Bitcoin, come riconoscere per tempo una bolla finanziaria

Attesissima (da qualcuno persino invocata) è quella del bitcoin: la criptobolla. Ma altre bolle hanno segnato la storia dell’economia nei secoli: da quella dei tulipani, che nel XVII secolo mise in ginocchio la finanza dei Paesi Bassi, a quella delle dotcom, che all’inizio del 2000 si portò dietro tutto l’entusiasmo del web 1.0 e migliaia di posti di lavoro. E poi tante altre bolle, più o meno esplosive: da quella dei mutui subprime, che ha generato una delle più profonde crisi economiche della storia, alle varie bolle immobiliari che di recente hanno colpito paesi come la Spagna e l’Irlanda. Ma è possibile riconoscere una bolla finanziaria prima del tempo? O lo scoppio è fatale e, inevitabilmente, improvviso?
Robert J. Shiller, docente a Yale, padre della finanza comportamentale e Premio Nobel per l’Economia nel 2013, è dal 2010 che va spiegando che le bolle possono essere identificate usando la stessa metodologia utilizzata dagli psicologi per diagnosticare i disturbi della personalità, cioè attraverso una lista di sintomi ben precisi. Soprannominata con un gioco di parole “La lista di Shiller”, quella per individuare le bolle si compone di 7 tratti definitivi.
1) Aumenti bruschi dei prezzi di un bene, come proprietà immobiliari o azioni.
2) Grande entusiasmo pubblico per tali aumenti.
3) Frenesia dei media.
4) Storie di persone che guadagnano un sacco di soldi, causando invidia tra le persone che non ci riescono.
5) Crescente interesse per la classe di asset da parte del grande pubblico.
6) Nuove Teorie per giustificare aumenti di prezzo senza precedenti.
7) Un declino degli

Articoli correlati

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *