Influenza, negli uomini è davvero più pesante?

I sintomi dell’influenza maschile e di quella femminile potrebbero davvero essere diversi. È quanto sostiene la ricerca di Kyle Sue, medico (uomo) del Memorial University di Newfoundland in Canada, stanco di sentirsi ripetere di stare esagerando ogni volta che finiva a letto con l‘influenza.
Passando in rassegna diversi studi scientifici, Sue sostiene che ci siano valide ragioni per ritenere che per motivazioni evolutive le manifestazioni influenzali siano più pesanti negli uomini rispetto al gentil sesso. E anche se, tirando le somme, non ci sono prove certe che il genere faccia la differenza, l’indagine pubblicata dal British Medical Journal ha comunque il merito di accendere i riflettori sulla questione, trainandola fuori dallo stereotipo del maschio frignone.
Il gap immunitario
Spulciando la letteratura di settore, Sue ha trovato diversi studi che portano evidenze a sostegno del fatto che le donne abbiano una risposta immunitaria diversa rispetto agli uomini, ipotizzando per questo che possano essere più resistenti nei confronti dei virus influenzali.
Dati epidemiologici contenuti in studi condotti a Hong Kong e negli Stati Uniti mostrano come gli uomini adulti abbiano un maggiore rischio di ricovero ospedaliero per influenza e che rispetto alle donne della stessa età i decessi per complicazioni influenzali siano maggiori, indipendentemente dalle malattie cardiache sottostanti, dal cancro, dalle malattie respiratorie croniche e dalle malattie renali. Dal momento che molti altri fattori (per esempio fumo e abuso di alcolici) non vengono considerati, è Sue stesso a dire che le conclusioni non possono dirsi definitive. Secondo il medico però nel complesso le prove suggeriscono che

Articoli correlati

  • Molestie, una donna italiana su tre è vittima di violenzaNovember 15, 2017 Molestie, una donna italiana su tre è vittima di violenza I numeri parlano chiaro: secondo l’Organizzazione mondiale della sanità il 35% delle donne nel mondo ha subito violenza almeno una volta. E anche in Italia la percentuale non sembra discostarsi: gli ultimi dati Istat, riferiti al 2015, parlano del 31% delle donne tra i 16 e i 70 anni...
  • Perché d’inverno accumuliamo più grasso?January 11, 2018 Perché d’inverno accumuliamo più grasso? In inglese si dice serendipity, casualità fortuita. È quando stai lavorando a un progetto e per caso noti un dettaglio che ti porta a scoprire qualcosa di nuovo – magari più importante o entusiasmante di quello che stavi cercando all’inizio. È quello che &e...
  • Terapie alternative per smettere di fumare, ancora nessun dato concretoNovember 22, 2017 Terapie alternative per smettere di fumare, ancora nessun dato concreto Chi ci è passato lo sa: smettere di fumare è una delle conquiste più difficili nella vita di una persona. Sarà per questo che, accanto a iter più tradizionali (farmaci, gruppi di supporto, counselling) si ricorre sempre più spesso ai metodi alternativi: d...
  • Creati linfociti “killer” per combattere l’hivDecember 29, 2017 Creati linfociti “killer” per combattere l’hiv Distruggere le cellule infettate da hiv e allo stesso tempo fornire una protezione duratura dalla malattia sono gli obiettivi della lotta contro l’Aids. E da oggi potremmo avere un’arma in più per raggiungere il traguardo dell’eradicazione della malattia: i ricercatori de...
  • Hiv, una nuova pillola per una terapia che copra tutta la settimanaJanuary 10, 2018 Hiv, una nuova pillola per una terapia che copra tutta la settimana “Un portapillole in una compressa”, la definiscono i suoi creatori: una capsula a compartimenti, che rilascia gradualmente una dose settimanale di farmaci per l’hiv in una sola somministrazione. La nuova pillola tecnologica sviluppata nei laboratori del Mit e del Brigham and Wom...
  • Emicrania, presto potrebbero arrivare nuovi farmaciDecember 5, 2017 Emicrania, presto potrebbero arrivare nuovi farmaci Un dolore pulsante, intenso, spesso accompagnato da nausea e intolleranza alla luce e ai rumori. Uno stato che può durare molto tempo, anche giorni interi. Parliamo dell’emicrania, una forma di mal di testa che per le sue caratteristiche è stata inserita dall’Organizzazi...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *