Arte contemporanea e del Medio Oriente al GAM a Milano nel 2018.

La fondazione Solomon R. Guggenheim di New York e UBS hanno deciso che sarà Milano la piazza europea dove atterrerà la mostra Una Tempesta dal Paradiso: Arte Contemporanea del Medio Oriente e Nord Africa, terzo capitolo del programma MAP Global Art Initivative, portato avanti negli ultimi cinque anni dall’istituzione newyorkese in collaborazione con la banca svizzera. Si veda Arte.it.
Sarà infatti la Galleria di Arte Moderna GAM di Milano ad accogliere dall’11 aprile al 17 giugno le opere di 13 artisti, provenienti dal Nord Africa e dal Medio Oriente, già esposte al Guggenheim Museum di New York nell’aprile del 2016. Si veda il Comunicato stampa: Comunicato MAP_GAM_Announcement_IT.
“Il titolo della mostra Una Tempesta dal Paradiso si ispira a un passaggio dell’ultimo saggio del filosofo tedesco Walter Benjamin, “Sul concetto di storia”. Allo stesso tempo è anche il titolo di un’opera centrale all’interno dell’esposizione” affema Sara Raza, curatrice della Guggenheim UBS MAP per il Medio Oriente e il Nord Africa. “Si tratta di una serie di immagini dell’artista iraniano Rokni Haerizadeh, dipinte direttamente su frame estratti da YouTube che mostrano, in ambientazioni differenti, figure le cui teste sono state sostituite da altre teste umane dando vita ad ibridi. Nel clima attuale, il titolo originale di Benjamin evoca poeticamente le implicazioni del passato sul presente. Al contrario, i dipinti di Haerizadeh aprono una più ampia discussione sulla capacità virale ed avvolgente dei media di alterare e manipolare i fatti, ricordando il romanzo distopico di George Orwell, “La Fattoria degli Animali”, una riflessione ironica su ciò che potremmo considerare una nuova “normalità”“.
Occhi puntati dunque sulla produzione artistica proveniente da

Articoli correlati

  • “L’universo verde”. Alik Cavaliere a Milano.June 27, 2018 “L’universo verde”. Alik Cavaliere a Milano. ALIK CAVALIERE L’abete, 1967 – bronzo, acciaio, cm 59x86x78, base cm 32×34 Alik Cavaliere. L’universo verde Nel ventennale della scomparsa di Alik Cavaliere (Roma 1926 – Milano 1998), artista fra i maggiori della scultura italiana del secondo Novecento, Palazzo Reale...
  • L’artista ghanese, Serge Attukwei Clottey, parla ad  ART AFRICA  della sua installazione,  Kusum Gboo Ga (La tradizione non muore mai) presso il quartier generale di Facebook a San Francisco.August 18, 2018 L’artista ghanese, Serge Attukwei Clottey, parla ad ART AFRICA della sua installazione, Kusum Gboo Ga (La tradizione non muore mai) presso il quartier generale di Facebook a San Francisco. Serge Attukwei Clottey è noto per il lavoro che esamina la potente forza evocativa degli oggetti di uso quotidiano, esplorando narrazioni personali e collettive che si trovano politicamente collocate nella storia del commercio e della migrazione. Il fatto oggi che il suo lavoro sia esposto...
  • Reza Abdoh al Moma.July 18, 2018 Reza Abdoh al Moma. Sebbene avesse solo 32 anni al momento della sua morte, il segno del regista teatrale iraniano-americano Reza Abdoh (1963-95) sul mondo del teatro era inconfondibile. Implacabilmente inventivo, spinse i suoi attori – e il pubblico – ai loro limiti in mezzo a scenografie ambiziose...
  • La Fondazione Kenan e la beneficenza nell’arte.August 3, 2018 La Fondazione Kenan e la beneficenza nell’arte. Tutto è iniziato con una chiamata a freddo. Kemi Ilesanmi, direttore esecutivo del Laundromat Project, una organizzazione no-profit con sede a New York che porta l’arte in luoghi inaspettati, ricorda di aver ricevuto una chiamata inattesa dalla Fondazione Kenan di Chapel Hill, n...
  • In vendita la casa di William Rubin, già curatore del Moma.August 6, 2018 In vendita la casa di William Rubin, già curatore del Moma. It’s constructed over three levels and has terraces overlooking Mallard Lake. Source: Christie’s International Real Estate William Rubin (1927-2006), capo del prestigioso dipartimento di pittura e scultura del Museum of Modern Art negli anni ’70 e ’80, è n...
  • Giulio Ceppi alla Triennale di Milano.May 26, 2018 Giulio Ceppi alla Triennale di Milano. La mostra Scollamenti Temporali, curata da Elisabetta Longari, è un’ampia raccolta di collages realizzati da Giulio Ceppi sulle relazioni impreviste tra arte, moda e lifestyle. Le 169 tavole che compongono l’installazione sono basate sul rapporto tra opere d’arte del...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *