La specie estinta dei teenager anni OttantaOctober 24, 2017 La specie estinta dei teenager anni Ottanta C’è stato un cinema che ha descritto il passaggio dall’infanzia all’età adulta e l’elemento chiave che l’amicizia riveste in tale passaggio, più che altri, ed è quello degli anni Ottanta. Volendo generalizzare, se quello dei Settanta ha ra...
  • Il ragazzo invisibile: seconda generazione, dove sono i supereroi?January 4, 2018 Il ragazzo invisibile: seconda generazione, dove sono i supereroi? Inizia facendo sfoggio di un pedigree fumettistico inesistente Il ragazzo invisibile: seconda generazione, cioè facendo il riassunto del film precedente tramite le tavole di un fumetto, come se l’origine di tutto venisse da lì al pari dei cinefumetti hollywoodiani (che spesso ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *