Google, una class action dal Regno Unito per la raccolta illegale di dati

Più di 5 milioni di persone nel Regno Unito potrebbero avere diritto a un risarcimento da parte di Google, se la class action per la presunta raccolta di dati personali, avrà successo.
Google You Owe Us, gruppo capeggiato da Richard Lloyd, sostiene che il gigante di Mountain View, ha illegalmente raccolto informazioni personali aggirando le impostazioni di privacy predefinite sull’iPhone tra giugno 2011 e febbraio 2012, attraverso il browser Safari.
Sarebbero 5,4 milioni le persone in Gran Bretagna che hanno utilizzato l’iPhone durante questo periodo e potrebbero avere diritto al risarcimento, secondo i promotori e, se la causa andrà in porto, BigG dovrebbe pagare un indennizzo per ogni utente coinvolto.
“Attraverso questa azione, invieremo un messaggio forte a Google e ad altri giganti della tecnologia nella Silicon Valley – ha dichiarato Lloyd – non temiamo di reagire se le nostre leggi vengono infrante” mentre un portavoce di Google, sempre attraverso il Guardian, ha sottolineato che l’azienda ha già affrontato casi simili, rispedendo le accuse al mittente.
 
The post Google, una class action dal Regno Unito per la raccolta illegale di dati appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • Il sogno di una European Valley di Casper Klynge, l’ambasciatore danese in Silicon ValleyMarch 17, 2018 Il sogno di una European Valley di Casper Klynge, l’ambasciatore danese in Silicon Valley A pochi mesi dalla sua nomina ha già fatto il giro del mondo per incontrare aziende e istituzioni. Casper Klynge è l’ambasciatore danese in Silicon Valley, dove ha la sua base operativa. Ma chi si aspetta di trovarsi di fronte uno smanettone o uno startupper si sbaglia. K...
  • Dopo il caso Facebook fuga di clienti: Cambridge Analytica chiudeMay 3, 2018 Dopo il caso Facebook fuga di clienti: Cambridge Analytica chiude Cambridge Analytica si appresta a chiudere. Diventata oggetto di scandalo in seguito all’uso dei dati di milioni di americani per scopi elettorali, si è piegata alla fuga di clienti e al conto salato delle spese legali. “Negli ultimi mesi – fa sapere l’azienda &ndas...
  • Connected City: la città del futuro passa attraverso dati e tecnologiaMay 31, 2018 Connected City: la città del futuro passa attraverso dati e tecnologia Il 6 giugno alle Officine Grandi Riparazioni di Torino al via la prima edizione del programma nazionale di open innovation di Talent Garden che chiama a raccolta i protagonisti della città per condividere idee e identificare progetti che possano contribuire all’evoluzione della citt&...
  • I dati sono il nuovo petrolio: e se li nazionalizzassimo?April 7, 2018 I dati sono il nuovo petrolio: e se li nazionalizzassimo? Foto: pixabayQuella dei big data è un’industria estrattiva: così come si ricava il petrolio dalle profondità del suolo o il carbone dalle miniere, i nostri dati personali vengono estratti in forma grezza da internet e poi raffinati (o meglio, aggregati) per creare conos...
  • In Puglia volano alto le ambizioni nel settore aerospazioMarch 18, 2018 In Puglia volano alto le ambizioni nel settore aerospazio Il settore dell’aerospazio ha un peso specifico nella competitività economica pugliese e nei prossimi anni scenari interessanti potrebbero aprirsi se alcune priorità strategiche di azione si tradurranno in realtà. Sono quelle individuate nel documento di visione present...
  • Un bug sta paralizzando le poste francesiApril 9, 2018 Un bug sta paralizzando le poste francesi (Immagini: pixabay/CC)Le Poste francesi sono bloccate. Nessuno sportello è operativo, a causa di un bug che rende inutilizzabili i computer e i software adoperati dal gruppo transalpino per la propria operatività. I media locali, riportano però che le risorse web e i ban...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *