In questi anni ci siamo abituati a profezie sull’avvento di una nuova economia popolata da “pari” i quali, grazie alle possibilità offerte dalla rete, condividono tra loro risorse materiali e immateriali secondo la logica del «quel che mio è tuo», come recita il titolo di uno dei testi sacri sulla sharing economy.
Non è andata proprio così. Con poche eccezioni, la condivisione di risorse in alternativa al consumo proprietario si è scontrata con la dura realtà, rivelandosi una strada poco praticabile soprattutto per i piccoli oggetti quotidiani che popolano l’immaginario di chi sogna l’ascesa di un’economia di ispirazione comunitarista.
Nel frattempo «sharing economy» è divenuta l’espressione usata per descrivere una galassia di pratiche e modelli organizzativi, frutto di una trasformazione profonda della struttura di impresa e del coordinamento del lavoro, in cui soggetti non professionali mettono a disposizione beni e offrono servizi (seguendo la retorica “sharing”, condividono beni, tempo e competenze) secondo combinazioni di volta in volta variabili.
Grazie alla riduzione dei costi di comunicazione e di coordinamento servizi che fino a qualche anno fa erano monopolio esclusivo di professionisti vengono offerti sul mercato da soggetti molto diversi tra loro per solidità economica, competenze, professionalità. Celebrata con una pletora di neologismi più o meno felici (prosumer, produser), la nascita di un’economia p2p (peer-to-peer) si accompagnerebbe all’inesorabile declino dell’economia b2c (business-to-consumer), il cui futuro sarebbe costretto entro piccole nicchie di mercati specializzati. Alcuni comparti – trasporti e turismo su tutti – starebbero tracciando la rotta verso un modello di organizzazione economica passibile di sviluppi

Articoli correlati

  • La dura realtà delle armi chimiche in un videoJanuary 18, 2018 La dura realtà delle armi chimiche in un video 30 anni fa l’Iraq colpiva la popolazione iraniana con armi chimiche. Oggi gli scienziati raccolgono le informazioni sugli effetti a lungo termine dell’impatto sul corpo umano tra i sopravvissuti: di fatto l’unico modo per poter elaborare cure adeguate nel caso tragedie come ques...
  • Un materiale così idrorepellente che fa rimbalzare l’acquaJanuary 18, 2018 Un materiale così idrorepellente che fa rimbalzare l’acqua Giocando sulla composizione e il pattern delle superfici è possibile regolare l’affinità (o, al contrario, la repulsione) di un oggetto per l’acqua. In questo studio un team di ricercatori all’opera tra l’Università del Colorado e la Cina ha messo a pu...
  • Unicredit cederà il 29,9% dei titoli del progetto Fino a Generali, King Street e FortressDecember 13, 2017 Unicredit cederà il 29,9% dei titoli del progetto Fino a Generali, King Street e Fortress UniCredit ha annunciato ieri a Londra, in occasione dell’incontro annuale del Capital Markets Day con analisti e investitori, che ridurrà presto la sua quota nel progetto Fino al di sotto del 20%  dall’attuale 49,9%, entrando così nella fase 2 del pro...
  • Dopo l’allarme missilistico alle Hawaii tutti a vedere pornoJanuary 18, 2018 Dopo l’allarme missilistico alle Hawaii tutti a vedere porno Cosa succede nella mente di chi riceva l’allarme di un attacco missilistico, come quello di pochi giorni fa alle Hawaii, nessuno lo può davvero sapere. Ma certi dati aiutano a farsi un’idea di cosa succeda subito dopo. Come quelli di Pornhub, ormai leader nell’elaborazion...
  • Popolare di Bari pronta a portare sul mercato la seconda cartolarizzazione di Npl con GacsDecember 6, 2017 Popolare di Bari pronta a portare sul mercato la seconda cartolarizzazione di Npl con Gacs Il gruppo Banca Popolare di Bari ha chiuso la seconda cartolarizzazione di non performing loan supportata dalla Gacs (scarica qui il comunicato stampa). Più nel dettaglio Popolare di Bari e la controllata Cassa di Risparmio di&nbs...
  • Il digitale arrivato via faxNovember 30, 2017 Il digitale arrivato via fax «Il boom di internet? Ce ne siamo accorti dal boom di fax». Domenico Laforenza, direttore dell’Istituto di informatica e telematica del Cnr, cui fa capo anche il Registro.it, ama l’arte del racconto. E allora parte proprio da lì, dal paradosso tecnologico viss...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *