auto
L’industria dell’auto inglese verso una nuova crisi dopo la rinascita degli scorsi anni. E la colpa sarà di Brexit e delle difficoltà nel trovare un accordo tra Regno Unito e Unione Europea. Secondo media britannici, l’offerta di Londra per pagare la bolletta del divorzio si colloca tra 45 e 55 miliardi di euro, più alta rispetto l’offerta iniziale di 20 miliardi, subito respinta dalla Ue, e di un conto europeo che si aggirerebbe su circa 60 miliardi. La mancanza di un accordo è stata definita senza mezzi termini «disastrosa» da Steven Armstrong, presidente di Ford Europa che in un’intervista televsiva ha dichiarato che l’ovale blu, che nel Regno Unito vanta una solida presenza, potrebbe ripensare i suoi piani d’investimento se la Gran Bretagna non resterà competitiva.
L’allarme dei vertici di Ford segue quello dell’associazione dei costruttori e dei distributori di autovetture. Infatti, Tony Walker, presidente della Society of Motor Manufacturers and Traders, si legge su Automotive News Europa, ha dichiarato di aver lanciato un chiaro e preoccupato segnale al governo di Londra sostenendo che gli attriti con l’Ue potrebbero distruggere facilmente gli sforzi fatti per fare del Regno Unito una Paese chiave dell’industria dell’auto e a rischio non c’è solo la competitività della filiera automotoristica del Regno Unito, ma anche migliaia di posti di lavoro, investimenti enormi di case straniere (da Ford a Nissan, da Toyota a Bmw fino a Volkswagen) e di costruttori inglesi come Jaguar Land Rover controllata dall’indiana Tata Motor.
L’articolo Brexit, la crisi del polo dell’auto in Gran

Articoli correlati

  • Nuova Ford Focus, la prova: un concentrato di hi-techJuly 17, 2018 Nuova Ford Focus, la prova: un concentrato di hi-tech A 20 anni di distanza dalla prima edizione la nuova Focus si distingue grazie a una bellezza sobria, a cui non manca nulla e di cui ci si lascia prendere a poco a poco. L’auto è costruita sulla base della piattaforma globale C2 progettata per ottimizzare la reattività in caso ...
  • Una donna fa causa alla Nasa per tenersi una fiala di polvere dalla LunaJune 14, 2018 Una donna fa causa alla Nasa per tenersi una fiala di polvere dalla Luna Una causa federale (forse) deciderà se i privati cittadini possono possedere materiale dalla Luna. Laura Cicco, una donna del Tennessee, sostiene di aver ricevuto in dono da Neil Armstrong in persona (quasi 50 anni fa) una fiala contenente polvere lunare e, per paura che le venga confiscat...
  • Rabbia Furiosa, da vero B movie, sceglie la violenza come cifra stilisticaJune 6, 2018 Rabbia Furiosa, da vero B movie, sceglie la violenza come cifra stilistica Rabbia furiosa è un instant cult. Esce questa settimana nei cinema ma ha già le caratteristiche del film di culto che altri hanno impiegato anni a guadagnare. Uscito a distanza ravvicinata da Dogman, racconta la storia del Canaro della Magliana “per davvero” come sottoli...
  • Iliad arriva con le tariffe low cost: il confronto con gli altri operatoriMay 30, 2018 Iliad arriva con le tariffe low cost: il confronto con gli altri operatori IliadLo sbarco in Italia di Iliad, con la sua offerta-killer da 5,99 euro per minuti e sms illimitati in Italia (e verso fissi in Europa e fissi e mobili in Usa e Canada) con 30 giga di traffico dati rinforzato da 2 giga per i viaggi europei, promette di livellare ancora di più i prezzi de...
  • C’è ghiaccio sui poli della LunaAugust 21, 2018 C’è ghiaccio sui poli della Luna (foto: Nasa)Tanti pallini blu, concentrati in prossimità dei poli, all’ombra dei crateri, nelle zone più fredde della Luna. Tutti quei pallini in evidenza nelle foto appena diffuse dalla Nasa corrispondono a tutte le zone in cui è presente ghiaccio sui poli lunari. La p...
  • Com’è nata la teoria del complotto del falso allunaggio?July 21, 2018 Com’è nata la teoria del complotto del falso allunaggio? L’allunaggio trasmesso dalla CBS Foto: CBS Photo Archive.Il 20 luglio 1969 l’Eagle, modulo lunare dell’Apollo 11, toccava la superficie lunare. Il giorno dopo l’allunaggio, Neil Armstrong metteva piede sulla Luna, seguito poco dopo da Buzz Aldrin. Dopo aver piantanto la ba...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *