Influenza, negli uomini è davvero più pesante?

I sintomi dell’influenza maschile e di quella femminile potrebbero davvero essere diversi. È quanto sostiene la ricerca di Kyle Sue, medico (uomo) del Memorial University di Newfoundland in Canada, stanco di sentirsi ripetere di stare esagerando ogni volta che finiva a letto con l‘influenza.
Passando in rassegna diversi studi scientifici, Sue sostiene che ci siano valide ragioni per ritenere che per motivazioni evolutive le manifestazioni influenzali siano più pesanti negli uomini rispetto al gentil sesso. E anche se, tirando le somme, non ci sono prove certe che il genere faccia la differenza, l’indagine pubblicata dal British Medical Journal ha comunque il merito di accendere i riflettori sulla questione, trainandola fuori dallo stereotipo del maschio frignone.
Il gap immunitario
Spulciando la letteratura di settore, Sue ha trovato diversi studi che portano evidenze a sostegno del fatto che le donne abbiano una risposta immunitaria diversa rispetto agli uomini, ipotizzando per questo che possano essere più resistenti nei confronti dei virus influenzali.
Dati epidemiologici contenuti in studi condotti a Hong Kong e negli Stati Uniti mostrano come gli uomini adulti abbiano un maggiore rischio di ricovero ospedaliero per influenza e che rispetto alle donne della stessa età i decessi per complicazioni influenzali siano maggiori, indipendentemente dalle malattie cardiache sottostanti, dal cancro, dalle malattie respiratorie croniche e dalle malattie renali. Dal momento che molti altri fattori (per esempio fumo e abuso di alcolici) non vengono considerati, è Sue stesso a dire che le conclusioni non possono dirsi definitive. Secondo il medico però nel complesso le prove suggeriscono che

Articoli correlati

  • Perché ci ammaliamo quando fa freddo?February 27, 2018 Perché ci ammaliamo quando fa freddo? È una di quelle questioni che, almeno nella cultura popolare, ha già trovato la sua risposta. Non prendere freddo che poi ti prendi un bel raffreddore, se non un’influenza vera e propria. Eppure la scienza ha risposte meno nette in materia, più sfumate, perché il...
  • Le affermazioni di ProVita sull’aborto? Non hanno fondamento scientificoApril 12, 2018 Le affermazioni di ProVita sull’aborto? Non hanno fondamento scientifico Aborto, non si placa la polemica. Innescata dal manifesto che l’associazione ProVita ha affisso nei giorni scorsi a Roma. Salvo rimuoverlo sull’onda lunga delle proteste. Dibattito che si è fatto ancora più acceso dopo che il sodalizio ha presentato una petizione rivolta...
  • Prendersi una vacanza da Facebook abbassa lo stress (ma rende meno soddisfatti)April 5, 2018 Prendersi una vacanza da Facebook abbassa lo stress (ma rende meno soddisfatti) Prendete degli abituali utenti di Facebook e divideteli in due gruppi: chiedete a un gruppo di prendersi una breve vacanza dal social network e all’altro di continuare con le proprie normali attività. Quale dei due gruppi sarà più stressato? È quello che si sono ...
  • Cannabis, prima si comincia a fumarla maggiore è il rischio di cadere nelle dipendenzeMay 21, 2018 Cannabis, prima si comincia a fumarla maggiore è il rischio di cadere nelle dipendenze (foto: SHAWN THEW/AFP/Getty Images) Dipendenze, molto dipende da quando inizi. Specie per quanto riguarda la cannabis: per un ragazzo che comincia a fumare la sostanza nella prima adolescenza, dai 13 ai 15 anni, il rischio di sviluppare un abuso di sostanze (generico, non solo marijuana) entro i ...
  • Trapianti, ora sarà possibile la donazione di organi tra pazienti con l’hivMarch 9, 2018 Trapianti, ora sarà possibile la donazione di organi tra pazienti con l’hiv La fine di una discriminazione. Così Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti, definisce a margine degli Stati generali della Rete trapiantologica italiana la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del protocollo che consentirà i trapianti d’organo tr...
  • Ho abortito e sto bene. Perché all’aborto si associano sempre sofferenza e colpa?May 22, 2018 Ho abortito e sto bene. Perché all’aborto si associano sempre sofferenza e colpa? (foto: Getty Images)Non ho mai amato gli anniversari ma sono occasioni per controllare lo stato di salute del festeggiato. Quello della legge 194, la legge sull’aborto volontario che il 22 maggio 2918 compie 40 anni, è: febbre alta. Non solo per le percentuali di obiettori di coscien...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *