In questi anni ci siamo abituati a profezie sull’avvento di una nuova economia popolata da “pari” i quali, grazie alle possibilità offerte dalla rete, condividono tra loro risorse materiali e immateriali secondo la logica del «quel che mio è tuo», come recita il titolo di uno dei testi sacri sulla sharing economy.
Non è andata proprio così. Con poche eccezioni, la condivisione di risorse in alternativa al consumo proprietario si è scontrata con la dura realtà, rivelandosi una strada poco praticabile soprattutto per i piccoli oggetti quotidiani che popolano l’immaginario di chi sogna l’ascesa di un’economia di ispirazione comunitarista.
Nel frattempo «sharing economy» è divenuta l’espressione usata per descrivere una galassia di pratiche e modelli organizzativi, frutto di una trasformazione profonda della struttura di impresa e del coordinamento del lavoro, in cui soggetti non professionali mettono a disposizione beni e offrono servizi (seguendo la retorica “sharing”, condividono beni, tempo e competenze) secondo combinazioni di volta in volta variabili.
Grazie alla riduzione dei costi di comunicazione e di coordinamento servizi che fino a qualche anno fa erano monopolio esclusivo di professionisti vengono offerti sul mercato da soggetti molto diversi tra loro per solidità economica, competenze, professionalità. Celebrata con una pletora di neologismi più o meno felici (prosumer, produser), la nascita di un’economia p2p (peer-to-peer) si accompagnerebbe all’inesorabile declino dell’economia b2c (business-to-consumer), il cui futuro sarebbe costretto entro piccole nicchie di mercati specializzati. Alcuni comparti – trasporti e turismo su tutti – starebbero tracciando la rotta verso un modello di organizzazione economica passibile di sviluppi

Articoli correlati

  • Pride Run è il videogame più gay di sempre, e promette di divertire tantissimoOctober 24, 2017 Pride Run è il videogame più gay di sempre, e promette di divertire tantissimo Immaginate di essere Sylvia Rivera in una notte di giugno del 1969, di lanciare una scarpa con tacco (o una bottiglia) contro la polizia e di inaugurare così i moti di Stonewall e il movimento di liberazione omosessuale. Oppure immaginate di essere a Mosca pochi mesi fa...
  • Rating, l’ultima promozione dell’Italia risale a 15 anni faSeptember 20, 2017 Rating, l’ultima promozione dell’Italia risale a 15 anni fa rating Sono ormai trascorsi oltre 15 anni da quel fatidico 17 giugno 2002, giorno in cui l’Italia ricevette l’ultima promozione da parte di un’agenzia di rating: fu Fitch ad allinearsi alle «sorelle» portando il giudizio sul debito a lungo termine ad ...
  • Scarabeo compie 54 anni e cerca di conquistare anche i millennialsOctober 6, 2017 Scarabeo compie 54 anni e cerca di conquistare anche i millennials Da decenni divide la platea dei giocatori più esperti eppure è un classico a cui molti ancora non riescono a resistere. Parliamo di Scarabeo, il gioco di parole nato negli anni ’50 dalla mente di Aldo Pasetti, giornalista e scrittore prestato al gioco che in carriera ha ideato...
  • Come costruire una startup: 5 dritte per riuscirciAugust 10, 2017 Come costruire una startup: 5 dritte per riuscirci Oggi vogliamo provare a rispondere alla domanda “come costruire una startup?” e offrire qualche consiglio a chi vuole buttarsi nell’avventura di aprire un’impresa propria. Sempre più numerosi sono infatti i ragazzi giovani – ma anche i professionisti – c...
  • Escrementi umani, c’è chi ne ha fatto un businessSeptember 21, 2017 Escrementi umani, c’è chi ne ha fatto un business L’economia circolare non cessa di stupire. Il riuso e la valorizzazione delle risorse potrebbe però presto risolvere anche una delle principali piaghe igieniche dei paesi in via di sviluppo. Stando ai dati Onu, a oggi 2,8 miliardi di persone – ovvero il 38% della popolazione mo...
  • Alcedo al controllo delle macchine AgrimasterOctober 2, 2017 Alcedo al controllo delle macchine Agrimaster Cambio di testimone tra fondi nel capitale di Agrimaster, società leader nella progettazione, produzione e commercializzazione di macchinari e attrezzature per il settore agricolo. B4 Holding I, Sicaf gestita da B4 Investimenti sgr ha infatti ceduto la sua partecipazione di maggi...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *