Il Regno Unito vuole mettere al bando l’omeopatia: “non funziona”

La notizia era già nell’aria dallo scorso luglio, ma ora è ufficiale: l’omeopatia, insieme ad altri rimedi alternativi (e non solo), è stata inserita nella lista nera delle prescrizioni rimborsabili dal sistema sanitario nazionale inglese. Così dice il responso della commissione di valutazione del National Health Service (Nhs), che ha definito tali trattamenti di “basso valore” e “privi di prove scientifiche di efficacia”.  L’Nhs consiglia dunque al segretario di Stato per la salute Jeremy Hunt di intraprendere azioni che impediscano ai medici di base di prescriverli ai pazienti e che sospendano i rimborsi pubblici anche per terapie già in corso.
Con l’Nhs concordano i rapporti pervenuti dalla British Medical Association e dalla Royal Pharmaceutical Society, e anche il National Institute for Health and Care Excellence ha dichiarato che da tutte le revisioni scientifiche non è emersa “alcuna prova dell’efficacia dell’omeopatia”.
Le prove cliniche, si legge nel resoconto della commissione, dovrebbero prevalere sui racconti aneddotici dei pazienti che sostengono che per loro l’omeopatia funzioni.
A luglio scorso il consiglio di amministrazione dell’Nhs aveva avviato una consultazione su 18 trattamenti di “scarso valore”: oggi 7 di questi sono stati inseriti nella lista nera delle prescrizioni, mentre per gli altri 11 è stata richiesta l’applicazione di restrizioni, che farebbero risparmiare al sistema sanitario nazionale fino a 141 milioni di sterline l’anno.
Oltre ai rimedi omeopatici, la lista nera dell’Nhs include diversi tipi di integratori (da quelli articolari agli acidi grassi Omega-3 fino agli antiossidanti) perché ritenuti di bassa efficacia e sostituibili con la dieta, trattamenti alle erbe, massaggi, ma anche

Articoli correlati

  • Un chatbot che aiuta il medico a curartiMarch 16, 2018 Un chatbot che aiuta il medico a curarti “Si basa sulla conversazione, che è la fondamentale interazione tra pari. In più è veloce ed è un canale innovativo“. Queste le ragioni, secondo la Executive director Business operations & Digital strategy di MSD Italia Ilaria Catalano, alla base della ...
  • Il primo caso di super gonorrea: ecco che cos’èMarch 29, 2018 Il primo caso di super gonorrea: ecco che cos’è Un uomo di nazionalità inglese di ritorno da un viaggio nel Sud Est asiatico si reca in un centro per la salute sessuale per quelli che vengono identificati come i classici sintomi di un’infezione da Neisseria gonorrhoeae, un batterio che causa una delle più comuni malattie a ...
  • Insegnare ad un algoritmo il mestiere del radiologoMarch 16, 2018 Insegnare ad un algoritmo il mestiere del radiologo “Sostanzialmente, un radiologo riconosce delle forme. Questo è un compito che possiamo far svolgere anche a degli algoritmi. A patto, certo, che li abbiamo addestrati correttamente“. Questa la sfida secondo Arturo Chiti, responsabile della Medicina nucleare all’Humanitas ...
  • L’aborto è la prima causa di femminicidio? Decisamente noMay 15, 2018 L’aborto è la prima causa di femminicidio? Decisamente no A pochi giorni dalla Marcia per la vita promossa a Roma dai movimenti pro-life, a una settimana dal 40esimo anniversario dell’introduzione in Italia della legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza e dal referendum irlandese sull’aborto, la nos...
  • Quando la chirurgia finisce in diretta su SnapchatMarch 16, 2018 Quando la chirurgia finisce in diretta su Snapchat “Non abbiamo mai avuto così tante tecnologie che migliorano la medicina e l’assistenza sanitaria”. Parole e musica di Shafi Ahmed, medico al The Royal’s London and St. Bartholomew’s Hospitals e fondatore di Medical Realities. Ma soprattutto il primo chirurgo a...
  • Ho abortito e sto bene. Perché all’aborto si associano sempre sofferenza e colpa?May 22, 2018 Ho abortito e sto bene. Perché all’aborto si associano sempre sofferenza e colpa? (foto: Getty Images)Non ho mai amato gli anniversari ma sono occasioni per controllare lo stato di salute del festeggiato. Quello della legge 194, la legge sull’aborto volontario che il 22 maggio 2918 compie 40 anni, è: febbre alta. Non solo per le percentuali di obiettori di coscien...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *