Influenza, negli uomini è davvero più pesante?

I sintomi dell’influenza maschile e di quella femminile potrebbero davvero essere diversi. È quanto sostiene la ricerca di Kyle Sue, medico (uomo) del Memorial University di Newfoundland in Canada, stanco di sentirsi ripetere di stare esagerando ogni volta che finiva a letto con l‘influenza.
Passando in rassegna diversi studi scientifici, Sue sostiene che ci siano valide ragioni per ritenere che per motivazioni evolutive le manifestazioni influenzali siano più pesanti negli uomini rispetto al gentil sesso. E anche se, tirando le somme, non ci sono prove certe che il genere faccia la differenza, l’indagine pubblicata dal British Medical Journal ha comunque il merito di accendere i riflettori sulla questione, trainandola fuori dallo stereotipo del maschio frignone.
Il gap immunitario
Spulciando la letteratura di settore, Sue ha trovato diversi studi che portano evidenze a sostegno del fatto che le donne abbiano una risposta immunitaria diversa rispetto agli uomini, ipotizzando per questo che possano essere più resistenti nei confronti dei virus influenzali.
Dati epidemiologici contenuti in studi condotti a Hong Kong e negli Stati Uniti mostrano come gli uomini adulti abbiano un maggiore rischio di ricovero ospedaliero per influenza e che rispetto alle donne della stessa età i decessi per complicazioni influenzali siano maggiori, indipendentemente dalle malattie cardiache sottostanti, dal cancro, dalle malattie respiratorie croniche e dalle malattie renali. Dal momento che molti altri fattori (per esempio fumo e abuso di alcolici) non vengono considerati, è Sue stesso a dire che le conclusioni non possono dirsi definitive. Secondo il medico però nel complesso le prove suggeriscono che

Articoli correlati

  • Hiv, risultati promettenti per il nuovo vaccino “mosaico”July 9, 2018 Hiv, risultati promettenti per il nuovo vaccino “mosaico” Un passo in avanti nella lotta all’Aids. In un nuovo studio pubblicato su Lancet, un team internazionale afferma di aver ottenuto risultati molto promettenti per un vaccino anti-hiv a mosaico che dovrebbe conferire protezione nei confronti di diversi ceppi virali. Dai test negli esseri...
  • Diabete, il virus dell’influenza tra le cause?September 12, 2018 Diabete, il virus dell’influenza tra le cause? A/H1N1. È questo il nome del virus dell’influenza già noto per aver provocato la pandemia del 2009, e che ora è finito nuovamente al centro del dibattito scientifico. A metterlo sotto accusa, infatti, sono stati i ricercatori del One Health Center of Excellence dell&rsq...
  • 52 casi in Emilia Romagna e Veneto, che cos’è la febbre West Nile?August 3, 2018 52 casi in Emilia Romagna e Veneto, che cos’è la febbre West Nile? Salgono a 52 i casi registrati e si arriva a ben due decessi per il contagio del West Nile, un virus che si trasmette attraverso una puntura di zanzare del genere Culex e che si sta diffondendo nelle aree umide dell’Emilia Romagna e del Veneto. Proprio il 2 agosto, infatti, si è aggi...
  • Stop allo studio del Viagra sulle donne incinte: sono morti 11 neonatiJuly 25, 2018 Stop allo studio del Viagra sulle donne incinte: sono morti 11 neonati Undici neonati sono morti dopo essere venuti alla luce, per danni ai polmoni che si sono dimostrati essere letali. I piccoli facevano parte di uno studio clinico olandese, ora interrotto, che prevedeva la somministrazione a donne in attesa del citrato di sildenafil, il cui nome commerciale pi&ugr...
  • Cos’è l’eroina sintetica che ha causato una morte a MilanoSeptember 14, 2018 Cos’è l’eroina sintetica che ha causato una morte a Milano È passato ben più di un anno prima che il Sistema nazionale di allerta precoce (Snap) dell’Istituto superiore di sanità lanciasse un’allerta di grado 3, il più alto, per la morte (avvenuta nell’aprile 2017 a Milano) di un uomo di 39 anni, dovuta a un&...
  • No, i multivitaminici non fanno bene al cuoreJuly 11, 2018 No, i multivitaminici non fanno bene al cuore Assumere multivitaminici non ci metterà al sicuro da infarto, ictus o da altre malattie cardiovascolari. A raccontarlo sulle pagine di Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes è un nuovo studio dei ricercatori dell’Università dell’Alabama a Birmingham, sec...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *