Google, una class action dal Regno Unito per la raccolta illegale di dati

Più di 5 milioni di persone nel Regno Unito potrebbero avere diritto a un risarcimento da parte di Google, se la class action per la presunta raccolta di dati personali, avrà successo.
Google You Owe Us, gruppo capeggiato da Richard Lloyd, sostiene che il gigante di Mountain View, ha illegalmente raccolto informazioni personali aggirando le impostazioni di privacy predefinite sull’iPhone tra giugno 2011 e febbraio 2012, attraverso il browser Safari.
Sarebbero 5,4 milioni le persone in Gran Bretagna che hanno utilizzato l’iPhone durante questo periodo e potrebbero avere diritto al risarcimento, secondo i promotori e, se la causa andrà in porto, BigG dovrebbe pagare un indennizzo per ogni utente coinvolto.
“Attraverso questa azione, invieremo un messaggio forte a Google e ad altri giganti della tecnologia nella Silicon Valley – ha dichiarato Lloyd – non temiamo di reagire se le nostre leggi vengono infrante” mentre un portavoce di Google, sempre attraverso il Guardian, ha sottolineato che l’azienda ha già affrontato casi simili, rispedendo le accuse al mittente.
 
The post Google, una class action dal Regno Unito per la raccolta illegale di dati appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • Giocare con il (ritmo del) cuoreDecember 20, 2017 Giocare con il (ritmo del) cuore L’avvento delle tecnologie indossabili sta avendo un’enorme ricaduta positiva negli ambiti della salute e della fitness; e non stupirà, dunque, che i più potenti club calcistici del mondo abbiano deciso di sfruttare questi sistemi per monitorare i propri giocatori e rica...
  • L’Europa avanza nel “deep tech”December 3, 2017 L’Europa avanza nel “deep tech” L’Europa ha cambiato marcia. È questo il messaggio che emerge nettissimo da The State of European Tech, la terza edizione del report di Atomico, il fondo di venture capital specializzato nell’hi-tech europeo. “Il nostro settore tecnologico non è mai stato cos&igrav...
  • L’intelligenza artificiale di Google ha iniziato a imparare da solaOctober 19, 2017 L’intelligenza artificiale di Google ha iniziato a imparare da sola Si chiama AlphaGo Zero ed è la nuova versione di intelligenza artificiale di Google, incredibilmente intelligente. Ad annunciarlo sulle pagine di Nature sono stati i ricercatori del DeepMind di Google che hanno spiegato come AlphaGo Zero ha imparato a giocare a Go, il famoso gioco da tavol...
  • Una sala operatoria simulata (con tanto di manichini) per insegnare ai chirurghi di domaniNovember 23, 2017 Una sala operatoria simulata (con tanto di manichini) per insegnare ai chirurghi di domani Chiamarli manichini è riduttivo. Riproducono fedelmente il corpo umano e possono essere programmati per presentare delle complicazioni operatorie. In questo modo, permettono agli studenti dell’Humanitas University di imparare a gestire gli imprevisti che potranno trovarsi ad aff...
  • 50 anni dei linguaggi di programmazione per bambiniDecember 4, 2017 50 anni dei linguaggi di programmazione per bambini var galleryContent5a25ff8621b37 = { "ID": "197296", "title": "50 anni dei linguaggi di programmazione per bambini", "next_gallery_id": -1, "post_url": "https://www.wired.it/attualita/tech/2017/12/04/doodle-linguaggi-programmazione-bambini/", "next_post_id": null, "is_ring": false, "type": ...
  • Buone Feste!, il doodle di Google per il NataleDecember 18, 2017 Buone Feste!, il doodle di Google per il Natale var galleryContent5a3871f1a3a0d = { "ID": "198344", "title": "Buone Feste!, il doodle di Google per il Natale", "next_gallery_id": -1, "post_url": "https://www.wired.it/attualita/tech/2017/12/18/buone-feste-doodle-natale/", "next_post_id": null, "is_ring": false, "type": "", "type_code": ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *