Google, una class action dal Regno Unito per la raccolta illegale di dati

Più di 5 milioni di persone nel Regno Unito potrebbero avere diritto a un risarcimento da parte di Google, se la class action per la presunta raccolta di dati personali, avrà successo.
Google You Owe Us, gruppo capeggiato da Richard Lloyd, sostiene che il gigante di Mountain View, ha illegalmente raccolto informazioni personali aggirando le impostazioni di privacy predefinite sull’iPhone tra giugno 2011 e febbraio 2012, attraverso il browser Safari.
Sarebbero 5,4 milioni le persone in Gran Bretagna che hanno utilizzato l’iPhone durante questo periodo e potrebbero avere diritto al risarcimento, secondo i promotori e, se la causa andrà in porto, BigG dovrebbe pagare un indennizzo per ogni utente coinvolto.
“Attraverso questa azione, invieremo un messaggio forte a Google e ad altri giganti della tecnologia nella Silicon Valley – ha dichiarato Lloyd – non temiamo di reagire se le nostre leggi vengono infrante” mentre un portavoce di Google, sempre attraverso il Guardian, ha sottolineato che l’azienda ha già affrontato casi simili, rispedendo le accuse al mittente.
 
The post Google, una class action dal Regno Unito per la raccolta illegale di dati appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • L’intelligenza artificiale di Google contro gli abusi su minoriSeptember 4, 2018 L’intelligenza artificiale di Google contro gli abusi su minori (Foto: Chesnot/Getty Images)I giganti del web hanno a cuore la delicata questione degli abusi sessuali sui minori, compito ingrato svolto da moderatori umani che si affannano a riconoscere, individuare e rimuovere contenuti illeciti. Google ha annunciato di essere in procinto di rilasciare un sof...
  • Il nuovo Waterfront di Porto Cervo punta sulla realtà virtualeJuly 4, 2018 Il nuovo Waterfront di Porto Cervo punta sulla realtà virtuale È stato inagurato lo scorso venerdì a Porto Cervo, in Sardegna, il nuovo Waterfront, una passeggiata nella zona del porticciolo della celebre località della Costa Smeralda che è anche un luxury temporary store, dove un palinsesto di intrattenimento e contenuti costruit...
  • Perché Google e gli altri big non possono fare a meno della CinaSeptember 3, 2018 Perché Google e gli altri big non possono fare a meno della Cina Enrico IV di Borbone è passato alla storia per la frase “Parigi val bene una messa”: cioè convertirsi, lui che era protestante, al cattolicesimo per ascendere al trono di Francia al termine della guerra dei tre Enrichi. La domanda, dopo quasi cinque secoli, rimane sempre...
  • Facebook chiede alle banche i dati dei clientiAugust 8, 2018 Facebook chiede alle banche i dati dei clienti Facebook ha chiesto alle principali banche statunitensi di condividere informazioni finanziarie dettagliate sui loro clienti, comprese le transazioni con carta di credito e i saldi dei conti correnti al fine di offrire nuovi servizi agli utenti. Facebook, riporta il Wall Street Jou...
  • Arriva anche in Italia la polizia predittiva?July 6, 2018 Arriva anche in Italia la polizia predittiva? Il futuro più inquietante dell’intelligenza artificiale potrebbe scaturire da un pezzetto di cervello di un topo tenuto ex vivo e attaccato a dei micro elettrodi. È studiandone le sue reazioni agli stimoli che infatti gli scienziati del Cnr fiorentino insieme ai coll...
  • L’intelligenza artificiale avrà dei sentimenti?August 13, 2018 L’intelligenza artificiale avrà dei sentimenti? Pubblichiamo di seguito un estratto dal libro La guerra delle intelligenze, di Laurent Alexandre (EDT, 18 euro, 307 pagg). Tutti i diritti riservati all’editore EDT. —————————————– Nonostante quanto sostenga...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *