Quando nel 2012 un visionario Palmer Luckey annunciò al mondo la sua intenzione di creare la prima, e vera, realtà virtuale del mondo dei videogame, ammetto che fui percorso da un brivido. La VR, come l’avevamo immaginata ai tempi de Il tagliaerbe o giù di lì, era uno dei sogni bagnati di buona parte dei videogiocatori del mondo, specie di quelli che nel 1995 acquistarono il deludente Virtual Boy di Nintendo. Dal primo prototipo di Oculus Rift ad oggi ne è passata di acqua sotto ai ponti, e penso vada anche sottolineato come l’innovatività della spinta di Luckey si sia esaurita con lui, e con l’acquisto della sua società da parte di Facebook. Ma sto divagando.
Se di realtà virtuale si parla oggi lo dobbiamo ad una compagnia ed una soltanto: Sony, che come già aveva fatto con la prima storica PlayStation, ha preso un qualcosa che c’era già, in questo caso il visore, e lo ha ripensato ad uso e consumo di tutte le tasche. Il PlayStation VR è un visore di successo, nella misura in cui ha offerto una tecnologia agognata ad un prezzo competitivo. Non solo. Sony si è prodigata di dare al suo visore una lineup dignitosa, che ha ampliato, e non di poco, il potere d’acquisto del suo visore. In questo Sony ha lavorato alla grande, ma eccoci arrivare alle prime grane. I giochi VR hanno una concezione “vecchia”, per certi versi fallimentare.

Prima che mi lapidiate vorrei chiarirmi. Questo paradigma va riferito alla stragrande maggioranza della

Articoli correlati

  • Xbox vuole essere  la Netflix del gamingApril 7, 2018 Xbox vuole essere la Netflix del gaming Schiacciato tra PlayStation 4 e Nintendo Switch, Xbox prova a reinventare l’intera industria dei videogiochi con il Game Pass, un all you can eat dei videogiochi che non può che ricordare da molto vicino quanto offerto da Netflix nel campo del cinema e delle serie TV. Può la s...
  • Microsoft trasforma Xbox nella Netflix dei videogiochiApril 20, 2018 Microsoft trasforma Xbox nella Netflix dei videogiochi Schiacciato tra PlayStation 4 e Nintendo Switch, Xbox prova a reinventare l’intera industria dei videogiochi con il Game Pass, un all you can eat dei videogiochi che non può che ricordare da molto vicino quanto offerto da Netflix nel campo del cinema e delle serie TV. Può la ...
  • Oculus Go, la recensioneMay 1, 2018 Oculus Go, la recensione Che questo non sia uno dei momenti più tranquilli per Facebook ormai lo sanno tutti, ma il calendario della casa di Menlo Park non ammette ritardi. E così, nell’ambito dell’annuale conferenza F8 dedicata agli sviluppatori che ha appena aperto i battenti a San José...
  • Oculus Go: cosa sa di noi la realtà virtuale portatile di Mark Zuckerberg?May 1, 2018 Oculus Go: cosa sa di noi la realtà virtuale portatile di Mark Zuckerberg? La realtà virtuale di Mark Zuckerberg non poteva che assomigliare a un social network. Dopo aver acquisto nel 2014 per tre miliardi di dollari Oculus, il più popolare produttore di caschetti per la Vr, il numero uno del social network più popolare de mondo non ha smesso di c...
  • Kingdom Come: Deliverance  Tutto il realismo del MedioevoMarch 22, 2018 Kingdom Come: Deliverance Tutto il realismo del Medioevo Di solito nei giochi di ruolo (single player o online) o sei un mago, o un cavaliere o un guerriero spaziale. Di solito o sei nel futuro o in un mondo popolato di draghi, elfi e magia. Se escludiamo la saga di Assassin’s Creed che rappresenta una vera e propria macchina del tempo nessuno s...
  • Tutti i workshop da fare al Wired Next FestMay 15, 2018 Tutti i workshop da fare al Wired Next Fest Cosa si può fare al Wired Next Fest? A parte ascoltare i relatori e partecipare ai concerti, ci saranno molte attività nel parco, alcune libere, altre a numero chiuso, per cui sarà necessario registrarsi per tempo. Ecco cosa si potrà sperimentare. Escape Room Togliete ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *