In questi anni ci siamo abituati a profezie sull’avvento di una nuova economia popolata da “pari” i quali, grazie alle possibilità offerte dalla rete, condividono tra loro risorse materiali e immateriali secondo la logica del «quel che mio è tuo», come recita il titolo di uno dei testi sacri sulla sharing economy.
Non è andata proprio così. Con poche eccezioni, la condivisione di risorse in alternativa al consumo proprietario si è scontrata con la dura realtà, rivelandosi una strada poco praticabile soprattutto per i piccoli oggetti quotidiani che popolano l’immaginario di chi sogna l’ascesa di un’economia di ispirazione comunitarista.
Nel frattempo «sharing economy» è divenuta l’espressione usata per descrivere una galassia di pratiche e modelli organizzativi, frutto di una trasformazione profonda della struttura di impresa e del coordinamento del lavoro, in cui soggetti non professionali mettono a disposizione beni e offrono servizi (seguendo la retorica “sharing”, condividono beni, tempo e competenze) secondo combinazioni di volta in volta variabili.
Grazie alla riduzione dei costi di comunicazione e di coordinamento servizi che fino a qualche anno fa erano monopolio esclusivo di professionisti vengono offerti sul mercato da soggetti molto diversi tra loro per solidità economica, competenze, professionalità. Celebrata con una pletora di neologismi più o meno felici (prosumer, produser), la nascita di un’economia p2p (peer-to-peer) si accompagnerebbe all’inesorabile declino dell’economia b2c (business-to-consumer), il cui futuro sarebbe costretto entro piccole nicchie di mercati specializzati. Alcuni comparti – trasporti e turismo su tutti – starebbero tracciando la rotta verso un modello di organizzazione economica passibile di sviluppi

Articoli correlati

  • Quella  barriera  di riservatezza che si traduce in dirittoApril 25, 2018 Quella barriera di riservatezza che si traduce in diritto Più di vent’anni fa, quando in Italia, sull’onda della direttiva europea, fece capolino la prima legislazione in materia di privacy, la materia era talmente nuova che qualcuno si soffermava a disquisire sul modo in cui pronunciare quella parola che fino ad allora compariva sop...
  • Occupazione: più italiani al lavoro in Europa che in patriaMay 31, 2018 Occupazione: più italiani al lavoro in Europa che in patria Per gli italiani meglio andare a lavorare all’estero. È questo ciò che si evince dalla lettura del report di Eurostat (l’ente statistico comunitario), Eu citizens in other Eu Member States (Cittadini europei negli altri Stati membri dell’Ue). Se guardiamo i nu...
  • l codice Ateco non basta. Analisi dei micro-settori, ecco il benchmark per chi produce mobili per la casaApril 23, 2018 l codice Ateco non basta. Analisi dei micro-settori, ecco il benchmark per chi produce mobili per la casa In Italia ci sono 487  aziende con ricavi superiori a un milione di euro che hanno il codice Ateco 31.09.10 Fabbricazione di mobili per arredo domestico e che hanno depositato un bilancio al 2016. Di queste, ce ne sono 188 con un buon profilo di rischio e una buona redditività (186 cl...
  • Vaccini obbligatori, cosa succede a chi non ha consegnato la certificazione a scuola?March 12, 2018 Vaccini obbligatori, cosa succede a chi non ha consegnato la certificazione a scuola? (Foto: Scuola di fallimento/Play Res)Come ribadito più volte nei giorni scorsi dalla ministra della Salute Lorenzin, da oggi si fa sul serio. Il 10 marzo è scaduto il termine per la presentazione della documentazione che accertasse la situazione vaccinale dei minori da a 16 anni. E ...
  • Sessismo e rifiuto dei cambiamenti, il lato oscuro dei nerdMarch 20, 2018 Sessismo e rifiuto dei cambiamenti, il lato oscuro dei nerd Dungeons & Dragons oltre ad essere tornato di moda negli ultimi anni è da sempre un prodotto in continuo mutamento. In una delle ultime espansioni, il Mordenkainen’s Tome of Foes, è stata introdotta la possibilità per gli elfi di cambiare sesso a piacimento una volt...
  • Londra spinge i microbrandMarch 13, 2018 Londra spinge i microbrand «I consumatori sono più informati rispetto al passato e più interessati su dove e come sono realizzati i prodotti che consumano». Non ha dubbi Fairfax Hall, un passato come manager nei colossi globali delle bevande e oggi a capo di Sipsmith, distilleria artigianale nel c...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *