Il Regno Unito vuole mettere al bando l’omeopatia: “non funziona”

La notizia era già nell’aria dallo scorso luglio, ma ora è ufficiale: l’omeopatia, insieme ad altri rimedi alternativi (e non solo), è stata inserita nella lista nera delle prescrizioni rimborsabili dal sistema sanitario nazionale inglese. Così dice il responso della commissione di valutazione del National Health Service (Nhs), che ha definito tali trattamenti di “basso valore” e “privi di prove scientifiche di efficacia”.  L’Nhs consiglia dunque al segretario di Stato per la salute Jeremy Hunt di intraprendere azioni che impediscano ai medici di base di prescriverli ai pazienti e che sospendano i rimborsi pubblici anche per terapie già in corso.
Con l’Nhs concordano i rapporti pervenuti dalla British Medical Association e dalla Royal Pharmaceutical Society, e anche il National Institute for Health and Care Excellence ha dichiarato che da tutte le revisioni scientifiche non è emersa “alcuna prova dell’efficacia dell’omeopatia”.
Le prove cliniche, si legge nel resoconto della commissione, dovrebbero prevalere sui racconti aneddotici dei pazienti che sostengono che per loro l’omeopatia funzioni.
A luglio scorso il consiglio di amministrazione dell’Nhs aveva avviato una consultazione su 18 trattamenti di “scarso valore”: oggi 7 di questi sono stati inseriti nella lista nera delle prescrizioni, mentre per gli altri 11 è stata richiesta l’applicazione di restrizioni, che farebbero risparmiare al sistema sanitario nazionale fino a 141 milioni di sterline l’anno.
Oltre ai rimedi omeopatici, la lista nera dell’Nhs include diversi tipi di integratori (da quelli articolari agli acidi grassi Omega-3 fino agli antiossidanti) perché ritenuti di bassa efficacia e sostituibili con la dieta, trattamenti alle erbe, massaggi, ma anche

Articoli correlati

  • Terapie alternative per smettere di fumare, ancora nessun dato concretoNovember 22, 2017 Terapie alternative per smettere di fumare, ancora nessun dato concreto Chi ci è passato lo sa: smettere di fumare è una delle conquiste più difficili nella vita di una persona. Sarà per questo che, accanto a iter più tradizionali (farmaci, gruppi di supporto, counselling) si ricorre sempre più spesso ai metodi alternativi: d...
  • Droghe, non c’è nessun caso di morte per overdose da marijuanaNovember 17, 2017 Droghe, non c’è nessun caso di morte per overdose da marijuana Sulla stampa statunitense in questi giorni si sta discutendo della morte avvenuta nel 2015 di un bambino di 11 mesi a seguito di una miocardite (infiammazione del cuore). Al di là della tragedia per la perdita di un bimbo così piccolo, cosa c’è di anomalo? Presto detto:...
  • Dislessia, scoperta una possibile causaOctober 18, 2017 Dislessia, scoperta una possibile causa Confondere le p e le b, oppure le d e le q. Sono queste alcune delle tante difficoltà che ogni giorno deve affrontare una persona con dislessia. Ma finora, sebbene ci siano numerosi studi e ipotesi sulla sua possibile origine, la comunità scientifica non ha ancora ben chiaro da cosa...
  • Obesità, alzare di poco i prezzi delle bevande zuccherate ne diminuisce davvero il consumoOctober 17, 2017 Obesità, alzare di poco i prezzi delle bevande zuccherate ne diminuisce davvero il consumo Aumentare il prezzo delle bevande zuccherate, per diminuirne la vendita. A riuscirci è stata una catena di ristoranti italiani del Regno Unito, Jamie’s Italian, che ha aumentato leggermente il costo delle bevande zuccherate, notando un successivo calo delle vendite. Un’operazio...
  • Biotestamento, il glossario essenziale per capire la leggeDecember 15, 2017 Biotestamento, il glossario essenziale per capire la legge Il testamento biologico o biotestamento è ora legge dello Stato. La norma appena approvata consta di otto articoli che toccano temi relativi al fine vita, con l’obiettivo di tutelare la libertà di ogni persona di scegliere se acconsentire a ricevere o rifiutare i trattamenti s...
  • Indipendenza della Catalogna, che fine farebbero le cliniche della fertilità?October 17, 2017 Indipendenza della Catalogna, che fine farebbero le cliniche della fertilità? BARCELLONA – Se la Catalogna diventasse davvero uno stato indipendente, che succederebbe alle migliaia di turisti riproduttivi europei che affollano le cliniche di Barcellona e delle altre città catalane? Lo abbiamo chiesto ad alcune delle più importanti cliniche preferit...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *