Il Regno Unito vuole mettere al bando l’omeopatia: “non funziona”

La notizia era già nell’aria dallo scorso luglio, ma ora è ufficiale: l’omeopatia, insieme ad altri rimedi alternativi (e non solo), è stata inserita nella lista nera delle prescrizioni rimborsabili dal sistema sanitario nazionale inglese. Così dice il responso della commissione di valutazione del National Health Service (Nhs), che ha definito tali trattamenti di “basso valore” e “privi di prove scientifiche di efficacia”.  L’Nhs consiglia dunque al segretario di Stato per la salute Jeremy Hunt di intraprendere azioni che impediscano ai medici di base di prescriverli ai pazienti e che sospendano i rimborsi pubblici anche per terapie già in corso.
Con l’Nhs concordano i rapporti pervenuti dalla British Medical Association e dalla Royal Pharmaceutical Society, e anche il National Institute for Health and Care Excellence ha dichiarato che da tutte le revisioni scientifiche non è emersa “alcuna prova dell’efficacia dell’omeopatia”.
Le prove cliniche, si legge nel resoconto della commissione, dovrebbero prevalere sui racconti aneddotici dei pazienti che sostengono che per loro l’omeopatia funzioni.
A luglio scorso il consiglio di amministrazione dell’Nhs aveva avviato una consultazione su 18 trattamenti di “scarso valore”: oggi 7 di questi sono stati inseriti nella lista nera delle prescrizioni, mentre per gli altri 11 è stata richiesta l’applicazione di restrizioni, che farebbero risparmiare al sistema sanitario nazionale fino a 141 milioni di sterline l’anno.
Oltre ai rimedi omeopatici, la lista nera dell’Nhs include diversi tipi di integratori (da quelli articolari agli acidi grassi Omega-3 fino agli antiossidanti) perché ritenuti di bassa efficacia e sostituibili con la dieta, trattamenti alle erbe, massaggi, ma anche

Articoli correlati

  • Cenare prima per prevenire alcuni tipi di cancroJuly 19, 2018 Cenare prima per prevenire alcuni tipi di cancro Cenare prima delle 21:00, e comunque aspettare almeno due ora prima di andare a dormire. Sarebbero queste due armi efficaci per prevenire il cancro al seno e quello alla prostata. A raccontarlo sulle pagine del International Journal of Cancer sono stati i ricercatori del Barcelona Institute for G...
  • Rischiamo un futuro senza medici?July 23, 2018 Rischiamo un futuro senza medici? Un’autentica emorragia. E le vittime – ironia della sorte – sono gli ospedali italiani. Quelli pubblici, per precisione, perché l’esodo di medici e personale sanitario che rischia di travolgere il nostro sistema sanitario nei prossimi anni in molti casi avrà ...
  • Abbiamo scoperto come funziona un gene anticancroJune 12, 2018 Abbiamo scoperto come funziona un gene anticancro Si chiama p53 ed è il più importante gene nella prevenzione del cancro, tanto da essere stato soprannominato “il guardiano del genoma”. Tuttavia, sebbene sia conosciuto da circa 30 anni per questa sua straordinaria capacità, finora la comunità scientifica s...
  • La transessualità (finalmente) non è più una malattia mentaleJune 20, 2018 La transessualità (finalmente) non è più una malattia mentale L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha appena tolto dalla lista delle malattie mentali la transessualità. Più precisamente, l’agenzia ha deciso di lasciarla comunque all’interno della sua nuova e undicesima versione dell’International Classifi...
  • L’Aifa ritira farmaci per l’ipertensione con il valsartan: sono contaminati con sostanze forse cancerogeneJuly 6, 2018 L’Aifa ritira farmaci per l’ipertensione con il valsartan: sono contaminati con sostanze forse cancerogene Come misura precauzionale, l’Agenzia italiana del farmaco ha disposto l’immediato ritiro di oltre 700 lotti di farmaci per l’ipertensione e l’insufficienza cardiaca, contenenti il principio attivo valsartan. La motivazione sarebbe in un difetto di qualità:...
  • Come torniamo a fidarci della scienza?August 15, 2018 Come torniamo a fidarci della scienza? Qui si parla, ancora una volta, di vaccini e di antivaccinisti; di scienza e politica; di Davide Barillari e di medicina. Ma prima guardiamo questa fotografia: Dovrebbe essere Plutone come fotografato dalla sonda New Horizons nel suo storico rendez-vous del 2016. La domanda è: voi ci...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *