Emicrania, presto potrebbero arrivare nuovi farmaci

Un dolore pulsante, intenso, spesso accompagnato da nausea e intolleranza alla luce e ai rumori. Uno stato che può durare molto tempo, anche giorni interi. Parliamo dell’emicrania, una forma di mal di testa che per le sue caratteristiche è stata inserita dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nell’elenco delle patologie invalidanti. Ne soffre in media il 12% della popolazione, per la maggior parte donne, e le terapie tradizionali spesso non sono efficaci o hanno fastidiosi effetti collaterali. C’è però una nuova speranza per i pazienti: le sperimentazioni cliniche su larga scala su due anticorpi monoclonali stanno dando i primi promettenti risultati. In certe persone, i nuovi farmaci sembrano ridurre il numero di attacchi senza effetti avversi rilevanti e sono ora al vaglio della Fda (Usa) e dell’Ema (Ue).
Pubblicati sul New England Journal of Medicine, i due studi hanno analizzato gli effetti della somministrazione di erenumab e fremanezumab, anticorpi monoclonali diretti contro una specifica proteina (detta Cgrp, Calcitonine gene related peptide), in centinaia di pazienti colpiti da emicrania quasi quotidianamente. Le due molecole – ha precisato Peter Goadsby, uno degli autori dello studio e ricercatore del King’s College di Londra – sono in grado di agire in modo mirato sulla natura del disturbo, smorzandone i sintomi.
L’approccio è un po’ quello dell’insonorizzazione: “Se il bambino della porta accanto fa un sacco di rumore, metti l’insonorizzazione alle pareti e sei subito più tranquillo”, spiega Stephen Silberstein, direttore del Jefferson Headache Center di Philadelphia. “Questo è ciò che fanno gli anticorpi: impediscono al rumore di

Articoli correlati

  • Lsd, al via il primo studio per capire se ha effetti positiviSeptember 4, 2018 Lsd, al via il primo studio per capire se ha effetti positivi Aumenta la creatività e migliora la concentrazione. Sarebbero questi, a detta dei geek della Silicon Valley, gli effetti di piccole quantità di Lsd, la droga psichedelica diventata ultimamente popolare negli Stati Uniti, specialmente tra coloro che, per motivi lavorativi, hanno biso...
  • Stop allo studio del Viagra sulle donne incinte: sono morti 11 neonatiJuly 25, 2018 Stop allo studio del Viagra sulle donne incinte: sono morti 11 neonati Undici neonati sono morti dopo essere venuti alla luce, per danni ai polmoni che si sono dimostrati essere letali. I piccoli facevano parte di uno studio clinico olandese, ora interrotto, che prevedeva la somministrazione a donne in attesa del citrato di sildenafil, il cui nome commerciale pi&ugr...
  • Combattere la calvizie con un tuorlo d’uovoSeptember 4, 2018 Combattere la calvizie con un tuorlo d’uovo Un uovo al giorno toglie la calvizie di torno. Potrebbe sembrare uno scherzo, ma a sostenerlo sono i dermatologi giapponesi dell’Università di Osaka che sulle pagine del Journal Of Medicinal Food raccontano come un preciso composto contenuto nel tuorlo d’uovo possa stimola...
  • Cancro, chi usa la medicina alternativa ha più probabilità di non farcelaJuly 20, 2018 Cancro, chi usa la medicina alternativa ha più probabilità di non farcela I malati di cancro che utilizzano la medicina alternativa hanno maggiori probabilità di morire. A lanciare l’allarme sulle pagine di Jama Oncology sono stati i ricercatori del Cancer Center di Yale e del Cancer Outcomes, Public Policy and Effectiveness Research Center (Copper) della ...
  • Abbiamo scoperto come funziona un gene anticancroJune 12, 2018 Abbiamo scoperto come funziona un gene anticancro Si chiama p53 ed è il più importante gene nella prevenzione del cancro, tanto da essere stato soprannominato “il guardiano del genoma”. Tuttavia, sebbene sia conosciuto da circa 30 anni per questa sua straordinaria capacità, finora la comunità scientifica s...
  • Cenare prima per prevenire alcuni tipi di cancroJuly 19, 2018 Cenare prima per prevenire alcuni tipi di cancro Cenare prima delle 21:00, e comunque aspettare almeno due ora prima di andare a dormire. Sarebbero queste due armi efficaci per prevenire il cancro al seno e quello alla prostata. A raccontarlo sulle pagine del International Journal of Cancer sono stati i ricercatori del Barcelona Institute for G...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *